News

Quando a scrivere un articolo è l’AI

Aumentano i software di intelligenza artificiale in grado di generare testi quasi come un essere umano. Secondo alcune stime, le start up in questo settore sarebbero almeno 180 e hanno raccolto centinaia di migliaia di dollari di investimenti [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

Ai scrive articolo
  1. Home
  2. News
  3. Quando a scrivere un articolo è l’AI

Attualmente ci sono buone probabilità che parte di ciò che leggiamo su Internet sia stato scritto da un bot. I programmi software di intelligenza artificiale che generano testo stanno diventando così sofisticati che il loro output spesso non può essere distinto da ciò che scrive una persona. L’AI che scrive un articolo sembra essere ormai realtà. Un numero crescente di aziende sta cercando di utilizzare questa tecnologia per automatizzare la creazione di informazioni e si stanno espandendo i tipi di contenuti che possono essere generati automaticamente.

Google sa che per generare contenuti emersi nei risultati di ricerca si sta utilizzando l’intelligenza artificiale e lo accetta, purché il contenuto prodotto da un’intelligenza artificiale sia utile agli umani che lo leggono, afferma una portavoce dell’azienda. I correttori grammaticali e i suggerimenti intelligenti, tecnologie che Google stesso offre nei suoi strumenti, sono parte della generazione di contenuti AI, aggiunge.

“Il nostro team di ranking si concentra sull’utilità dei contenuti, piuttosto che su come vengono prodotti”, afferma Danny Sullivan, che lavora alla ricerca di Google. “Questo ci consente di creare soluzioni che mirano a ridurre tutti i tipi di contenuti inutili nella ricerca, prodotti sia da esseri umani, sia attraverso processi automatizzati”.

I servizi di contenuti AI fioriscono; rendono i creatori di contenuti più produttivi, ma sono anche in grado di produrre contenuti che nessuno potrebbe dire che siano stati creato da una macchina. Questo è spesso vero anche per i contenuti generati dall’intelligenza artificiale di altri tipi, tra cui immagini, video, audio e bot.

L’ascesa dei contenuti generati dall’AI è resa possibile da un fenomeno noto come “creatività computazionale”, creatività artificiale o AI generativa. Questo campo, che contava solo una manciata di aziende due o tre anni fa, è esploso fino a comprendere più di 180 startup al momento, secondo i dati raccolti dall’imprenditrice Anne-Laure Le Cunff. Queste aziende hanno raccolto centinaia di milioni di dollari di investimenti negli ultimi mesi, in controtendenza.

Entro il 2030 il 90% dei contenuti su internet sarà generato automaticamente

Molti dei contenuti che stiamo attualmente incontrando su Internet sono generati automaticamente, afferma Peter van der Putten, assistente professore presso il Leiden Institute of Advanced Computer Science dell’Università di Leiden nei Paesi Bassi. Siamo solo all’inizio della diffusione di sistemi automatici di generazione di contenuti. “Il mondo sarà molto diverso tra due o tre anni perché le persone useranno molto questi sistemi”, aggiunge.

Entro il 2025 o al massimo il 2030, il 90% dei contenuti su Internet sarà generato automaticamente, afferma Nina Schick, autrice nel 2020 di un libro sull’AI generativa e le sue insidie. Alcuni di questi potrebbero arrivare sotto forma di personalizzazione, come messaggi di marketing contenenti video sintetici o attori sintonizzati sui nostri gusti individuali. Inoltre, molti di essi potrebbero essere solo contenuti generati automaticamente condivisi sui social media, come clip di testo o video che le persone creano senza più sforzo di quello necessario per inserire un prompt di testo in un servizio di generazione di contenuti.

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni

Il dr. van der Putten e il suo team hanno creato un sistema in grado di scrivere articoli di giornale nello stile di qualsiasi modello inserito nel loro software. Il Wall Street Journal ha il suo Strumento di scrittura di articoli AI, creato in collaborazione con Narrativa, un “sistema di generazione linguistica AI” che aiuta uno scrittore umano a produrre alcuni aggiornamenti di mercato.

I sistemi automatici di generazione di testo stanno aiutando i romanzieri ad accelerare il loro processo di scrittura, alimentando i chatbot del servizio clienti e alimentando un servizio, Replika, che centinaia di migliaia di persone trattano come il loro fidanzato o fidanzata artificiale e di cui molti dicono di essersi innamorati.

È importante notare che gran parte del contenuto creato da questi sistemi presenta errori o eccentricità di un tipo che gli esseri umani non introducono. Parte di ciò che l’AI produce deve ancora essere rivisto e in un certo senso modificato da un essere umano.

L’articolo di giornale del dr. van der Putten che scrive AI, ad esempio, può riscrivere automaticamente un articolo di notizie diretto nel tono e con l’inclinazione politica di una testata più di parte, ad esempio, ma il suo output può anche contenere errori fattuali. Ad esempio, in un articolo, ha identificato la capitale dei Paesi Bassi come L’Aia.

Le immagini generate dall’intelligenza artificiale hanno spesso strani artefatti al loro interno. Dall-E, in particolare, non è bravo a rendere le mani o a disegnare correttamente il giusto numero di arti su una persona o un animale. I sistemi per generare automaticamente video da prompt di testo possono generare solo brevi clip e sono finora i più primitivi di tutti questi sistemi in termini di output.

Ma all’intersezione di esseri umani esperti e intelligenza artificiale sofisticata, i risultati possono essere buoni o migliori di quelli che possono essere prodotti dai soli esseri umani ed essere prodotti molto più velocemente, rendendo i creatori umani più produttivi.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn