News

ChatGPT allarma il mondo del lavoro, a rischio milioni di posti



Indirizzo copiato

Le reazioni fra i professionisti che svolgono lavoro intellettuale sono discordanti: gli ottimisti pensano che li farà lavorare meglio e in minor tempo; i pessimisti temono di rimanere disoccupati travolti dalla concorrenza del chatbot. Ecco cosa prevedono Goldman Sachs, McKinsey ed altri

Pubblicato il 28 mar 2023



iRPA
Immagine generata da DALL-E di OpenAI

L’intelligenza artificiale generativa di ChatGPT potrebbe rendere i “colletti bianchi” più produttivi oppure obsoleti; ecco alcune considerazioni e opinioni riguardanti il mondo del lavoro intellettuale.

Secondo il rapporto “The Potentially Large Effects of Artificial Intelligence on Economic Growth”, pubblicato a fine marzo da Goldman Sachs, se l’AI generativa manterrà le sue capacità, il mercato del lavoro potrebbe affrontare forti ripercussioni. Utilizzando i dati sulle mansioni professionali sia negli Stati Uniti che in Europa, circa due terzi dei posti di lavoro attuali sono esposti a un certo grado di automazione dell’AI. L’AI generativa, in particolare, potrebbe sostituire fino a un quarto del lavoro attuale. “L’estrapolazione delle nostre stime a livello globale suggerisce che l’AI generativa potrebbe esporre l’equivalente di 300 milioni di posti di lavoro a tempo pieno all’automazione”, si legge nel rapporto.
La buona notizia, secondo Goldman Sachs, è che lo spostamento dei lavoratori dall’automazione non è stato storicamente compensato dalla creazione di nuovi posti di lavoro e l’emergere di nuove occupazioni a seguito di innovazioni tecnologiche rappresenta la stragrande maggioranza della crescita dell’occupazione a lungo termine.

A dicembre, lo staff dell’American Writers and Artists Institute, una organizzazione che riunisce i copywriter, si era già reso conto che stesse succedendo qualcosa di grosso. Era stata appena rilasciata l’ultima release di ChatGPT, modello linguistico di grandi dimensioni che analizza Internet per rispondere a domande ed eseguire compiti a comando. Le sue capacità erano sorprendenti e rientravano perfettamente nella sfera di competenza di coloro che generano contenuti, come testi pubblicitari e post di blog, per vivere.

“Siamo inorriditi”, dichiarava Rebecca Matter, presidente dell’istituto. Così ha organizzato un webinar sulle insidie e sul potenziale della nuova tecnologia di intelligenza artificiale. Più di 3.000 persone si sono iscritte; il messaggio generale è stato cautelativo ma rassicurante: chi scrive per lavoro potrebbe usare ChatGPT per completare più rapidamente gli incarichi e passare a ruoli di livello superiore nella pianificazione dei contenuti e nell’ottimizzazione per i motori di ricerca.

“Penso che questo ridurrà al minimo i progetti di copy di breve durata”, ha dichiarato Matter. “Ma dal lato opposto, penso che ci saranno più opportunità per fare cose come la strategia”.

chatgpt lavoro

Anche McKinsey si è occupata dell’impatto di ChaGPT sul mercato del lavoro, ecco una tabella riepilogativa

Le potenzialità di ChatGPT sul lavoro, tra ottimisti e pessimisti

ChatGPT di OpenAI è l’ultima novità di una serie di innovazioni che hanno offerto il potenziale per trasformare molte professioni e cancellarne altre, a volte in modo simultaneo. È troppo presto per fare il conto degli abilitati e dei minacciati, o per valutare l’impatto complessivo sulla domanda di lavoro e sulla produttività. Ma sembra chiaro che l’intelligenza artificiale influirà sul lavoro in modi diversi rispetto alle precedenti ondate tecnologiche.

La visione positiva di strumenti come ChatGPT è che potrebbero essere complementari al lavoro umano, piuttosto che sostituirlo. Non tutti i lavoratori, tuttavia, sono ottimisti riguardo all’impatto prospettico.

Pessimista

Katie Brown scrive sovvenzioni nella periferia di Chicago per un piccolo gruppo non profit che si occupa di violenza domestica. All’inizio di febbraio è rimasta scioccata nell’apprendere che un’associazione professionale di redattori di sovvenzioni stava promuovendo l’uso di un software di intelligenza artificiale che avrebbe completato automaticamente alcune parti di una domanda, richiedendo all’uomo semplicemente di rifinirla prima di inviarla.

