FacebookTwitterLinkedIn

MAI, i Martedì dell’AI: videonews e webinar on demand dedicati all’Artificial Intelligence

AI4BUSINESS e il Network DIGITAL360 lanciano MAI – i Martedì dell’Artificial Intelligence. Una serie di WEB TALK & SHOW per toccare con mano tutte le potenzialità (attuali e future) dell’Intelligenza Artificiale applicata al mondo del business

MAI - i Martedì dell'AI
Redazione - @AI4Business_it

2019: i nuovi format di MAI, i Martedì dell’AI

A partire dal 2019 MAI, i Martedì dell’AI diventa un format di videonews settimanali – in uscita ogni martedì – dedicate al mondo dell’intelligenza artificiale: notizie che provengono dal Network Digital360, dalle riviste scientifiche e dai portali dedicati alla ricerca scientifica (non solo tecnologica).

I Web Talk mensili, concept che ha caratterizzato la natura di MAI nel 2018, rimangono appuntamenti di approfondimento e continueranno ad essere disponibili, on demand, ogni mese.

 

PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTI GLI APPUNTAMENTI DI #MAI E LE PUNTATE DI #MAIVIDEONEWS ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

MAI, i Martedì dell’AI: le MAIvideonews

#MAIvideonews – 21 maggio 2019 – MAI #8

Una puntata diversa; questa volta MAI, i Martedì dell’AI è dedicata ad alcune considerazioni che il direttore di AI4Business, Nicoletta Boldrini, desidera condividere dopo la conduzione del convegno dedicato all’intelligenza artificiale durante l’edizione 2019 di ForumPA. La fotografia che emerge è di un’Italia che, seppur a macchia di leopardo, sta cercando di capire e sperimentare le tecnologie dell’AI per trarne il meglio a beneficio di una Pubblica Amministrazione più efficiente ed efficace.

 

#MAIvideonews – 7 maggio 2019 – MAI #7

Nella settima puntata di MAIvideonews si parla di:

  • L’intelligenza artificiale consente di fare enormi passi in avanti nella sintesi molecolare
  • Guida autonoma, Leonardo e PoliHub lanciano un hackathon per i millennials
  • ForumPA: la Pubblica Amministrazione alla sfida dell’Intelligenza artificiale

 

 

#MAIvideonews – 26 marzo 2019 – MAI #6

Nella sesta puntata di MAIvideonews si parla di:

  • Sviluppare un progetto di intelligenza artificiale: un framework per capire come fare e quali step seguire
  • Alleanza Italia-Slovenia su Big Data e supercomputer
  • Auto a guida autonoma, al via i test sulle strade pubbliche

 

#MAIvideonews – 19 marzo 2019 – MAI #5

Nella quinta puntata di MAIvideonews si parla di:

  • La Blockchain per rendere gli algoritmi di intelligenza artificiale più affidabili
  • Selezione personale con l’intelligenza artificiale: sviluppi e rischi futuri
  • Big Data e Machine Learning per combattere le frodi

 

#MAIvideonews – 12 marzo 2019 – MAI #4

Nella quarta puntata di MAIvideonews si parla di:

  • IoT e Big Data per correre la maratona di Roma (dopo quella di New York)
  • Fintech: matrimonio tra IA e banche (alcuni casi concreti di utilizzo dell’intelligenza artificiale nel mondo finanziario)
  • Come evitare i pregiudizi nelle intelligenze artificiali sfruttando agile test e peer-review

 

 

#MAIvideonews – 26 febbraio 2019 – MAI #3

Nella terza puntata di MAIvideonews si parla di:

