scenari

Antitrust USA: cominciano le indagini sulle big tech dell’intelligenza artificiale



Indirizzo copiato

Jonathan Kanter, il principale esecutore antitrust degli Stati Uniti, richiede un esame ‘urgente’ del settore dell’intelligenza artificiale, in risposta alle preoccupazioni che il potere su questa tecnologia si stia concentrando tra pochi attori con ingenti risorse

Pubblicato il 7 giu 2024



agente virtuale

L’acquisizione di aziende di intelligenza artificiale da parte dei colossi della tecnologia necessita di un’indagine “urgente”, afferma l’autorità Antitrust statunitense. In un’intervista al Financial Times, Jonathan Kanter, principale esecutore antitrust degli Stati Uniti, spinge per un intervento “significativo” sulla concentrazione di potere nel settore dell’intelligenza artificiale.

Occorre un intervento in tempo reale

Jonathan Kanter

L’Antitrust sta esaminando i “punti di strozzamento del monopolio e il panorama competitivo” nell’AI, che comprende tutto, dalla potenza di calcolo e dai dati utilizzati per addestrare i grandi modelli linguistici, ai fornitori di servizi cloud, al talento ingegneristico e all’accesso a hardware essenziali come le unità di elaborazione grafica (GPU). I regolatori temono che il nascente settore dell’AI sia “all’apice della competizione, non alla base” e devono agire “con urgenza” per garantire che le già dominanti aziende tecnologiche non controllino il mercato, afferma Kanter. “A volte l’intervento più significativo è quando l’intervento avviene in tempo reale”, aggiunge. “Il bello è che puoi essere meno invasivo”.

Il DoJ guiderà le indagini su Nvidia, la FTC supervisionerà la valutazione del comportamento di Microsoft e OpenAI

Kanter, al suo terzo anno presso il Dipartimento di Giustizia (DoJ), ha guidato insieme alla Federal Trade Commission (FTC) un approccio antitrust più severo, citando in giudizio gruppi tecnologici come Google e Apple per quello che il governo statunitense sostiene siano monopoli ingiusti in servizi tra cui app store, motori di ricerca e pubblicità digitale. Ha lavorato a stretto contatto con la presidente della FTC, Lina Khan. Kanter afferma che i regolatori stanno guardando al settore dell’AI generativa ed esaminando il panorama competitivo nei microchip. Ha aggiunto inoltre che le GPU necessarie per addestrare i LLM sono diventate una “risorsa scarsa”. Nvidia domina le vendite delle GPU più avanzate, e la sua capitalizzazione di mercato ha superato quella di Apple per diventare la seconda società più quotata al mondo.

Il DoJ e la FTC hanno raggiunto un accordo che dividerà la supervisione antitrust dei principali attori dell’AI. Il DoJ guiderà le indagini su Nvidia, mentre la FTC supervisionerà la valutazione del comportamento di Microsoft e OpenAI. La FTC, il DoJ e un portavoce di Nvidia hanno rifiutato di commentare l’accordo, riportato per la prima volta dal The New York Times.

Riflettori puntati sul conflitto di interessi

Kanter ha fatto riferimento alle iniziative governative per aumentare la produzione nazionale, tra cui i 39 miliardi di dollari di incentivi nel Chips Act, ma ha aggiunto che i regolatori antitrust guardano come i produttori di chip decidono di allocare i loro prodotti più avanzati in mezzo a una domanda sfrenata. “Una delle cose da considerare è il conflitto di interessi, un pollice sulla bilancia, perché temono di abilitare un concorrente o stanno aiutando a sostenere un cliente”, ha detto Kanter. “Se si prendono decisioni che mostrano che le aziende non si preoccupano di massimizzare la redditività o generare valore per gli azionisti, ma guardano più alle conseguenze competitive” allora sarebbe un problema.

Da quando il rilascio del chatbot ChatGPT di OpenAI, nel novembre 2022, ha fatto sensazione, è scoppiata una corsa agli armamenti mentre le imprese si affrettano a siglare partnership miliardarie con alcune delle aziende di AI più promettenti e quelle che costruiscono modelli e app basate sulla tecnologia. Emblematico è l’investimento da 13 miliardi di dollari di Microsoft in OpenAI, che include diritti sulla proprietà intellettuale della start-up e una quota dei suoi profitti ma si ferma al limite dell’acquisizione totale. Tuttavia, la FTC così come le autorità antitrust del Regno Unito e dell’UE hanno detto che esamineranno la relazione insieme agli accordi miliardari di Google e Amazon con il rivale Anthropic.

Microsoft e l’affaire Inflection

A marzo, l’amministratore delegato di Microsoft Satya Nadella ha assunto Mustafa Suleyman, fondatore di un’altra start-up AI chiamata Inflection, e gran parte del suo staff di 70 persone per creare una nuova unità di AI per i consumatori. Alcuni osservatori del settore hanno visto l’accordo come una tattica per eludere le leggi antitrust e sfuggire a un’indagine formale. Microsoft e Inflection all’epoca sottolinearono che l’accordo non era un’acquisizione e che Inflection rimaneva un’azienda indipendente.

La FTC sta ora indagando se Microsoft non abbia segnalato correttamente il suo accordo con la start-up. La FTC ha rifiutato di commentare l’indagine, che è stata riportata per la prima volta dal The Wall Street Journal. Un portavoce di Microsoft ha detto che prende “seriamente gli obblighi legali di segnalare le transazioni… e siamo sicuri di aver rispettato tali obblighi”. “Gli acquisti sono qualcosa che i regolatori antitrust” guarderanno, ha detto Kanter, pur rifiutando di commentare qualsiasi transazione specifica. “Non stiamo usando caratteristiche stilistiche o formalistiche su come queste aziende [spiegano questi affari]. Quello che guardiamo sono le realtà del mercato. “Siamo concentrati sui fatti. Se la forma è diversa ma la sostanza è la stessa, allora non esiteremo ad agire. Guardiamo quali sono le materie prime per produrre un prodotto. Che si tratti di acciaio o ingegneri, rientra nel paradigma tradizionale di ciò che ci interessa”.

Microsoft ha respinto le accuse secondo cui esercita un’influenza ingiusta o un controllo de facto attraverso i suoi investimenti e servizi di cloud computing. Ha anche investito in Mistral in Francia e ha messo 1,5 miliardi di dollari nel gruppo AI di Abu Dhabi G42. “Le partnership che stiamo perseguendo hanno dimostrato di aver aggiunto competizione al mercato”, ha detto al FT il presidente del gruppo tecnologico Brad Smith. “Potrei sostenere che la partnership di Microsoft con OpenAI ha creato questo nuovo mercato dell’AI” e senza il suo aiuto, la start-up “non sarebbe stata in grado di addestrare o distribuire i suoi modelli”. Alla domanda perché Microsoft non abbia comprato Inflection, ha risposto: “Non volevamo possedere l’azienda. Volevamo assumere alcune delle persone che lavoravano nell’azienda”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4