ANALISI

McKinsey: l’irresistibile ascesa dell’AI generativa



Indirizzo copiato

In un articolo pubblicato a fine agosto 2023, la società di ricerca ne mette in luce le funzionalità più rilevanti, basandosi su diversi report recenti, a dimostrazione dell’importanza crescente di questa tecnologia e le sue implicazioni in diversi settori economici

Pubblicato il 15 set 2023

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant//BCI Cyber Resilience Committee Member/CLUSIT Scientific Committee Member/BeDisruptive Training Center Director/ENIA – Comitato Scientifico




L’AI gen sta progredendo a ritmo incessante. Dall’introduzione di ChatGPT alla fine del 2022, sono state rilasciate numerose iterazioni mensili dell’AI generativa.

La società di ricerche McKinsey ha recentemente pubblicato un articolo che fornisce una panoramica dettagliata sugli effetti dell’AI generativa in diversi settori. Basandosi su importanti report recenti, l’articolo presenta 15 punti chiave che evidenziano le implicazioni e le opportunità dell’AI generativa in vari ambiti. Scopriamo di cosa si tratta.

1. L’AI generativa sta evolvendo velocemente

Solo nel mese di marzo 2023, sono stati compiuti sei importanti passi avanti, come illustrato nella figura sottostante, che includono nuove soluzioni per la gestione delle relazioni con i clienti e il supporto nel settore dei servizi finanziari. L’evoluzione rapida dell’AI gen apre, quindi, nuove prospettive e opportunità.

Chart 1

2. AI Gen, performance sempre più simili a quelle umane

La tecnologia dell’AI Gen sta facendo progressi straordinari, tanto da far prevedere che raggiungerà prestazioni comparabili a quelle umane entro il 2040. In particolare, si stima che la sua capacità di completare varie attività sarà in competizione con il 25% delle persone più competenti. Questo traguardo è addirittura anticipato di 40 anni rispetto alle precedenti previsioni degli esperti, rendendo l’AI Gen ancora più affascinante.

Immagine che contiene testo, schermata, software, Icona del computer Descrizione generata automaticamente

Chart 2

3. Automazione del lavoro basato sulla conoscenza

Se in passato le tecnologie di automazione hanno impattato principalmente le attività lavorative fisiche, l’AI gen è destinata a influenzare il lavoro basato sulla conoscenza, soprattutto, le attività che coinvolgono le capacità decisionali e la collaborazione. Ne consegue che, i professionisti dei settori dell’istruzione, del diritto, della tecnologia e delle arti potrebbero vedere parti dei loro lavori automatizzate prima di quanto precedentemente previsto a fronte delle capacità dell’AI gen di prevedere modelli nel linguaggio naturale e di utilizzarlo in modo dinamico.

Chart 3

4. App di AI gen: casi d’uso specifici in crescita

Gli strumenti di AI gen attuali sono in grado di generare una vasta gamma di contenuti, tra cui testi, immagini, video, audio e codice. Inoltre, sempre più aziende stanno sviluppando applicazioni specifiche per affrontare casi d’uso in diversi settori. Questo indica che nel futuro avremo a disposizione applicazioni mirate a settori e funzioni specifiche, in grado di offrire un valore superiore rispetto a soluzioni più generiche.

Chart 4

5. Le industrie che trarranno maggior beneficio e guadagni dall’AI gen

L’impatto dell’AI gen dipenderà da una serie di fattori, quali: la combinazione e l’importanza delle diverse funzioni aziendali, la scala dei ricavi in base al settore. Si ritiene che quasi tutti i settori industriali registreranno benefici significativi dalla diffusione della tecnologia nelle funzioni di marketing e vendite. Tuttavia, sia il settore dell’alta tecnologia sia quello bancario sono destinati a registrare un impatto ancora maggiore grazie al potenziale dell’AI gen nell’accelerare lo sviluppo del software.

Chart 5

6. L’importanza di identificare i casi d’uso che offrono il maggior valore al proprio settore

Comprendere il potenziale economico dell’IA gen per ottimizzare la produttività è di estrema importanza per qualsiasi organizzazione. Pertanto, è fondamentale individuare i casi d’uso con il maggior potenziale di valore – come ad esempio nel settore bancario, delle scienze della vita, del commercio al dettaglio e dei beni di consumo – in modo da avere una visione completa per valutare le potenzialità dell’AI gen nel proprio settore e sfruttare appieno le opportunità offerte da questa tecnologia.