  • Nuova luce sui sistemi esperti: stiamo vivendo una sorta di “revival” delle reti neurali. Nate nei primi anni ’40 del secolo scorso hanno avuto diverse ondate di interesse, accademico ma anche industriale. Oggi grazie all’avanzamento del deep learning si torna a parlare di reti neurali e con esse, seppur erroneamente, si è tornati a parlare di sistemi esperti. La nuova luce sulle reti neurali fa bene anche a tecnologie già mature come quelle dei sistemi esperti che – grazie al ritrovato interesse – stanno prendendo piede in molte applicazioni, come quelle per la configurazione di prodotti complessi.
  • Gartner: 10 trend che cambiano il volto degli Analytics (con lo zampino dell’AI): la prossima evoluzione tecnologica in ambito Data e Analytics è dominata dall’Intelligenza Artificiale: è quanto emerge dalla top ten stilata da Gartner sui trend ad alto potenziale dirompente per l’industria dei dati nei prossimi tre-cinque anni. Gli Augmented Analytics sono la prima grande rivoluzione del prossimo futuro. Questa tecnologia usa tecniche di AI e Machine Learning (ML) per automatizzare il processo con cui si estrae conoscenza dai dati. Sentiremo poi parlare anche di “Explainable AI”: i modelli AI e ML utilizzati per prendere decisioni dovranno spiegare in maniera dettagliata come si arriva al risultato. Nelle tendenze tracciate da Gartner c’è anche l’unione tra AI e Blockchain ma occorreranno diversi anni prima che le applicazioni Blockchain per gli analytics diventino dominanti.
  • Intelligenza artificiale e reti neurali, Facebook vuole investire sui chip: Facebook da un po’ di tempo sta gareggiando con Amazon e Google per sviluppare i propri chip di intelligenza artificiale, dopo aver capito che ha bisogno di un’elaborazione notevolmente più veloce di quella offerta dai processori tradizionali per offrire il prossimo passo avanti nelle AI. In una intervista al Financial Times Yann LeCun, capo scienziato della AI di Facebook, ha detto che spera di lavorare con un certo numero di aziende produttrici di chip sui suoi nuovi progetti – ha recentemente annunciato un progetto di questo tipo con Intel – ma ha anche indicato che sta sviluppando i propri chip. Notizia che forse sta preoccupando la stessa Intel e anche Nvidia.
  • L’intelligenza artificiale che scrive da sola: parliamo di un programma sviluppato da un team di OpenAI, l’istituto di ricerca con sede a San Francisco, che sfrutta un algoritmo linguistico generico, addestrato su una grande quantità di testo dal web, che ha mostrato di essere in grado di tradurre testi, rispondere a domande e svolgere altre attività utili tra le quali anche scrivere in autonomia delle storie completamente inventate (che però possono sembrare del tutto vere in chi legge). Ovviamente non mancano le preoccupazioni del potenziale abuso (e non solo per le fake news), da parte della stesso istituto OpenAI che oltre a lavorare sul progresso dell’intelligenza artificiale sfrutta anche le conoscenze maturate ed i progressi raggiunti per mettere in guardia ricercatori, paesi e governi sui rischi connessi alle nuove capacità delle intelligenze artificiali.

 

#MAIvideonews – 19 febbraio 2019 – MAI #2

Nella seconda puntata di MAIvideonews si parla di:

  • American AI Initiative: il Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, la scorsa settimana ha firmato l’American AI Initiative, un decreto presidenziale con il quale invita le agenzie federali ad aumentare i fondi per la ricerca sull’AI consentendo a scienziati e ricercatori di accedere anche ai dati governativi. Nella nota della Casa Bianca viene riportato: «l’American AI Initiative invita ad indirizzare le risorse federali nello sviluppo di tecnologie dell’intelligenza artificiale per garantire che tutte le grandi invenzioni legate all’AI siano opera degli Stati Uniti».
  • Intelligenza artificiale e Giustizia, perché è importante la Carta etica europea: per la prima volta a livello europeo e mondiale si stabiliscono cinque principi da applicare al trattamento automatizzato delle decisioni e dei dati giudiziari, sulla base di tecniche di AI, come punto di riferimento per soggetti pubblici e privati – professionisti del diritto, istituzioni e attori politici – che si trovano ad affrontare la sfida di integrare le tecnologie basate sull’AI nella progettazione e nella messa in atto di strumenti e servizi nei sistemi giudiziari pubblici e nel lavoro quotidiano.
  • AI ed etica: relazione delicata, ma cruciale. Intervista a Luciano Floridi: Patrizia Fabbri, caporedattore di ZeroUno, intervista il professore ordinario di filosofia ed etica dell’informazione all’Università di Oxford. Tra i temi affrontati: È più corretto parlare di intelligenza artificiale o di intelligenza aumentata o …? E ancora: cosa deleghiamo alle macchine e ai sistemi che definiamo “intelligenti”? Siamo in un mondo globale, interconnesso, senza confini eppure siamo sempre più chiusi nelle piccole stanze create da algoritmi costruiti per “renderci la vita più facile”: come scardinare questo paradosso?
  • Intelligenza artificiale e geopolitica: una relazione “pericolosa”?: man mano che l’intelligenza artificiale maturerà e troverà sempre maggior impiego nelle aziende, negli enti pubblici e nelle nostre vite quotidiane, cresceranno sfide geopolitiche che riguardano non solo la sicurezza nazionale ma anche le basi per la sicurezza dell’umanità. Questo ci porta a valutare alcune importanti domande: in che modo l’intelligenza artificiale ridefinisce il potere? Quali sono le conseguenze sulla sicurezza e gli impatti sociali, economici e politici dei progressi dell’intelligenza artificiale a livello globale?
  • Moral Machine, un esperimento che dimostra quanto l’etica sia un concetto davvero complesso da “trasferire” ad una macchine intelligente: lanciato nel 2014 dai ricercatori del MIT Media Lab, Moral Machine è un esperimento che, ad oggi, ha coinvolto milioni di persone in 233 paesi e territori >> le persone sono state sottoposte a una sorta di “gioco” per verificare che tipo di decisione dovrebbe prendere un’auto a guida autonoma di fronte a situazioni di emergenza e pericolo. Dopo quasi 5 anni di test, i ricercatori hanno registrato 40 milioni di decisioni, rendendolo uno dei più grandi studi mai condotti sulle preferenze morali globali. Analizzando questi dati emerge che l’etica diverge sulla base della cultura, dell’economia e della posizione geografica. Un’auto a guida autonoma di fronte ad una inevitabile decisione che coinvolge un bambino e la nonna, quale dei due “sacrifica”? La risposta delle persone è “dipende”. E’ forse uno dei problemi più complessi da risolvere che rende il futuro verso le auto a guida completamente autonoma uno scenario ancora molto lontano.