La piattaforma, chiamata Grantable, si basa sulla stessa tecnologia di ChatGPT e si rivolge a freelance che si fanno pagare in base all’applicazione. Questo, a suo avviso, minaccia chiaramente le opportunità del settore.

“Per me si tratta di buon senso: quale pensate che sceglierà una piccola no-profit?”, ha detto Brown. “Una persona con stipendio a tempo pieno e più benefit, o una persona dotata di AIper la quale non è necessario pagare i benefit?”.

L’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico operano da anni sullo sfondo di molte aziende, aiutando ad esempio a valutare un gran numero di possibili decisioni e ad allineare meglio l’offerta alla domanda. E molti progressi tecnologici nel corso dei secoli hanno ridotto la necessità di alcuni lavoratori, anche se ogni volta i posti di lavoro creati hanno più che compensato il numero di quelli persi.

Ottimista

Guillermo Rubio ha scoperto che il suo lavoro di copywriter è cambiato notevolmente da quando ha iniziato a usare ChatGPT per generare idee per i post del blog.

ChatGPT, tuttavia, è il primo a confrontarsi in modo così diretto con un’ampia gamma di colletti bianchi e a essere così accessibile da poter essere utilizzato nel proprio lavoro. E sta migliorando rapidamente, con una nuova edizione rilasciata a marzo 2023.

Secondo un sondaggio condotto dal sito web di ricerca di lavoro ZipRecruiter dopo l’uscita di ChatGPT, il 62% delle persone in cerca di lavoro si è detto preoccupato che l’intelligenza artificiale ostacolare le loro carriere.

“ChatGPT è quella che ha reso più visibile il fenomeno”, dichiara Michael Chui, partner del McKinsey Global Institute che studia gli effetti dell’automazione. “Quindi penso che abbia iniziato a sollevare domande su dove le tempistiche potrebbero iniziare ad essere accelerate”.

Questa è anche la conclusione di un rapporto della Casa Bianca sulle implicazioni della tecnologia A.I., compresa la ChatGPT. “Il rischio principale dell’A.I. per la forza lavoro è rappresentato dal disturbo generale che potrebbe causare ai lavoratori, sia che scoprano che il loro lavoro è stato automatizzato di recente, sia che la struttura del loro lavoro è cambiata radicalmente”, hanno scritto gli autori.

Per il momento, Guillermo Rubio ha scoperto che il suo lavoro di copywriter è cambiato notevolmente da quando ha iniziato a usare ChatGPT per generare idee per i post del blog, scrivere le prime bozze delle newsletter, creare centinaia di piccole variazioni sui testi pubblicitari e riassumere le ricerche su un argomento su cui potrebbe scrivere un white paper.

Poiché continua a chiedere ai suoi clienti le stesse tariffe, lo strumento gli ha semplicemente permesso di lavorare meno. Tuttavia, se il prezzo del copy dovesse diminuire – e potrebbe farlo con il miglioramento della tecnologia – è sicuro di poter passare alla consulenza sulla strategia dei contenuti, oltre che alla produzione.

“Penso che le persone siano più riluttanti e timorose, a ragione”, ha detto Rubio. “Si può guardare a questa situazione in una luce negativa, oppure abbracciarla. Penso che la cosa più importante da fare sia essere adattabili. Bisogna essere aperti ad accoglierlo”.

GPT lavoro

L’impatto dell’automazione sulla forza lavoro

Dopo decenni di studi, i ricercatori hanno capito molto dell’impatto dell’automazione sulla forza lavoro. Economisti come Daron Acemoglu del Massachusetts Institute of Technology hanno scoperto che dal 1980 la tecnologia ha svolto un ruolo primario nell’amplificare la disuguaglianza di reddito. Mentre i sindacati si sono atrofizzati, svuotando i sistemi di formazione e riqualificazione, i lavoratori senza istruzione universitaria hanno visto il loro potere contrattuale ridursi di fronte a macchine in grado di svolgere compiti rudimentali.

L’avvento di ChatGPT tre mesi fa, tuttavia, ha suscitato una raffica di studi basati sull’idea che non si tratta di un robot qualunque.

Un gruppo di ricercatori ha condotto un’analisi che mostra i settori e le professioni più esposti all’intelligenza artificiale, sulla base di un modello adattato agli strumenti di linguaggio generativo. In cima alla lista ci sono i professori universitari di materie umanistiche, i fornitori di servizi legali, gli agenti assicurativi e gli addetti al telemarketing. La mera esposizione, tuttavia, non determina se la tecnologia sia destinata a sostituire i lavoratori o semplicemente ad aumentare le loro competenze.

