sondaggio

Gartner: il 55% delle organizzazioni sta integrando l’AI generativa



Indirizzo copiato

Si tratta delle aziende che hanno aumentato gli investimenti negli ultimi 10 mesi. L’approccio ‘wait and see’ è considerato più rischioso

Pubblicato il 5 ott 2023



software intelligenza artificiale

In un recente sondaggio condotto da Gartner su oltre 1.400 dirigenti, il 45% ha dichiarato di essere in fase di sperimentazione con l’AI generativa e un altro 10% ha messo in produzione soluzioni di AI generativa. Si tratta di un aumento significativo rispetto a un sondaggio condotto dalla stessa azienda a marzo e aprile 2023, in cui solo il 15% degli intervistati stava sperimentando l’AI generativa e il 4% era in produzione.

Frances Karamouzis

“Le organizzazioni non si limitano a parlare di AI generativa, ma investono tempo, denaro e risorse per farla progredire e ottenere risultati di business”, dichiara Frances Karamouzis, Distinguished VP Analyst di Gartner. “Infatti, il 55% delle organizzazioni ha dichiarato di aver aumentato gli investimenti nell’AI generativa da quando è diventata di dominio pubblico dieci mesi fa. L’AI generativa è ora nelle agende dei CEO e dei consigli di amministrazione che cercano di sfruttare il potenziale di trasformazione di questa tecnologia”.

Il sondaggio Gartner

Il sondaggio ha incluso 1.419 intervistati che hanno partecipato a un webinar di Gartner nel settembre 2023 in cui si discuteva dei costi e dei rischi aziendali dell’AI generativa. I risultati di questo sondaggio non rappresentano i risultati globali o il mercato nel suo complesso.

I dirigenti ritengono che gli investimenti nell’AI generativa superino i rischi.

Il 78% degli intervistati ritiene che i vantaggi dell’AI generativa siano superiori ai suoi rischi. Si tratta di un dato superiore al 68% che aveva espresso questa opinione nel sondaggio precedente.

“I dirigenti stanno assumendo una posizione più coraggiosa nei confronti dell’AI generativa, in quanto vedono i modi profondi in cui può guidare l’innovazione, l’ottimizzazione e la disruption”, ha dichiarato Karamouzis. “I leader aziendali e IT capiscono che l’approccio ‘wait and see’ è più rischioso dell’investimento”.

Al primo posto c’è lo sviluppo del software

Il sondaggio ha rilevato che il 45% delle aziende sta scalando gli investimenti in AI generativa su più funzioni aziendali, con il 22% che sta scalando su più di tre funzioni diverse. Lo sviluppo del software è la funzione con il più alto tasso di adozione o investimento nell’AI generativa, seguita da vicino dal marketing e dal servizio clienti.

Investimenti in IA generativa per funzione aziendale

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, diagrammaDescrizione generata automaticamente

Fonte: Gartner (ottobre 2023)

Il 30% degli intervistati ha indicato le iniziative di crescita come obiettivo principale degli investimenti in AI generativa, seguite dall’ottimizzazione dei costi (26%) e dall’esperienza/ritenzione dei clienti (24%).

“Molte organizzazioni hanno iniziato il loro viaggio nell’AI ponendo eccessiva enfasi sull’ottimizzazione dei costi e sull’efficienza”, ha dichiarato Karamouzis. “Le imprese più avvedute hanno superato questa fase per concentrare le iniziative sull’efficacia, sul valore quantificabile e sull’agilità aziendale di prodotti e servizi. Questo garantisce visibilità, fiducia e sinergia tra gli stakeholder e, soprattutto, l’allineamento ai risultati di business”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4