News

ChatGPT: ecco come lo utilizzerà Microsoft

A partire dal motore di ricerca Bing, fino ad Outlook e Office, in cui il potenziale di ChatGPT potrà aiutare le persone a scrivere in modo più fluido e più veloce. Queste potrebbero essere le applicazioni killer del colosso di Redmond [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

ChatGPT Python
  1. Home
  2. News
  3. ChatGPT: ecco come lo utilizzerà Microsoft

Come è noto, Microsoft ha in programma un grosso investimento in OpenAI, la startup che ha creato il chatbot virale ChatGPT, e sta pianificando di integrarlo nei prodotti Office e nel motore di ricerca Bing. Nel caso in cui ci riesca, questo porterà potenti strumenti di intelligenza artificiale a livello di massa.

Viene da chiedersi: come sarebbero i prodotti Microsoft basati su ChatGPT? La testata MIT Technology Review lo ha chiesto direttamente a Microsoft e OpenAI. Le risposte sono state, com’era prevedibile, evasive. Tuttavia, si possono fare alcune ipotesi informate e intelligenti.

La ricerca online

Iniziamo con la ricerca online, l’applicazione che ha ricevuto più copertura e attenzione. La popolarità di ChatGPT ha scosso Google, che secondo quanto riferito lo considera un “codice rosso” per l’onnipresente motore di ricerca dell’azienda. Secondo quanto riferito, Microsoft pensa di integrare ChatGPT nel suo motore di ricerca Bing.

Potrebbe funzionare come front-end di Bing che risponde alle domande delle persone in linguaggio naturale, secondo Melanie Mitchell, ricercatrice presso il Santa Fe Institute, un’organizzazione no-profit di ricerca. La ricerca basata sull’intelligenza artificiale potrebbe significare che quando chiedi qualcosa, invece di ottenere un elenco di link, ottieni un paragrafo completo con la risposta.

Tuttavia, c’è una buona ragione per cui Google non è già andato avanti e ha incorporato i propri potenti modelli linguistici nella ricerca. Modelli come ChatGPT hanno la tendenza a vomitare contenuti distorti, dannosi e spesso errati. Sono bravi a generare un linguaggio elegante che si legge come se fosse stato scritto da un essere umano, ma non hanno una vera comprensione di ciò che stanno generando, e affermano sia i fatti che le falsità con lo stesso alto livello di fiducia.

Quando le persone cercano informazioni online oggi, ricevono una serie di opzioni e possono giudicare da sole quali risultati sono affidabili. Un’intelligenza artificiale di chat come ChatGPT rimuove quel livello di “valutazione umana” e costringe le persone a prendere i risultati al valore nominale, afferma Chirag Shah, professore di informatica presso l’Università di Washington specializzato in motori di ricerca. Le persone potrebbero anche non notare quando questi sistemi di intelligenza artificiale generano contenuti distorti o disinformazione e quindi finiscono per diffonderli ulteriormente, aggiunge.

L’addestramento dei modelli

Quando è stato chiesto a OpenAI come addestra i suoi modelli a essere più accurati, la risposta è stata criptica. Un portavoce ha detto che ChatGPT è una “demo di ricerca” e che è aggiornato sulla base del feedback del mondo reale. Ma non è chiaro come funzionerà nella pratica; risultati accurati saranno cruciali se Microsoft vorrà che le persone smettano di “googlare”…

Nel frattempo, è più probabile che vedremo app come Outlook e Office ottenere un’iniezione di intelligenza artificiale, afferma Shah. Il potenziale di ChatGPT per aiutare le persone a scrivere in modo più fluido e più veloce potrebbe essere l’applicazione killer di Microsoft.

I modelli linguistici potrebbero essere integrati in Word per rendere più facile per le persone riassumere rapporti, scrivere proposte o generare idee, dice Shah. Potrebbero anche fornire programmi di posta elettronica e strumenti di completamento automatico di Word migliori, aggiunge. E non è solo tutto basato sulle parole. Microsoft ha già detto che utilizzerà il generatore di testo a immagine di OpenAI DALL-E per creare immagini anche per presentazioni PowerPoint.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Inoltre, non siamo troppo lontani dal giorno in cui i modelli linguistici di grandi dimensioni potranno rispondere ai comandi vocali o leggere il testo, come le e-mail, dice Shah. Questo potrebbe essere un vantaggio per le persone con difficoltà di apprendimento o disabilità visive.