Chart 6

7. L’AI gen sottoutilizzata nonostante il suo grande potenziale commerciale

Nonostante il 90% dei leader del marketing e delle vendite ritenga che l’utilizzo frequente dell’AI gen o del machine learning sia essenziale per le attività commerciali della propria organizzazione, il 60% ha ammesso che queste tecnologie vengono utilizzate raramente o addirittura mai. Ciò indica un divario significativo tra la consapevolezza del potenziale dell’AI gen e la sua effettiva adozione nelle organizzazioni.

Chart 7

8. L’entusiasmo dei leader del marketing e delle vendite per l’AI gen è evidente

I leader del marketing e delle vendite sono entusiasti dell’utilizzo dell’AI gen in diversi casi d’uso, come l’identificazione dei lead, l’ottimizzazione del marketing e il coinvolgimento personalizzato; mentre prevedono un impatto almeno moderato per ognuno degli altri casi d’uso suggeriti da McKinsey. Questo dimostra l’entusiasmo e la fiducia dei leader nel potenziale dell’AI gen per migliorare l’efficacia delle attività di marketing e vendita.

Chart 8

9. Il potenziale dell’AI gen potrebbe rendere il software engineering più efficiente

McKinsey ha fatto testare strumenti basati sull’AI gen a 40 dei suoi sviluppatori i quali hanno potuto riscontrare una velocizzazione di molte comuni attività. La documentazione della funzionalità del codice per la manutenibilità (i.e. attività che considera quanto facilmente il codice possa essere migliorato) può essere completata in metà del tempo, così come la scrittura di nuovo, mentre l’ottimizzazione del codice esistente (chiamata re-factoring del codice) può essere realizzata in circa i due terzi del tempo.

Chart 9

10. L’AI gen strategica per gli sviluppatori

Secondo una ricerca condotta da McKinsey, fornire agli sviluppatori gli strumenti adeguati a massimizzare la loro produttività ha dimostrato di avere un impatto significativo sulla loro esperienza lavorativa. Questo può aiutare le organizzazioni a trattenere i migliori talenti nel settore. Inoltre, gli sviluppatori che utilizzano strumenti basati sull’AI gen sono più del doppio propensi a segnalare un aumento della felicità, della soddisfazione e del senso di controllo sul proprio ruolo. Questo è possibile grazie alla capacità degli strumenti di automatizzare le attività ripetitive, consentendo agli sviluppatori di concentrarsi su compiti più gratificanti e di ottenere informazioni più rapidamente rispetto alla ricerca su diverse piattaforme online.

Chart 10

11. Più lavoratori utilizzano gli strumenti di IA gen

Secondo un recente sondaggio condotto da McKinsey, la stragrande maggioranza dei lavoratori, in vari settori e aree geografiche, ha provato almeno una volta gli strumenti di AI gen sia sul lavoro sia nella vita quotidiana. Ciò che sorprende è che i baby boomer affermano di utilizzare gli strumenti di AI gen per il lavoro più dei millennials. Un dato che evidenzia l’ampia adozione e l’importanza sempre maggiore dell’AI gen in diversi contesti lavorativi, indipendentemente dall’età dei lavoratori.

Chart 11

12. Colmare il talent gap nell’AI Gen: sfide e strategie per le organizzazioni

L’adozione dell’AI gen da parte delle organizzazioni richiede la presenza di personale competente, ovvero individui che abbiano una conoscenza approfondita di questa tecnologia. Attualmente, si registra una divergenza significativa tra l’offerta e la domanda di lavoratori qualificati nell’AI gen, rendendo difficile per le organizzazioni trovare personale adeguatamente preparato. Per colmare questa lacuna di talenti, le organizzazioni dovrebbero concentrarsi sulla retention, offrendo esperienze lavorative gratificanti ai lavoratori competenti nell’AI gen che assumono, contribuendo, così, a mantenere e attrarre i migliori talenti.

Chart 12

13. Avanti con prudenza: gestire i rischi dell’AI gen

Le possibilità offerte dall’AI gen sono entusiasmanti, ma come ogni nuova tecnologia, comporta anche dei rischi. L’AI gen, ad esempio, potrebbe generare contenuti tendenziosi, contenere informazioni errate o violare il copyright. Pertanto, le organizzazioni – prima di adottare pienamente gli strumenti basati sull’AI gen – dovrebbero valutare attentamente i rischi reputazionali e legali ai quali potrebbero essere esposte. Una strategia per mitigare questi rischi è mantenere un controllo umano, ovvero assicurarsi che un essere umano verifichi ogni output generato dall’AI gen prima della pubblicazione o dell’utilizzo. Questo approccio aiuta a garantire un uso responsabile e consapevole dell’AI gen.

