News

Quando il compagno di stanza in ufficio è un robot

Naver, una società internet sudcoreana, sta cercando di introdurre i robot nel mondo delle stanzette e delle sale conferenze senza mettere a disagio i dipendenti [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

Naver robot
  1. Home
  2. News
  3. Quando il compagno di stanza in ufficio è un robot

Naver – un conglomerato di Internet in Corea del Sud – ha sperimentato l’integrazione dei robot nella vita d’ufficio per diversi mesi. All’interno di un futuristico grattacielo industriale di 36 piani alla periferia di Seoul, una flotta di circa 100 robot gira spostandosi da un piano all’altro su ascensori solo per robot o talvolta accanto agli umani, rotolando attraverso i cancelli di sicurezza ed entrando nelle sale riunioni. La rete di servizi web di Naver, tra cui un motore di ricerca, mappe, e-mail e aggregazione di notizie, è dominante in Corea del Sud, ma la sua portata all’estero è limitata, mancando della fama globale di un’azienda come Google. L’azienda è stata alla ricerca di nuove strade per la crescita. A ottobre, ha accettato di acquisire Poshmark, un rivenditore online di seconda mano, per 1,2 miliardi di dollari. Ora, Naver vede il software che alimenta i robot negli uffici aziendali come un prodotto che altre aziende potrebbero eventualmente desiderare.

Ancora pochi robot negli uffici

I robot hanno trovato casa in altri luoghi di lavoro, come le fabbriche e nella vendita al dettaglio e nell’ospitalità, ma sono in gran parte assenti dal mondo dei colletti bianchi delle stanzette e delle sale conferenze. Ci sono spinose questioni sulla privacy: una macchina brulicante di telecamere e sensori che vaga per i corridoi aziendali potrebbe essere uno strumento distopico di sorveglianza aziendale se abusato, dicono gli esperti. Anche progettare uno spazio in cui le macchine possano muoversi liberamente senza disturbare i dipendenti rappresenta una sfida complicata.

Ma Naver ha fatto ricerche approfondite per assicurarsi che i suoi robot – che assomigliano a un bidone della spazzatura rotolante – guardino, si muovano e si comportino in modo da rendere i dipendenti a proprio agio. E mentre sviluppa le proprie regole sulla privacy dei robot, spera di scrivere il progetto per i robot da ufficio del futuro.

“Il nostro sforzo ora è quello di ridurre al minimo il disagio che causano agli esseri umani”, ha detto Kang Sang-chul, un dirigente di Naver Labs, una filiale che sviluppa i robot.

Yeo Jiwon, che lavora nel team di impatto sociale dell’azienda, ordina un caffè sull’app sul posto di lavoro di Naver. Pochi minuti dopo, la “Rookie” esce dall’ascensore al 23° piano, attraversa i cancelli di sicurezza e si avvicina alla sua scrivania. Una volta nelle vicinanze, il robot apre il suo vano di stoccaggio con una tazza di caffè freddo preparata in uno Starbucks al secondo piano.

I robot non sono sempre perfetti, dice la signora Yeo, a volte si muovono più lentamente del previsto o occasionalmente si fermano troppo lontano da dove si siede. “A volte sembrano una versione beta”, dice, usando il linguaggio tecnico per il software che è ancora in fase di sviluppo. Le consegne le fanno risparmiare tempo, però, e la aiutano a concentrarsi sul suo lavoro, eliminando la distrazione di andare al bar.

Le aziende tecnologiche spesso incoraggiano i dipendenti a testare i propri prodotti, ma con i suoi robot Naver ha trasformato il suo intero ufficio in un laboratorio di ricerca e sviluppo, impiegando i suoi dipendenti come soggetti di prova per le future tecnologie sul posto di lavoro. Quando i dipendenti Naver guidano l’auto verso l’ufficio, la cui costruzione è terminata quest’anno, l’azienda invia loro automaticamente promemoria di dove hanno parcheggiato sull’app del posto di lavoro. I dipendenti attraversano i cancelli di sicurezza che utilizzano il riconoscimento facciale, anche se mascherati per prevenire la diffusione del coronavirus. Nella clinica sanitaria interna di Naver, il software di intelligenza artificiale suggerisce aree di interesse per l’esame sanitario annuale dei dipendenti.

Naver robot

Un ufficio interamente progettato per i robot

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

E poi ci sono i robot. Naver ha progettato l’ufficio da zero pensando ai robot, iniziando la costruzione nel 2016. Ogni porta è programmata per aprirsi quando un robot si avvicina. Non ci sono corridoi stretti o ostacoli sul pavimento. I soffitti sono contrassegnati con numeri e codici QR per aiutare i robot a orientarsi. La caffetteria dispone di corsie dedicate ai robot per la consegna dei pasti.

Come parte della sua ricerca, Naver ha anche pubblicato studi nel campo dell’interazione uomo-robot. Dopo una serie di esperimenti, ad esempio, Naver ha concluso che il punto ottimale per un robot in un ascensore affollato di esseri umani era l’angolo vicino all’ingresso sul lato opposto dei pulsanti dell’ascensore. Mettere il robot sul retro dell’ascensore ha messo a disagio gli esseri umani, hanno scoperto i ricercatori di Naver.

Naver, ovviamente, non è l’unica azienda tecnologica che cerca di far progredire la tecnologia robotica. Rice Robotics ha implementato centinaia di robot squadrati che consegnano pacchi, generi alimentari e altro ancora in edifici per uffici, centri commerciali e minimarket in tutta l’Asia. Robot come Optimus, un prototipo che Tesla ha presentato a settembre, sono progettati per essere più simili agli umani e trasportare scatole, piante acquatiche e altro ancora, ma sono molto lontani dall’essere implementati.

Victor Lee, amministratore delegato di Rice Robotics, ha detto di essere rimasto impressionato quando ha visto i video delle macchine e dell’edificio robot-friendly di Naver. Mentre i robot di consegna di Rice funzionano in modo diverso, gli approcci di Naver “avevano senso”, ha detto. “Naver ha ovviamente molto più budget per lo sviluppo di questi progetti lunari”.

Naver ha detto che una caratteristica distintiva dei suoi robot è che sono intenzionalmente “senza cervello”, il che significa che non sono computer che elaborano informazioni all’interno della macchina. Invece, i robot comunicano in tempo reale su una rete 5G privata ad alta velocità con un sistema di calcolo “cloud” centralizzato. I movimenti dei robot vengono elaborati utilizzando i dati provenienti da telecamere e sensori.

Ogni robot ha diverse telecamere che registrano immagini dell’ambiente circostante. C’era un certo disaccordo all’interno di Naver su ciò che esattamente i robot dovevano sapere e su come sarebbero stati utilizzati i dati raccolti. Quando i prototipi erano in fase di sviluppo, gli ingegneri inizialmente volevano che i robot registrassero un campo visivo più ampio per valutare la loro posizione in modo più rapido e accurato, secondo Lee Jin-kyu, Chief Data Protection Officer di Naver.

Robot in ufficio e privacy

Lee temeva che ciò avrebbe comportato dati che potrebbero essere utilizzati per tracciare i dipendenti a loro insaputa, creando problemi legali per la società in Corea del Sud, che ha severe leggi sul lavoro e sulla privacy. Lee e gli ingegneri hanno concordato di scattare solo una foto al secondo da una fotocamera frontale e di utilizzare le altre fotocamere solo quando era necessaria più di un’immagine.

Le telecamere possono vedere solo dalla vita in giù delle persone e le immagini vengono cancellate non appena il robot si è orientato. Una modalità di emergenza entra in funzione se un robot viene rovesciato o le angolazioni della telecamera cambiano improvvisamente. In questi casi, il robot annuncia che può registrare i volti delle persone.

Nonostante le precauzioni di Naver, gli esperti di privacy temono che i potenziali clienti possano modificare i robot o creare le proprie politiche su come raccolgono i dati. Kim Borami, un avvocato per la privacy a Seoul, ha affermato che molte aziende sudcoreane erano opache riguardo alle loro politiche sui dati e che aveva incontrato esempi di aziende che violavano le leggi sulla privacy.

Ha anche osservato che era impossibile sapere con certezza se Naver stesse seguendo le proprie politiche sulla privacy senza guardare più da vicino il suo software, qualcosa che Naver non condivide pubblicamente.

“In genere non si scoprono le violazioni della privacy in un’azienda fino a quando non c’è un informatore o una fuga di notizie”, ha detto la signora Kim.

Naver ha dichiarato di essere conforme alle leggi sudcoreane sulla privacy e la sorveglianza dei dati dei dipendenti. Ma parte della sfida con la nuova tecnologia sul posto di lavoro è creare regole al volo.

“Non esiste un punto di riferimento per i tipi di politiche sulla privacy di cui abbiamo bisogno”, ha detto Lee, l’ingegnere di Naver. “Abbiamo dovuto ricominciare da zero. Questa è stata la parte più difficile”.

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn