ANALISI

L’AI sconvolgerà il mondo del lavoro: e allora tassiamola



Indirizzo copiato

I posti di lavoro saranno sostituiti o cancellati dal prossimo capitolo della rivoluzione tecnologica e le aziende devono condividere i costi sociali: è l’idea di Marietje Schaake, direttrice delle politiche internazionali del Cyber Policy Center dell’Università di Stanford e consulente speciale della Commissione europea

Pubblicato il 10 gen 2024




È stato Elon Musk a sollevare la questione del futuro del lavoro, a margine del summit sulla sicurezza dell’AI del 2023. In una conversazione con il primo ministro britannico Rishi Sunak, ha accennato con disinvoltura al fatto che dobbiamo prevedere una società in cui “nessun lavoro sarà necessario”.

Marietje Schaake

La questione ha sollevato l’attenzione di Marietje Schaake, direttrice delle politiche internazionali del Cyber Policy Center dell’Università di Stanford e consulente speciale della Commissione europea, che in un articolo sul Financial Times ha scritto: “Il riverbero di questa affermazione è inimmaginabile”.

Una tassa sull’intelligenza artificiale per bilanciare la perdita di posti di lavoro

Nel suo articolo, Schaake fa notare che non sono solo i “fanatici della tecnologia” come Musk a prevedere grandi sconvolgimenti. Uno studio di Goldman Sachs prevede quasi 7 miliardi di dollari di crescita aggiuntiva per l’economia globale nell’arco di 10 anni, a fronte della messa a rischio da parte dell’AI di circa due terzi dei posti di lavoro negli Stati Uniti. McKinsey prevede che nei prossimi sei anni l’automazione interesserà fino al 30% delle ore lavorate in America. Dodici milioni di persone saranno interessate da “transizioni occupazionali”, oltre a quelle che stanno già affrontando l’obsolescenza.

“Dopo anni di lotte, è finalmente entrata in vigore un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società pari al 15%. Esiste una serie di soluzioni di politica pubblica che i previsti 220 miliardi di dollari di incasso annuale possono aiutare a risolvere. Ma anche se l’inchiostro sull’accordo è appena asciutto, è ora di iniziare a parlare di un nuovo trattato: mirato alle società di intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale generativa sta già portando una serie di sfide sociali. La perdita di posti di lavoro a livello globale è uno dei principali effetti previsti”, scrive Schaake.

I consulenti sono ottimisti sul fatto che l’AI “migliorerà” i posti di lavoro anziché sostituirli, ma una ricerca di ResumeBuilder ha rilevato che più di un terzo dei dirigenti aziendali afferma che l’AI ha già sostituito dei lavoratori nel 2023. Sebbene gli scenari siano diversi, tutti segnalano tendenze simili. I posti di lavoro saranno spostati e, anche se a lungo termine ci potrebbe essere un vantaggio economico, la transizione richiederà sforzi significativi da parte delle politiche pubbliche. “I governi devono analizzare le specificità delle loro economie nazionali e prevedere l’impatto dell’AI, settore per settore”, scrive la consulente della Commissione europea.

software automation

I cambiamenti prodotti dall’AI a livello aziendale

Anche a livello aziendale si stanno verificando cambiamenti senza precedenti. Negli Stati Uniti, le aziende tecnologiche hanno contribuito alla crescita del prodotto interno lordo nel 2023, ma l’AI minaccia di esacerbare la concentrazione del capitale nelle mani di un numero ancora minore di aziende. In un documento per il FMI, Daron Acemoğlu e Simon Johnson fanno notare: “Negli ultimi quattro decenni, l’automazione ha aumentato la produttività e moltiplicato i profitti aziendali, ma non ha portato a una prosperità condivisa nei Paesi industriali”. Senza un intervento, quindi, il prossimo capitolo della rivoluzione tecnologica rischia di privatizzare ancora una volta i profitti e di far ricadere sulla collettività i costi della mitigazione dei suoi danni. Pagare il welfare e riqualificare i lavoratori licenziati non sono solo svantaggi economici: segnalano il tipo di cambiamenti sociali che facilmente portano a disordini politici.

“Per riequilibrare l’impatto costi-benefici dell’AI a favore della società – e per assicurarsi che la risposta necessaria sia accessibile a tutti – tassare le aziende di AI è l’unico passo logico”, afferma Schaake. Poi cita Bernie Sanders e Bill Gates, che in passato hanno entrambi proposto una tassa sui robot che distruggono posti di lavoro e aggiunge che “è necessaria una versione aggiornata del loro piano, che tenga conto dei progressi dell’AI generativa”.

Conclusioni

Secondo Schaake – che tra il 2009 e il 2019 è stata membro del Parlamento europeo per il partito liberaldemocratico olandese, dove si è occupata di commercio, affari esteri e politiche tecnologiche ed è membro del consiglio di amministrazione di numerose organizzazioni no-profit, tra cui MERICS, ECFR, ORF e AccessNow – il dibattito che porti a un consenso politico globale dovrebbe iniziare ora e potrebbe richiedere anni. “È necessario raggiungere un accordo sulla percentuale di ricavi o profitti da tassare e sullo scopo dell’imposta: dovrebbe essere incentrata sulla riduzione della perdita di posti di lavoro in particolare o sull’affrontare i molteplici impatti sociali dell’AI in senso più ampio?” Cina e Stati Uniti sono entrambi leader nello sviluppo dell’AI e non hanno ancora implementato regole sull’aliquota minima dell’imposta sulle società a livello nazionale, gli incentivi e l’applicazione dovranno essere efficaci. “Considerando i costi imminenti per la società, la questione di una tassa mirata per le aziende di AI che fatturano miliardi di dollari non può aspettare”, conclude Schaake.

Articoli correlati

Articolo 1 di 3