Shakked Noy e Whitney Zhang, dottorandi del M.I.T., hanno condotto uno studio randomizzato e controllato su professionisti esperti in settori quali le relazioni umane e il marketing. Ai partecipanti sono stati assegnati compiti che di solito richiedono 20-30 minuti, come la stesura di comunicati stampa e brevi relazioni. Coloro che hanno utilizzato ChatGPT hanno completato i compiti in media il 37% più velocemente di coloro che non l’hanno fatto, con un notevole aumento della produttività. Inoltre, hanno registrato un aumento del 20% della soddisfazione sul lavoro.

Un terzo studio – che utilizza un programma sviluppato da GitHub, di proprietà di Microsoft – ha valutato l’impatto dell’AI generativa in particolare sugli sviluppatori di software. In una prova condotta dai ricercatori di GitHub, gli sviluppatori a cui è stato affidato un compito di base e che sono stati incoraggiati a usare il programma, chiamato Copilot, hanno completato il loro compito il 55% più velocemente di quelli che hanno svolto il compito manualmente.

Questi aumenti di produttività non sono paragonabili a quelli osservati dall’adozione generalizzata del personal computer.

L’intelligenza artificiale generativa impara ed è in grado di risolvere i problemi in modo flessibile

“Sembra che stia facendo qualcosa di fondamentalmente diverso”, ha detto David Autor, un altro economista del M.I.T., consulente di Zhang e Noy. “Prima i computer erano sì potenti, ma facevano semplicemente e roboticamente quello che la gente li programmava a fare”. L’intelligenza artificiale generativa, invece, è “adattiva, impara ed è in grado di risolvere i problemi in modo flessibile”.

Questo è molto evidente per Peter Dolkens, sviluppatore di software per un’azienda che produce principalmente strumenti online per l’industria dello sport. Ha integrato ChatGPT nel suo lavoro per svolgere compiti come riassumere parti di codice per aiutare i colleghi che potrebbero prendere in mano il progetto dopo di lui e proporre soluzioni ai problemi che lo lasciano perplesso. Se la risposta non è perfetta, chiede a ChatGPT di perfezionarla o di provare qualcosa di diverso.

“È l’equivalente di uno stagista molto colto”, ha detto Dolkens, che si trova a Londra. “Magari non hanno l’esperienza per sapere come applicarlo, ma conoscono tutte le parole, hanno letto tutti i libri e sono in grado di arrivare in parte a destinazione”.

C’è un altro dato che emerge dalla ricerca iniziale: ChatGPT e Copilot hanno elevato maggiormente i lavoratori meno esperti. Se fosse vero, più in generale, questo potrebbe attenuare gli effetti di disuguaglianza dell’intelligenza artificiale.

D’altra parte, se ogni lavoratore diventa più produttivo, è necessario un numero minore di lavoratori per completare una serie di compiti. Il fatto che ciò si traduca in una riduzione dei posti di lavoro in particolari settori dipende dalla domanda del servizio fornito e dai posti di lavoro che potrebbero essere creati per aiutare a gestire e dirigere l’AI. “Prompt engineering”, ad esempio, è già un’abilità che coloro che giocano con ChatGPT abbastanza a lungo possono aggiungere al loro curriculum.

Poiché la domanda di codice software sembra insaziabile e gli stipendi degli sviluppatori sono estremamente elevati, è improbabile che l’aumento della produttività precluda le opportunità di ingresso nel settore.

Non sarà così per tutte le professioni, però, e Dominic Russo è abbastanza sicuro che non sarà così per la sua: scrivere appelli ai gestori di farmacie e alle compagnie assicurative quando rifiutano prescrizioni di farmaci costosi. Fa questo lavoro da circa sette anni e ha costruito la sua esperienza solo con una formazione sul campo, dopo aver studiato giornalismo all’università.

Dopo l’uscita di ChatGPT, gli ha chiesto di scrivere un appello per conto di una persona affetta da psoriasi che voleva il costoso farmaco Otezla. Il risultato è stato abbastanza buono da richiedere solo poche modifiche prima di essere inviato.

“Se si sapesse con cosa sollecitare l’AI, chiunque potrebbe fare il lavoro”, ha detto Russo. “È questo che mi spaventa davvero. Perché una farmacia dovrebbe pagarmi 70.000 dollari all’anno, quando può concedere in licenza la tecnologia e pagare le persone 12 dollari all’ora per eseguire le richieste?”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4