AI generativa

Meta, presto “chatbot dotate di personalità” per fidelizzare gli utenti di Facebook

Si tratta di prototipi in grado di intrattenere discussioni simili a quelle umane con i suoi quasi 4 miliardi di utenti L’azienda vuole sfruttare l’onda lunga dell’AI per sfidare rivali come OpenAI, Snap e TikTok

Pubblicato il 01 Ago 2023

Meta AI

Meta si sta preparando a lanciare, già dal mese di settembre, una serie di chatbot alimentate dall’intelligenza artificiale che mostrano diverse personalità, nel tentativo di aumentare il coinvolgimento con le sue piattaforme di social media.

Secondo indiscrezioni raccolte dal Financial Times, il gigante tecnologico guidato da Mark Zuckerberg sta progettando prototipi di chatbot in grado di intrattenere discussioni simili a quelle umane con i suoi quasi 4 miliardi di utenti.

Chatbot che assumono la forma di “personaggi”

Alcune chatbot, che i dipendenti hanno soprannominato “personas“, assumono la forma di diversi personaggi. L’azienda starebbe valutando la possibilità di lanciarne uno che parla come Abramo Lincoln o che consiglia le opzioni di viaggio nello stile di un surfista.

Scopo delle chatbot sarà quello di fornire una nuova funzione di ricerca e offrire raccomandazioni, oltre a essere un prodotto divertente con cui giocare.

La mossa arriva nel momento in cui l’azienda cerca di attrarre e fidelizzare gli utenti mentre si trova a contrastare la concorrenza di nuovi social media come TikTok e tenta di sfruttare l’entusiasmo diffuso nella Silicon Valley per l’intelligenza artificiale da quando OpenAI ha lanciato ChatGPT.

Secondo gli esperti, oltre ad aumentare il coinvolgimento, le chatbot potrebbero raccogliere nuove quantità di dati sugli interessi degli utenti. Questo potrebbe aiutare Meta a indirizzare meglio gli utenti con contenuti e pubblicità più pertinenti. La maggior parte dei 117 miliardi di dollari di fatturato annuo di Meta proviene dalla pubblicità.

“Una volta che gli utenti interagiscono con una chatbot, questo espone molti più dati all’azienda, che può fare tutto ciò che vuole con quei dati”, ha dichiarato Ravit Dotan, consulente di etica dell’AI e cofondatore del laboratorio Collaborative AI Responsibility dell’Università di Pittsburgh.

Gli sviluppi sollevano preoccupazioni in merito alla privacy e alla potenziale “manipolazione”, ha aggiunto l’autrice.

Meta ha rifiutato di commentare.

La concorrenza di Character.ai e Snap

Altri gruppi tecnologici rivali hanno già lanciato chatbot che presentano personalità. Character.ai, una start-up sostenuta da Andreessen Horowitz e valutata 1 miliardo di dollari, utilizza modelli linguistici di grandi dimensioni per generare conversazioni nello stile di personaggi come l’amministratore delegato di Tesla Elon Musk e il personaggio Nintendo Mario.

Snap ha dichiarato che la sua funzione “My AI” – un singolo bot lanciato a febbraio – è un “chatbot sperimentale e amichevole”, con il quale hanno interagito finora 150 milioni di utenti. Recentemente ha iniziato i “primi test” dei link sponsorizzati all’interno della funzione.

Zuckerberg ha dichiarato agli analisti che l’azienda rilascerà maggiori dettagli sulla sua roadmap di prodotti per l’intelligenza artificiale a settembre, in occasione dell’evento Connect per gli sviluppatori. Zuckerberg prevede “agenti di AI che agiscono come assistenti, allenatori o che possono aiutare a interagire con aziende e creatori”, aggiungendo: “Non pensiamo che ci sarà un’unica AI con cui le persone interagiranno”.

Ha inoltre dichiarato che l’azienda sta costruendo agenti AI in grado di aiutare le aziende con il servizio clienti, oltre a un assistente di produttività interno alimentato dall’AI per il personale.

A più lungo termine verrà esplorato lo sviluppo di una chatbot avatar nel metaverso.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4