Anche la ricerca online non è l’unico tipo di ricerca che l’app potrebbe migliorare. Microsoft potrebbe usarlo per aiutare gli utenti a cercare e-mail e documenti.

Microsoft Open AI

Pro e contro delle tecnologie di AI generativa

Adottare queste tecnologie in modo troppo cieco e automatizzare le nostre comunicazioni e idee creative potrebbe far perdere agli esseri umani il libero arbitrio a favore delle macchine. E c’è il rischio di “regressione”, dove la nostra personalità viene risucchiata dai nostri messaggi, dice Mitchell.

“I bot scriveranno e-mail ai bot e i bot risponderanno ad altri bot”, dice.

I modelli linguistici sono anche grandi imitazioni. Ogni singolo prompt inserito in ChatGPT aiuta ad addestrarlo ulteriormente. In futuro, poiché queste tecnologie saranno ulteriormente integrate nei nostri strumenti quotidiani, potranno apprendere il nostro stile di scrittura personale e le nostre preferenze. Potrebbero persino manipolarci per comprare cose o agire in un certo modo, avverte Mitchell.

Inoltre, non è chiaro se ciò migliorerà effettivamente la produttività, dal momento che le persone dovranno ancora modificare e ricontrollare l’accuratezza dei contenuti generati dall’intelligenza artificiale. In alternativa, c’è il rischio che le persone si fidino ciecamente, che è un problema noto con le nuove tecnologie.

Azure OpenAI consentirà a qualsiasi azienda di richiedere accesso al software alla base degli strumenti di AI

Microsoft ha dichiarato lo scorso 16 gennaio che sta consentendo a più clienti di accedere al software dietro i popolari strumenti di intelligenza artificiale realizzati da OpenAI.

Il servizio Azure OpenAI consentirà a qualsiasi azienda di richiedere l’accesso, aprendo la strada a più prodotti basati sull’intelligenza artificiale.

Ampliare l’accesso agli strumenti di intelligenza artificiale è il prossimo passo nel tentativo di trasformare il software che ha catturato l’immaginazione del pubblico in un potenziale grande business per Microsoft, OpenAI e altri.

Microsoft ha detto in un post sul blog che non consentirà ai clienti di accedere a ChatGPT in principio. Invece, offrirà l’accesso a GPT-3.5, così come Dall-E 2 e uno strumento di scrittura del codice, Codex, che può trasformare le istruzioni in linguaggio naturale in codice. La società ha detto che prevede di rendere ChatGPT disponibile per le aziende nel prossimo futuro.

Il vice presidente della piattaforma AI di Microsoft, Eric Boyd, ha scritto nel post che il servizio di cloud hosting dell’azienda Azure è stato aggiornato per l’era dell’intelligenza artificiale e, abbinato agli strumenti di OpenAI, consente ai clienti di realizzare “applicazioni all’avanguardia”.

“Con il servizio Azure OpenAI ora disponibile a livello generale, più aziende possono richiedere l’accesso ai modelli di intelligenza artificiale più avanzati”, ha scritto Boyd.

Gli strumenti di OpenAI come GPT-3 sono già popolare tra alcune startup. Da quando è stato reso disponibile in modo limitato, nel 2020, aziende come la startup di creazione di contenuti Jasper hanno concesso in licenza GPT-3 per creare prodotti in grado di generare automaticamente testo per i siti Web. Altre startup, come Yoodli, utilizzano GPT-3 per il software di coaching vocale.

Microsoft ha lavorato conquistarsi il titolo di avanguardia della rivoluzione dell’intelligenza artificiale e mettere gli strumenti di OpenAI nel proprio software. L’anno scorso, la società ha dichiarato di stare inserendo Dall-E 2 nel strumento di progettazione grafica Microsoft Designer e nel motore di ricerca Bing come strumento di generazione di immagini.

Nel 2021, ha rilasciato il co-pilota GitHub, assistente alla scrittura del codice, che utilizza Codex di OpenAI, come parte del servizio di codifica e collaborazione GitHub.

Man mano che l’industria dell’intelligenza artificiale decollerà ci sarà probabilmente una battaglia tra i grandi fornitori di cloud hosting come Amazon Web Services e la piattaforma cloud di Google per essere individuati come il provider cloud preferito per le aziende. OpenAI è uno dei clienti di intelligenza artificiale di più alto profilo di Azure.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn