Da Google un robot per usi generici capace di “ragionare”

Si tratta di una svolta nella robotica: grazie a modelli linguistici avanzati, il robot è in grado di eseguire compiti ambigui [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

Google robot
  1. Home
  2. News
  3. Da Google un robot per usi generici capace di “ragionare”

Google ha svelato un robot per usi generici che esegue compiti ambigui che richiedono un ragionamento, del tipo: “ho versato il mio drink, puoi aiutarmi?”. Un avanzamento sui comandi brevi e semplici che i robot in genere seguono.

Il robot è alimentato da PaLM-SayCan, un modello di intelligenza artificiale che sposa la comprensione di un modello linguistico avanzato (ciò che alimenta Google Assistant) con l’abilità fisica di un robot che naviga tra i limiti del mondo reale. Il robot è stato sviluppato con Everyday Robots, una unità di Alphabet, la casa madre di Google.

Il progetto porta l’azienda più vicino allo sviluppo di robot per le attività quotidiane rispetto ai robot industriali che popolano le fabbriche. I ricercatori sperano anche di migliorare i modelli linguistici per renderli utili per la distribuzione nel mondo fisico.

I modelli linguistici come GPT-3 possono conversare con l’utente, ma le loro risposte potrebbero non essere le più pratiche o sicure poiché non sono radicate nel mondo reale. In risposta alla richiesta di aiuto dopo una bevanda versata, ad esempio, GPT-3 ha risposto: “potresti provare a usare un aspirapolvere”. Ma questo potrebbe non essere il modo più pratico da seguire per il robot…

For helper robots, the smallest things can be the hardest to grasp

Video Google

Come funziona il robot di Google

Il robot di Google suddivide un’attività richiesta in piccoli passaggi e determina il mezzo migliore e più veloce per svolgerla. Il bot utilizza sensori audio e visivi per navigare autonomamente in uno spazio e identificare elementi e aree rilevanti per il comando.

WHITEPAPER
La RPA in 9 step: da dove si comincia?
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

Le capacità linguistiche dei robot sono state sviluppate utilizzando una varietà di siti, tra cui Wikipedia e i social media, consentendo loro di interpretare i comandi vocali e rispondere di conseguenza.

Svelato ai giornalisti all’inizio di agosto, il robot è stato annunciato come una svolta nella creazione di bot multiuso facilmente controllabili.

“I nostri robot sono dotati di un mix di diverse telecamere e sensori per catturare il mondo che li circonda”, ha scritto Everyday Robots in un blog. “Utilizzando una combinazione di tecniche di apprendimento automatico come l’apprendimento per rinforzo, l’apprendimento collaborativo e l’apprendimento dalla dimostrazione, i robot hanno costantemente acquisito una migliore comprensione del mondo che li circonda e diventano più abili nello svolgere le attività quotidiane”. Come con altri robot intelligenti, si aspettano preoccupazioni sulla privacy e la sicurezza degli utenti. Google si dice consapevole di questi fattori, mentre sta sviluppando ulteriormente i robot.

 

FacebookTwitterLinkedIn