News

La tecnologia di ChatGPT può rendere i chatbot del servizio clienti più intelligenti

Alcune aziende stanno cercando di capire come sfruttare la tecnologia di OpenAi per migliorare le funzioni di chat online. Ma i manager sono diffidenti per la tendenza dell'AI a fare errori [...]
  1. Home
  2. News
  3. La tecnologia di ChatGPT può rendere i chatbot del servizio clienti più intelligenti

OpenAI, la startup che è dietro ChatGPT, prevede di aggiungere la tecnologia alla sua interfaccia di programmazione delle applicazioni, consentendo agli sviluppatori di incorporarla nei propri prodotti.

Le aziende sperano che la tecnologia di intelligenza artificiale alla base di ChatGPT possa trasformare i normali chatbot in grandi fonti di informazioni, trasformando potenzialmente il servizio clienti.

Ma molti dirigenti stanno procedendo con cautela, dati i limiti di ChatGPT – messo a punto da GPT-3.5, un modello creato dalla startup OpenAI – così come il primo sistema di linguaggio AI di OpenAI, GPT-3, che le aziende stanno già iniziando a integrare nei prodotti digitali.

OpenAI  ha affermato che presto aggiungerà ChatGPT alla sua interfaccia di programmazione delle applicazioni, o API, che consente agli sviluppatori di incorporare la tecnologia OpenAI nei propri prodotti.

Ma i manager della customer experience affermano che l’eccessiva dipendenza da tali modelli di intelligenza artificiale potrebbe portare le aziende a fornire informazioni errate ai clienti online senza sapere che lo stanno facendo.

Altman (OpenAI): “Affidamento per domande fattuali: non è una buona idea”

Sam Altman, amministratore delegato di OpenAI, ha messo in guardia dal fare affidamento su ChatGPT “per qualsiasi cosa importante in questo momento”. “Divertente ispirazione creativa: benissimo! Affidamento per domande fattuali: non è una buona idea”, ha scritto Altman in un tweet il mese scorso.

WEBINAR
Misurare e migliorare l’experience dei clienti B2B: da dove si parte?
Digital Transformation
Marketing

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale per scrivere risposte in chat in situazioni sensibili si è ritorto contro. Koko, un’app di chat utilizzata per il supporto emotivo, questo mese è stata criticata per un esperimento in cui volontari umani hanno creato le loro risposte agli utenti dell’app con l’aiuto di GPT-3.

Il co-fondatore di Koko ha dichiarato in un tweet che la startup ha ritirato l’intelligenza artificiale dal suo sistema: “Una volta che le persone hanno appreso che i messaggi sono stati co-creati da una macchina, non ha funzionato. L’empatia simulata sembra strana, vuota”.

Ma per un’interazione più tipica con il servizio clienti, come interrogare lo stato di un ordine online o modificare i dettagli dell’account, la tecnologia potrebbe rivelarsi utile.

ChatGPT si distingue per la sua capacità di fornire risposte ragionevoli alla maggior parte dei prompt, indipendentemente dall’ortografia, dalla grammatica e dal fraseggio degli utenti, e di rispondere con frasi complete e dal suono naturale che non richiedono scripting, ha affermato David Truog, analista principale specializzato in tecnologia e design presso Forrester Research Inc. È anche addestrato ad ammettere errori, sfidare premesse errate e rifiutare richieste inappropriate, secondo OpenAI.

Ma le aziende dovrebbero prestare attenzione quando hanno a che fare con la nuova AI, ha detto Truog. “È appropriato fare qualche sperimentazione”, ha detto, “ma è troppo presto per distribuire sistemi mission-critical basati su questo”.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn