Applicazioni

Verso il futuro della connettività: l’AI come catalizzatore nella trasformazione dei servizi di rete



Indirizzo copiato

La convergenza tra abbondanza di dati, maggiore potenza di calcolo e sistemi avanzati di computing spinge l’AI a trasformare aree come il cloud, l’IoT e l’esperienza del cliente

Pubblicato il 14 mar 2024

Carlo Azzola

Country Manager e Amministratore Delegato di Colt Italia presso Colt Technology Services



telco AI

Il settore delle telecomunicazioni è pronto a sfruttare il potere dell’AI per rivoluzionare le proprie attività e diventare una forza trainante nel panorama della trasformazione digitale. La convergenza tra abbondanza di dati, maggiore potenza di calcolo e sistemi avanzati di computing ha spinto l’intelligenza artificiale, l’avanguardia dell’innovazione, a trasformare diverse aree come i servizi di rete, il cloud, l’IoT e l’esperienza del cliente.

La ricerca di Colt su AI e infrastruttura digitale

Nel panorama in rapida evoluzione dell’odierna era digitale, la connettività rappresenta la spina dorsale vitale per numerose industrie e imprese. La ricerca di reti di comunicazione impeccabili è emersa come un imperativo cruciale, evidente nella crescente necessità di una connettività affidabile ed efficace. Questo aumento della domanda ha aperto la strada all’ascesa dell’intelligenza artificiale nella gestione delle reti. Da una ricerca da noi condotta su 755 leader IT in Europa e Asia, è emerso che l’89% sta già utilizzando o prevede di utilizzare l’AI nella gestione della propria infrastruttura digitale.

La ricerca di Colt fornisce un’istantanea perfetta di ciò che è nelle priorità dei leader IT in questo momento e rivela interessanti opportunità di crescita. Le tecnologie giudicate ‘assolutamente essenziali’ per l’implementazione dell’AI in Italia sono l’edge (citato dal 24%), il cloud privato e pubblico (22%) e la connettività agile (18%).

Allo stesso tempo, i leader IT coinvolti sono stati molto aperti su ciò che manca loro è stato chiesto ai leader IT dove cercano il maggior supporto e le maggiori conoscenze sull’AI e sull’infrastruttura intelligente, le imprese italiane hanno dichiarato di rivolgersi a partner di connettività, integratori di sistemi (64%), a fornitori SaaS (40%) o a competenze interne (31%).

Il rapporto fra fornitori di servizi di tlc e l’AI

Il rapporto venditore/partner si è ridefinito negli ultimi anni: i partner si trovano ora in una posizione unica come consiglieri, consulenti e persino mentori grazie alla loro profonda conoscenza della tecnologia aziendale. Lavorando insieme come parte di un ecosistema globale di partner collaborativi, le aziende sono più connesse che mai. È il momento ideale per i partner per colmare eventuali lacune di integrazione e unirsi e per trarre vantaggio dalla prossima rivoluzione digitale.

Su scala sempre più ampia, i fornitori di servizi di telecomunicazione si stanno approcciando al potere di trasformazione dell’AI riconoscendone l’immenso potenziale di rivoluzione del settore e l’impatto positivo sui clienti. Il settore delle telecomunicazioni, con la sua vasta infrastruttura di rete, i suoi enormi archivi di dati e il suo ruolo centrale nel collegare organizzazioni e aziende a livello globale, può trarre notevoli vantaggi dall’integrazione dell’AI.

Sfruttando le capacità dell’AI, le società di telecomunicazione stanno liberando un’infinità di nuove opportunità e stanno operando profonde trasformazioni nelle loro attività. L’uso dell’AI per ottimizzare la rete sarà in futuro un criterio di selezione delle imprese per i loro fornitori di servizi. Ma lo sviluppo di scenari applicativi per l’intelligenza artificiale nelle reti è possibile solo in collaborazione tra i produttori di componenti, i fornitori di servizi di rete, i fornitori di cloud, gli integratori di sistemi, i fornitori di AI e gli operatori di rete. L’intelligenza artificiale può consentire loro di ottimizzare le prestazioni della rete, migliorare la qualità del servizio, snellire i processi e offrire esperienze personalizzate ai clienti, oltre a migliorare la sicurezza e ridurre al minimo i tempi di inattività rilevando e risolvendo le anomalie.

telco AI

Le aree in cui i fornitori di tlc stanno utilizzando l’AI

L’automazione guidata dall’intelligenza artificiale sta migliorando significativamente l’efficienza, riducendo i costi e consentendo agli operatori di fornire servizi digitali innovativi al di là della connettività tradizionale. I fornitori di telecomunicazioni stanno attualmente utilizzando l’intelligenza artificiale in diverse aree per migliorare le loro operazioni.

Ad esempio, la gestione della rete basata sull’intelligenza artificiale consente la manutenzione predittiva, l’allocazione intelligente delle risorse e l’ottimizzazione dinamica della rete. Gli algoritmi di intelligenza artificiale analizzano i dati in tempo reale rendendo le operazioni di rete più efficienti e reattive. Inoltre, l’AI aiuta le reti aziendali a essere più efficienti, utilizzando algoritmi basati sui dati per identificare modelli all’interno dell’infrastruttura aziendale e contribuisce a rilevare, raccogliere e analizzare le connessioni da tutte le parti di un ambiente aziendale (ad esempio, router, switch, dispositivi di ottimizzazione WAN).

Può anche fornire informazioni in tempo reale sulle prestazioni della rete, consentendo alle aziende di individuare i problemi più rapidamente che mai, riducendo o eliminando le interruzioni grazie alla correzione automatica dei guasti non appena si verificano.

L’AI nella personalizzazione dei servizi

Inoltre, l’intelligenza artificiale sta rivoluzionando l’esperienza dei clienti personalizzando i servizi, anticipando le loro esigenze e consentendo una risoluzione proattiva dei problemi. Ad esempio, in Colt abbiamo utilizzato un motore di raccomandazione alimentato dall’intelligenza artificiale costruito su Microsoft Azure per aiutarci ad avvicinarci ai nostri clienti, a migliorare la comprensione delle loro organizzazioni, strategie e piani di crescita e a identificare in quale fase si trovavano nella loro decisione di acquisto. Questo ci ha permesso di comprendere a fondo i nostri clienti e di migliorare la loro esperienza complessiva, con un conseguente aumento di 14 punti del nostro Net Promoter Score a livelli leader nel settore.

Grazie all’intelligenza artificiale, gli assistenti virtuali e i chatbot forniscono un’assistenza continua, migliorano le opzioni di self-service e forniscono risposte immediate alle domande dei clienti, rivoluzionando l’esperienza del servizio clienti.

Da questa opportunità deriva un dovere: i fornitori di servizi di telecomunicazione stanno avviando un cambiamento rivoluzionario, ma devono farlo in modo responsabile.

L’AI per la sostenibilità

È ampiamente risaputo che i modelli di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT comportano un’ulteriore pressione sui data center sotto forma di fabbisogno di acqua per il raffreddamento, ma allo stesso tempo l’intelligenza artificiale ha un ruolo fondamentale nella riduzione delle emissioni di energia all’interno della rete. Il 78% delle aziende di telecomunicazioni che hanno partecipato a uno studio di Nokia ha dichiarato di affidarsi a soluzioni energetiche di intelligenza artificiale per ridurre il consumo energetico della rete, con l’AI che rileva e “spegne” temporaneamente le risorse energetiche inutilizzate, riducendo al minimo il consumo di energia e le emissioni.

La sinergia tra le reti 5G, l’Internet of Things (IoT) e la crescita esponenziale dei Big data è diventata il catalizzatore che ha spinto i fornitori di servizi di rete a dare priorità all’AI. Poiché le imprese e le organizzazioni sono sempre più interconnesse con il mondo digitale, il concetto di AIoT indica una nuova era in cui le infrastrutture di rete non sono solo interconnesse, ma anche intelligenti, adattive e predittive. I continui progressi e l’evoluzione dell’adozione dell’AI stanno facendo emergere un panorama in continua espansione di casi d’uso e aree di applicazione preziose per i fornitori di rete.

Conclusioni

Con la continua crescita di questo settore, la capacità di identificare e capitalizzare queste opportunità integrandole con altre tecnologie è diventata un fattore cruciale per ottenere un vantaggio competitivo. Per abbracciare questo panorama dinamico, i fornitori di rete devono tenersi aggiornati sui progressi dell’AI e cercare in modo proattivo le potenziali aree di applicazione all’interno della loro organizzazione, consentendo loro di sfruttare la potenza dell’AI per l’innovazione e la crescita.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4