Chart 12

14. L’AI gen: un mercato in crescita economica globale

Secondo McKinsey, l’AI gen potrebbe portare a un significativo aumento della produttività del lavoro in tutti i settori economici. Tuttavia, affinché questo aumento di produttività si traduca in benefici concreti, i lavoratori – il cui lavoro è influenzato da questa tecnologia – dovranno adattarsi ad altre attività che consentano loro di mantenere almeno i livelli di produttività del 2022. Ciò richiede un supporto attivo per aiutare i lavoratori a sviluppare nuove competenze e, in alcuni casi, a cambiare settore di occupazione. Solo così sarà possibile ottenere una crescita più forte del PIL globale e trasformare il mondo in un luogo più sostenibile e inclusivo.

Chart 14

15. AI gen: uno degli aspetti delle potenzialità dell’AI

La Gen AI rappresenta un grande passo avanti, ma le analisi avanzate tradizionali e l’apprendimento automatico continuano a rappresentare la maggior parte dell’ottimizzazione dei compiti e continuano a trovare nuove applicazioni in una vasta gamma di settori. Le organizzazioni che si stanno trasformando digitalmente e nell’ambito dell’AI farebbero bene a tenere d’occhio la Gen AI, ma senza escludere altri strumenti di intelligenza artificiale. Solo perché non fanno notizia non significa che non possano essere utilizzati per aumentare la produttività e, in definitiva, il valore.

L’AI Gen rappresenta sicuramente un passo avanti significativo. Tuttavia, non possiamo trascurare il fatto che le analisi avanzate e l’apprendimento automatico tradizionale continuano ad essere al centro dell’ottimizzazione dei compiti e a trovare nuove applicazioni in una vasta gamma di settori. Di fatto, le organizzazioni, sfruttando una combinazione di AI gen e tecniche di AI tradizionali, possono ottenere una produttività migliorata e generare valore nelle loro trasformazioni digitali e di AI.

È importante adottare un approccio olistico e considerare tutti gli strumenti di AI disponibili per trovare le migliori soluzioni, per ottimizzare le attività e per raggiungere gli obiettivi desiderati.

Chart 15

Riflessioni

L’AI gen è emersa nella nostra consapevolezza e ha il potere di cambiare la nostra vita lavorativa in modi apparentemente inimmaginabili solo poco tempo fa. Tuttavia, il successo nell’uso di queste tecnologie dipenderà dalle aziende che sapranno sfruttare anche le capacità umane come la creatività, la curiosità e la compassione.

Di fatto si tratta di comprendere come l’uomo e le macchine possano collaborare più efficacemente, affinché le capacità umane vengano potenziate.

Secondo i ricercatori del MIT Sloane School, l’aggiunta di un “quoziente di creatività” da parte degli esseri umani è essenziale per sfruttare appieno le tecnologie come l’AI gen. Ciò richiederà un cambiamento di paradigma nelle organizzazioni, con la creazione di processi, pratiche e politiche che favoriscano la creatività delle persone al fine di massimizzare il potere delle tecnologie trasformative.

La creatività umana riveste un ruolo fondamentale nel fornire approfondimenti interdisciplinari e nel creare connessioni tra settori diversi, permettendo all’AI, consentendo all’AI gen di generare un vantaggio competitivo sostenibile. Inoltre, gli utenti, per proteggersi dai pregiudizi, dovranno sviluppare una “curiosità immersiva”, un’abilità che respinge i pregiudizi e richiede sforzi maggiori.

È importante sottolineare che nessuna organizzazione o individuo, nemmeno gli sviluppatori che hanno creato il codice, può considerarsi esperto completo nel campo dell’AI gen. Poiché questa tecnologia è ancora in evoluzione, i governi e gli organismi di regolamentazione devono impegnarsi nella definizione di regole sull’uso degli strumenti di AI generale, approfondendo la comprensione di questa tecnologia. Non possiamo permetterci di rimanere indifferenti di fronte alla creazione di un mondo sempre più digitale.

Dobbiamo mantenere la nostra attenzione e vigilanza, poiché l’ignoranza potrebbe portare a errori disastrosi. È cruciale comprendere le trasformazioni tecnologiche che stanno avvenendo sotto i nostri occhi se vogliamo guidare la rivoluzione digitale verso una direzione socialmente equa e sostenibile. Tutto ciò richiederà uno sforzo collaborativo e un impegno costante da parte di tutte le parti interessate.

Articoli correlati

Articolo 1 di 3