 

#MAIvideonews – 12 febbraio 2019 – MAI #1

Nella prima puntata di MAIvideonews si parla di:

  • Rapporto tra intelligenza artificiale e competenze digitali, un quadro non molto roseo: dall’indagine Randstad Workmonitor emerge fiducia nell’AI da parte degli italiani ma ci si sente sotto pressione. L’87% sente il bisogno di sviluppare le proprie capacità e acquisire nuove competenze digitali per mantenersi competitivi sul mercato.
  • Sanità 4.0: diagnosi precoce dei tumori grazie all’AI grazie al progetto Adviser. Finanziato dalla Regione Lazio con circa 400mila euro, obiettivo del progetto è realizzare un dispositivo medico innovativo e a basso costo per diagnosi sempre più precoci, precise e rapide dei tumori, attraverso una semplice analisi del sangue o delle urine.
  • Blockchain e AI insieme per il passaggio da mondo fisico a digitale. Merck – nome di riferimento nel settore Pharma – ha annunciato il brevetto per la gestione di “crypto-objects”, un nuovo sistema per la protezione degli “oggetti fisici” affinché possano essere identificati in modo univoco e tracciati lungo tutta la catena distributiva attraverso Artificial Intelligence (in particolare machine learning), Blockchain e IoT.
  • Reti neurali, al MIT cercano di capire come si “comportano”. I ricercatori del MIT e del Qatar Computing Research Institute (QCRI) stanno studiando le reti neurali, in particolare quelle impiegate per l’apprendimento automatico del linguaggio naturale ed utilizzate per le traduzioni da una lingua ad un’altra, per capire come si “comportano”. L’obiettivo è intercettare, in una rete neurale, quali nodi (o neuroni) si attivano durante il processo di analisi del linguaggio, comprensione, traduzione per verificare quali neuroni si attivano per catturare determinate caratteristiche linguistiche.

 

 

 

 

***

2018: com’è nato MAI, i Martedì dell’AI

MAI, i Martedì dell’AI è nato nel 2018 come momento di dibattito interattivo (ospiti in studio e pubblico collegato in live streaming) per fare il punto su una delle tendenze tecnologiche più dirompenti in atto, l’intelligenza artificiale.

Vantaggi, opportunità, sfide, rischi, progettualità e casi concreti di applicazione… l’obiettivo è far capire come avvicinarsi alle tecnologie legate all’universo dell’AI – Artificial Intelligence e quali sono le potenzialità di business.

Il concept iniziale

Il concept iniziale prevedeva una serie di Web Talk tenutisi in studio e in diretta streaming ogni 2° martedì del mese in cui si sono susseguiti:

  • interviste ad analisti, esperti, influencer di business e professionisti del settore;
  • racconti di casi e progetti già realizzati;
  • demo/video di strumenti e soluzioni.

 

***

 

MAI >> LE PUNTATE DEI WEBTALK DEL 2018

 

11 settembre – #MAI Security

MAI Security

Intelligenza artificiale e sicurezza sono un binomio possibile o l’una minaccia l’altra? L’AI – Artificial Intelligence pone una serie di minacce alla sicurezza informatica, fisica e politica ma, al contempo, potrebbe essere il volano per aumentare la sicurezza delle aziende.

E allora, è un rischio o un’opportunità?

 

 

PER RIVEDERE LA PUNTATA DELL’11 SETTEMBRE >> CLICCA QUI O SULL’IMMAGINE 

 

 

 

***

 

9 ottobre – #MAI Robots & Industrial AI

MAI Robots - Industrial AI

Dai robot ai droni ai chatbot e virtual assistant, fino ad arrivare all’Industrial AI, cerchiamo di capire gli impatti dei sistemi hardware e software abilitati dall’Intelligenza Artificiale sul mondo del lavoro e industriale

 

 

 

 

PER RIVEDERE LA PUNTATA DEL 9 OTTOBRE >> CLICCA QUI O SULL’IMMAGINE 

 

MAI 9 Ottobre

 

 

***

 

13 novembre – #MAI Machine Learning & Cognitive

MAI Machine Learning - Cognitive

Cos’è il Machine Learning e cosa sono i sistemi cognitivi? Come funzionano, quali sono le principali applicazioni e quali le opportunità di business da cogliere? Forniremo le risposte viaggiando tra racconti concreti e case study

 

 

 

 

PER RIVEDERE LA PUNTATA DEL 13 NOVEMBRE >> CLICCA QUI O SULL’IMMAGINE

 

 

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi