FacebookTwitterLinkedIn

Robot domestici, dai robot da cucina agli home robot

Oggi i robot domestici vengono comunemente classificati come home robot, personal robot o social robot a seconda delle attività che svolgono all’interno delle abitazioni. Vediamo cosa sono, cosa fanno e come vengono utilizzati

Robot domestici - JIBO robot
Nicoletta Boldrini - @NicBoldrini

Nel mondo della robotica, i robot domestici sono certamente quelli entrati nelle nostre case già da molto tempo, basti pensare ai robot da cucina, ai robot aspirapolvere, ai robot tagliaerba, ormai così diffusi che tendiamo quasi a non considerarli più nemmeno robot (nell’accezione di sistemi tecnologici avanzati) ma semplici oggetti di uso comune quotidiano (anche se alcuni sono decisamente super avanzati in termini tecnologici, basti pensare alla cucina robotica).

Questi robot domestici compiono solitamente un solo task (vengono cioè impiegati per una sola attività) ma i modelli più avanzati sono in realtà veri e proprio automi in grado di svolgere autonomamente alcune azioni (per i quali sono stati programmati) e, nel caso dei robot aspirapolvere e robot da giardino, anche di muoversi in autonomia riconoscendo spazi ed ostacoli.

Oggi i robot domestici, chiamati anche home robot, personal robot o social robot a seconda delle funzioni e delle attività che svolgono, sono sistemi in realtà molto più sofisticati dei primi esemplari di robot da cucina (di grandissimo ausilio alle persone ma che richiedevano – nella maggior parte dei casi richiedono tutt’ora – l’intervento diretto dell’essere umano), sono macchine tecnologiche in grado di assistere e affiancare persone ed animali in diverse situazioni e con attività che vanno dalla semplice compagnia fino a monitoraggio, sicurezza, assistenza medica.

Robot chef (chiamati anche robotic chef), l’evoluzione dei robot domestici da cucina

Tra i sofisticatissimi robot da cucina di ultima generazione ci sono anche robot antropomorfi dotati di braccia e sensori che consentono loro di preparare una ricetta e di curare anche la presentazione del piatto (è sufficiente far trovare al robot chef tutti gli ingredienti sul piano di lavorazione), ed alle persone di avere una vera e propria cucina robotica.

Curiosità: i robot antropomorfi sono impiegati già da molti anni nell’automazione industriale, ancor di più oggi nell’Industria 4.0

MK1, il primo robotic chef della Moley Robotics (esempio di cucina robotica)

 

RoboKiosk, il robotic chef della RS Tech

 

Home robot, robot di servizio e assistenti domestici virtuali

Come accennato nel paragrafo iniziale oggi i robot domestici vengono comunemente classificati come home robot, personal robot o social robot a seconda delle attività che svolgono all’interno delle abitazioni. Possono essere robot di utilità, dedicati alla sorveglianza della casa o degli animali, assistenti virtuali domestici o robot “tutto fare” che possono interfacciarsi con altri sistemi intelligenti presenti in casa e gestirli in modo autonomo, controllando illuminazione e riscaldamento, per esempio, consumi degli elettrodomestici, chiusura di porte, finestre, tapparelle, ecc. Insomma, i robot domestici sono innumerevoli e possono compiere molteplici attività.

Di seguito riportiamo alcuni esempi di home robot ed assistenti domestici.

BIG-i robot, il robot addestrabile

BIG-i robotBIG-i robot non è un robot antropomorfo né un umanoide, è un robot dalla forma cilindrica che si muove su ruote. È dotato di diversi sensori e un sistema di riconoscimento del linguaggio naturale che gli consente di percepire e riconoscere lo spazio circostante e comprendere gli ordini che gli vengono forniti o le richieste che gli vengono sottoposte.

Può essere utilizzato come sistema di sorveglianza degli ambienti domestici, per la sicurezza degli animali e delle persone, ma anche come assistente virtuale e vocale.

Anche senza gambe e braccia BIG-i robot può essere un robot da compagnia per bambini ed anziani in grado di leggere fiabe e libri, invogliare a ballare o fare ginnastici a tempo di musica, ricordare di fare i compiti, di prendere un farmaco…

Inserito in una Smart Home e collegato ad Internet può comunicare con altri oggetti connessi e, per esempio, impartire istruzioni e ordini al robot aspirapolvere, suggerire al robot tagliaerba che zona del giardino curare, chiedere al bollitore del tè o del caffè di accendersi e preparare una bevanda per il rientro del padrone di casa.

Tra i robot domestici c’è Jibo, un robot di famiglia

Robot domestici - JIBO robotCreato dalla docente del Mit di Boston, Cynthia Breazeal, Jibo è un home robot pensato per la famiglia, un social robot che, benché sia fisso e non possa quindi muoversi autonomamente, può svolgere diversi compiti.

Jibo robot è dotato di due fotocamere ad alta risoluzione ed un microfono che gli consentono di monitorare la situazione degli ambienti domestici fungendo da sistema di sorveglianza, ma anche di riconoscere i membri della famiglia e di interloquire con loro con toni ed espressioni differenti a seconda delle persone e del contesto.

Jibo robot può anche fungere da assistente personale inviando e-mail e messaggi, ricordando gli appuntamenti inseriti a calendario e così via.

Momo robot, tutto in una lampada

Momo RobotSi presenta come una lampada ma è molto di più. Momo robot non si limita a fare un po’ di luce ma funziona anche come gli home speaker e integra funzionalità avanzate di rilevamento e sorveglianza. Momo robot è dotato di sensori che gli consentono di riconoscere suoni e volti e monitorare gli ambienti; può essere impiegato per il monitoraggio dei bambini quando dormono o giocano da soli in una stanza o per la sorveglianza di casa e animali.

Non è un robot mobile, quindi esattamente come un oggetto d’arredo rimane fermo nella sua postazione ma può essere gestito da remoto attraverso app e strumenti di messaggistica e può anche integrarsi agli altri elettrodomestici connessi fungendo da hub di gestione unificata (con un discreto livello di autonomia).

Maya robot, un assistente virtuale domestico

Maya personal robotAvatar differenti non solo per il disegno del volto ma anche per personalità e modalità di interazione con le persone. Questo è ciò che può mostrare il display ovale di Maya robot, che rappresenta di fatto la parte con la quale le persone interagiscono direttamente. Il “corpo” di Maya robot non è altro che un cilindro alla cui base ci sono delle rotelle che gli consentono di spostarsi negli ambienti domestici.

Maya robot funziona come social robot, può essere di compagnia e rispondere alle domande delle persone come i più comuni home speaker, ma è dotato di sensori che gli consentono di rilevare temperatura e umidità, nonché di riconoscere gli ambienti attorno a sé.

Può diventare un sistema di telepresenza, fungere da assistente virtuale gestendo gli oggetti connessi in casa, diventare una sorta di segretaria/segretario personale, controllare e monitorare la casa in assenza dei proprietari inviando immagini, messaggi e alert in caso di problemi.

Robot domestici: Tapia, l’ovetto di compagnia

Tapia personal robotTapia è un home robot pensato per fare compagnia alle persone, quindi a tutti gli effetti un social robot. Non può muoversi in autonomia ma ha una forma simpatica, ad ovetto, con un display sul quale non solo può mostrare foto, immagini, informazioni, ma anche due grandi occhioni che aiutano le persone ad entrare subito in sintonia con lui.

Tapia può anche interfacciarsi con altri oggetti connessi a fare da hub della smart home gestendo per esempio accensione e spegnimento delle luci, gestione del riscaldamento, e via dicendo.

Tapia è un robot che può fungere da assistente, per esempio nel ricordare scadenze o nell’informare i membri della famiglia su meteo o traffico, può raccontare storie ai bambini oppure ricordare agli anziani di prendere un medicinale. Può anche inviare alert a parenti, amici o alle persone definite preventivamente nel caso in cui rilevi mancanza di interazione con lui per un certo periodo di tempo, funzione decisamente utile per chi vive solo o per le persone anziane.

 

Robot domestici di sorveglianza, per controllare casa e animali

Tra i robot domestici rientrano senz’altro anche i robot pensati per il monitoraggio di case, appartamenti ed animali che rimangono soli per molto tempo quando i padroni e i membri della famiglia sono al lavoro, a scuola o, in genere, fuori casa.

I robot di sorveglianza solitamente sono dotati di sensori, microfoni e telecamere che permettono ai proprietari di casa e/o ai padroni degli animali domestici di verificare lo stato dell’appartamento (non solo per la sorveglianza rispetto all’ingresso di malintenzionati ma anche per il monitoraggio di situazioni impreviste come la verifica di guasti o malfunzionamenti che potrebbero causare gravi danni, come una fuga di gas o un corto circuito elettrico) o come sta o cosa sta facendo il proprio fedele amico. Spesso sono robot alla cui base ci sono piattaforme di telepresenza gestibili da remoto e accessibili da smartphone e tablet.

Esempi di questa categoria di robot sono:

Rovio robot

Rovio robot

 

Rovio è un robot che si muove su tre ruote, è dotato di un sistema Gps, integra sensori, microfono e videocamera per registrare e trasmettere suoni ed immagini in tempo reale (anche al buio grazie a luci led integrate che illuminano l’area di monitoraggio).

 

 

Riley robot

Riley RobotRiley è un robot cingolato che prende spunto, strutturalmente, dai robot rover inviati nello spazio per l’esplorazione dei pianeti, ma che nelle fattezze ricorda simpaticamente anche Wall-e, il robottino dimenticato dagli esseri umani sulla Terra programmato per pulire il pianeta dai rifiuti. Questo robot domestico registra e trasmette in streaming immagini e audio e, grazie ad una semplice connessione Internet wi-fi, invia notifiche e alert se e quando registra anomalie. Riley robot viene principalmente utilizzato come robot di sorveglianza per case, animali e bambini ma può diventare anche un robot da compagnia, soprattutto per i bambini.

Orbii robot

Orbii robotOrbii è un robot a forma di palla che controlla casa rotolando. È realizzato in policarbonato, ha un diametro di 13 centimetri e pesa solo 700 grammi. Orbii robot è una palla dotata di sensori che riconoscono e registrano suoni e movimenti inviando alert e notifiche ai padroni di casa quando qualcosa non va (tramite una semplice app su smartphone). La sua forma sferica rende il robot anche un passatempo e gioco per animali e bambini.

 

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi