News

AI Summit di New York: le tendenze emergenti nell’AI per le aziende

Dai dati personalizzati all'etica dell'AI: i relatori del London Stock Exchange Group e di RESRG hanno discusso di tutto questo e delle tendenze aziendali [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

  1. Home
  2. News
  3. AI Summit di New York: le tendenze emergenti nell’AI per le aziende

All’AI Summit di New York, lo scorso 8 dicembre, si è discusso del ruolo emergente dell’AI in tutti i settori e di come le aziende possono adattarsi ai cambiamenti in atto. Con il crescente utilizzo dell’AI, i consumatori e le aziende si pongono domande sulla sicurezza dei dati, la sovranità e l’etica delle tecnologie emergenti.

Al Summit si sono incontrati Samrah Kazmi, fondatrice e chief innovation officer di RESRG, Hanna Helin, responsabile globale dell’innovazione tecnologica del London Stock Exchange Group, e Alexander Bourgeois, analista della trasformazione digitale presso Informa Tech, per discutere del ruolo emergente dell’AI,

Sia Kazmi che Helin hanno parlato dell’importanza di sfruttare i dati per identificare le tendenze e la domanda sia nei consumatori che nelle aziende circostanti.

“Ogni organizzazione sta generando molti dati e noi come consumatori stiamo producendo una generazione di dati esplosiva”, ha affermato Kazmi. “Solo attraverso i nostri dispositivi le aziende possono ottenere informazioni sui modelli di spesa e utilizzare questi dati per generare approfondimenti e creare una maggiore personalizzazione per i prodotti. Questa è una grande opportunità. La potenza di calcolo è davvero avanzata, direi più di dieci volte negli ultimi anni”.

“Dobbiamo capire davvero cosa stia succedendo con le tecnologie emergenti nel più ampio panorama dell’innovazione”, ha affermato Helin. “Lavoriamo anche a stretto contatto con i programmi di avvio per vedere quali funzionalità abbiano che possiamo sfruttare a vantaggio dei nostri clienti. Comprendere i nostri clienti esterni guida anche l’innovazione, capire dove stanno andando i servizi finanziari globali e su cosa si stanno concentrando e utilizzarli per adattare le nostre soluzioni e capacità”.

The AI Summit New York

All’AI Summit di New York: servizi finanziari e attacchi informatici

I servizi finanziari sono uno dei settori più preoccupati per la minaccia di attacchi informatici e, con l’aumento dell’intelligenza artificiale e della digitalizzazione che guidano le aziende online sono sorte domande su come rafforzare il settore e su come l’intelligenza artificiale potrebbe essere sfruttata per rilevare le frodi.

WHITEPAPER
Istruzioni pratiche, tool e servizi per organizzare un Contact Center performante grazie all'AI
CRM
Intelligenza Artificiale

“Di recente abbiamo visto esplodere il crimine finanziario”, ha detto Kazmi all’AI Summit di New York. “E mentre ci muoviamo verso spazi immersivi o virtuali, vediamo che il crimine finanziario aumenta. Quando si tratta di frodi, i sistemi tradizionali sono sempre stati basati su regole: non possono prevedere gli eventi e non sono bravi a monitorare continuamente. La nuova tendenza dell’AI generativa, una tecnica di intelligenza artificiale che utilizza dati originali per creare artefatti sintetici o nuovi e identificare nuovi modelli, è più lungimirante e può rilevare software sconosciuto o nuovo, anche prima che il malware venga lanciato. L’AI generativa è fondamentale quando si tratta di combattere la criminalità finanziaria”.

Mentre l’AI può rivelarsi uno strumento prezioso per proteggere le aziende e i clienti dalle frodi, l’etica intorno all’AI stessa resta un argomento controverso, con le aziende che affrontano un aumento delle richieste per garantire che i sistemi non siano intrinsecamente parziali o discriminatori.

“Dobbiamo assicurarci che tutti i nuovi modelli creati siano eticamente esperti”, ha affermato Helin. “Una delle sfide principali è tenere traccia di questa morale e ciò che abbiamo fatto è stato collegare intenzionalmente l’etica dell’AI alle pratiche dei dati di lavoro. Probabilmente ne vedremo ancora di più nel prossimo anno con l’introduzione di nuovi regolamenti UE”.

“Entro il 2025, il 70% delle organizzazioni incorporerà l’etica dell’AI nel codice di condotta professionale”, ha affermato Kazmi. “Ed entro il 2025, l’80% degli sviluppatori dovrà dimostrare l’etica dell’AI all’interno dei costrutti di modellazione. C’è stata un’esplosione di startup etiche di intelligenza artificiale, e questo è dovuto alla domanda dei consumatori. Quando si tratta di prestiti, ci sono alcune cose che accadono, i team di modellazione stanno vedendo molta più diversità che informa i dati, e anche i dati sintetici generati attraverso l’intelligenza artificiale generativa vengono programmati con diverse tonalità della pelle in modo che vari dati demografici non siano esclusi “.

Infine, all’AI Summit di New York il panel ha discusso della trasformazione del cloud e di come questa tendenza sia destinata a continuare nel prossimo anno, con il passaggio agli spazi cloud pubblici, all’intelligenza artificiale democratizzata e agli ambienti low-code e no-code.

“La trasformazione del cloud è in corso da diversi anni”, ha affermato Helin. “Osserviamo che le organizzazioni si rivolgono al cloud pubblico per ottenere l’accesso a nuove tecnologie e funzionalità all’avanguardia. Vediamo anche una combinazione di cloud con intelligenza artificiale e persino calcolo quantistico per risolvere problemi di analisi molto più avanzati. Non ci siamo ancora, ma questa sarà una tendenza importante per il futuro”.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn