News

L’AI aiuta i CIO a monitorare le emissioni di carbonio dei data center cloud

Con TrueCarbon, prodotta da Cirrus Nexus, si può monitorare l'impatto ambientale dell'IT di un'azienda. Anche i tre maggiori fornitori globali di cloud computing – Amazon Web Services, Google Cloud di Alphabet Inc. e Azure di Microsoft Corp. – hanno iniziato a occuparsi dei clienti che vogliono misurare e ridurre le loro emissioni [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

carbonio cloud
  1. Home
  2. News
  3. L’AI aiuta i CIO a monitorare le emissioni di carbonio dei data center cloud

L’intelligenza artificiale può dare una mano ai CIO per tenere sotto controllo le emissioni di carbonio dei data center cloud. A Montreal, Quebec, la piattaforma di gestione del cloud Cirrus Nexus ha lanciato uno strumento di AI per aiutare le aziende a misurare e ridurre le emissioni di carbonio dalle loro attività cloud, un’area di maggiore attenzione in quanto le aziende affrontano pressioni da parte di azionisti e regolatori per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità.

Monitorare le emissioni di carbonio del cloud

Lo strumento, denominato TrueCarbon, analizza le informazioni pubblicamente disponibili sul consumo energetico del data center e altri dati di terze parti per aiutare i clienti a valutare le loro emissioni di carbonio. Fornisce inoltre raccomandazioni per aiutare i clienti a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni.

“La tecnologia AI perfeziona costantemente le raccomandazioni basate sui modelli di utilizzo dei clienti e sulle tendenze di consumo energetico dei data center”, ha affermato Chris Noble, amministratore delegato dell’azienda. “È anche in grado di aiutare i clienti a spostare rapidamente le operazioni e i processi IT in diversi data center per ridurre al minimo l’impronta di carbonio delle attività”, ha osservato.

La Securities and Exchange Commission ha proposto alle società quotate in Borsa di segnalare le emissioni di gas serra derivanti dalle proprie operazioni e dall’energia che consumano e di ottenere una certificazione indipendente delle loro stime.

Man mano che la relazione tra digitalizzazione ed emissioni basate sul carbonio diventa più evidente, i Chief Information Officer emergono come agenti chiave nel far progredire i programmi di sostenibilità delle aziende.

“Abbiamo raggiunto una maggiore efficienza energetica e stiamo collaborando con fornitori [cloud] che si sono impegnati a utilizzare energia rinnovabile al 100% o neutralità del carbonio”, ha affermato Michael Ruttledge, CIO di Citizens Financial Group Inc.

I data center hanno rappresentato circa l’1% del consumo globale di elettricità nel 2020, escluso il mining di criptovaluta, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

“TrueCarbon fa parte di un numero crescente di strumenti di contabilizzazione del carbonio che mirano ad aiutare le aziende a soddisfare i requisiti di sostenibilità”, ha affermato Ed Anderson, vicepresidente della ricerca e analista di Gartner Inc.

L’impatto economico del software di contabilità del carbonio

Il settore globale del software di contabilità del carbonio ha attirato 356 milioni di dollari di finanziamenti di capitale di rischio l’anno scorso, più di cinque volte il totale di 63 milioni di dollari per il 2020, secondo la società di ricerca PitchBook Data Inc.

I principali fornitori di cloud offrono anche strumenti di monitoraggio delle emissioni di carbonio. Nel mese di marzo, Amazon.com Inc. ha introdotto uno strumento di monitoraggio del carbonio per gli utenti AWS che stima le emissioni di un cliente in base a dove si trovano e alla quota di elettricità verde che alimenta i data center che stanno utilizzando. Google Cloud di Alphabet Inc. e la piattaforma cloud Azure di Microsoft Corp. hanno iniziato a offrire ai propri clienti strumenti di monitoraggio del carbonio nell’ottobre 2021 e nel gennaio 2020.

Amazon, Google e Microsoft sono entrati in gioco

Secondo David Mytton, ricercatore di calcolo sostenibile presso l’Imperial College di Londra, i tre grandi fornitori globali di cloud computing – Amazon Web Services, Google Cloud di Alphabet Inc. e Azure di Microsoft Corp. – stanno iniziando a competere per i clienti che vogliono misurare e ridurre le loro emissioni. Fino a poco tempo fa, c’era “una trasparenza molto limitata” sulle impronte di carbonio dei fornitori di cloud, ha detto, aggiungendo che Amazon è “abbastanza indietro”.

Di recente la società ha introdotto uno strumento di monitoraggio del carbonio per gli utenti AWS che stima le emissioni di un cliente in base a dove si trova e alla quota di elettricità verde che alimenta i data center che sta utilizzando. Inoltre, stima le emissioni dell’uso del data center prima dell’introduzione dello strumento e i risparmi di carbonio ottenuti dopo essere passati al cloud.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn