Scenari

Tutti pazzi per l’AI generativa: Silicon Valley ci crede e vi sta investendo miliardi di dollari

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, OpenAI, la società che ha lanciato GPT-3, DALL-E e, da ultimo, ChatGPT, avrebbe raggiunto una valutazione di 29 miliardi di dollari e starebbe per vendere le proprie azioni in un’Opa. Sarebbero 450 le start up già attive nel settore, ma non tutte hanno le competenze necessarie [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

ChatGPT business
  1. Home
  2. Intelligenza Artificiale
  3. Tutti pazzi per l’AI generativa: Silicon Valley ci crede e vi sta investendo miliardi di dollari

All’inizio del nuovo anno, OpenAI si trova nel bel mezzo di una “corsa all’oro”. Il laboratorio fondato e diretto da Sam Altman è in trattative per completare un accordo che – secondo rumors del settore – lo valuterebbe alla stratosferica cifra di 29 miliardi di dollari, più del doppio della sua valutazione nel 2021. Stando a quanto si è potuto apprendere, con l’accordo OpenAI venderebbe le azioni della società in una offerta pubblica di acquisto (Opa), ossia un ammontare di 300 milioni di dollari, a seconda di quanti dipendenti accetteranno di vendere le loro azioni. Nessuna area ha creato più eccitazione dell’intelligenza artificiale generativa, il termine usato per definire la tecnologia in grado di generare testo, immagini, suoni e altri media in risposta a brevi suggerimenti. Investitori, esperti e giornalisti hanno parlato di intelligenza artificiale per anni, ma la nuova ondata – il risultato di oltre un decennio di ricerca – rappresenta una razza più potente e più matura di AI.

Da cosa nasce il grande interesse degli investitori

Ai primi di dicembre, OpenAI ha rilasciato ChatGPT, un chatbot che risponde alle domande in una prosa chiara e concisa. Lo strumento alimentato dall’intelligenza artificiale ha immediatamente fatto scalpore, con oltre un milione di persone che lo hanno usato per creare di tutto, dalla poesia alle tesine delle scuole superiori alle riscritture delle canzoni.

Il clamore intorno a OpenAI mostra che anche in piena crisi tecnologica la macchina per fare affari della Silicon Valley sta ancora funzionando. Dopo un anno deludente, che ha visto licenziamenti e tagli di massa, gli investitori tecnologici – genere naturalmente ottimista – non vedono l’ora di saltare su una tendenza calda.

Perché questo tipo di AI promette di reinventare tutto: dai motori di ricerca online come Google agli editor di foto e grafica come Photoshop agli assistenti digitali come Alexa e Siri. In definitiva, potrebbe fornire un nuovo modo di interagire con quasi tutti i software, consentendo alle persone di chattare con computer e altri dispositivi come se stessero chattando con un’altra persona.

Ciò ha mandato in surriscaldamento la creazione di accordi sulle società di intelligenza artificiale generativa. Jasper, una start-up generativa di intelligenza artificiale fondata nel 2021, ha raccolto 125 milioni di dollari a ottobre 2022, per una valutazione di 1,5 miliardi di dollari.

Stability AI, una società di generazione di immagini fondata nel 2020, ha raccolto 101 milioni di dollari nello stesso mese, per una valutazione di 1 miliardo di dollari. Anche le società di intelligenza artificiale generativa più piccole, tra cui Character.AI, Replika e You.com, sono state inondate dall’interesse degli investitori.

Nel 2022, gli investitori hanno pompato almeno 1,37 miliardi di dollari in società di intelligenza artificiale generativa attraverso 78 operazioni, quasi quanto hanno investito nei cinque anni precedenti messi insieme, secondo i dati di PitchBook, che tiene traccia dell’attività finanziaria in tutto il settore.

La valutazione di 29 miliardi di dollari di OpenAI è stata riportata dal Wall Street Journal. Le società di venture capital Thrive Capital e Founders Fund potrebbero acquistare azioni nell’offerta pubblica di acquisto, sempre stando ai rumors del settore. Poiché OpenAI è nata come una società senza scopo di lucro, individuare la sua valutazione precisa è difficile.

OpenAI, Thrive Capital e Founders Fund non hanno fornito commenti sull’investimento proposto.

Microsoft in trattative per investire 10 miliardi di dollari in OpenAI

Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters il 10 gennaio 2023, Microsoft Corp sarebbe in trattative per investire 10 miliardi di dollari in OpenAI, come parte del finanziamento che valuterà l’azienda a 29 miliardi di dollari, come ha riferito Semafor.

Il finanziamento potrebbe includere anche altre società di venture capital e i documenti inviati ai potenziali investitori che delineano i suoi termini indicano una chiusura mirata entro la fine del 2022, secondo il rapporto.

Microsoft ha rifiutato di commentare, mentre OpenAI non ha risposto immediatamente alle richieste di commento di Reuters.

Il gigante del software aveva investito nel 2019 1 miliardo di dollari in OpenAI, fondata da Elon Musk e Sam Altman. Il ramo dei servizi cloud di Microsoft fornisce anche la potenza di calcolo necessaria all’azienda di intelligenza artificiale.

WHITEPAPER
Le fasi del mining: stabilire un obiettivo e la criptovaluta. Scopri di più
Blockchain
Criptovalute

Microsoft l’anno scorso ha svelato i piani per integrare il software di generazione di immagini da OpenAI nel suo motore di ricerca Bing. Un recente rapporto dell’Information ha detto che piani simili erano in corso per ChatGPT mentre Microsoft cerca di sfidare il leader di mercato Google Search.

Secondo Semafor, Microsoft otterrà anche il 75% dei profitti di OpenAI fino a quando non recupererà il suo investimento iniziale.

Dopo aver raggiunto quella soglia, Microsoft avrebbe una partecipazione del 49% in OpenAI, con altri investitori che prenderebbero un altro 49% e la società madre senza scopo di lucro di OpenAI che otterrebbe il 2%.

Sempre secondo Reuters, in una recente presentazione agli investitori OpenAI ha dichiarato di aspettarsi 200 milioni di dollari di entrate l’anno prossimo e 1 miliardo entro il 2024.

OpenAI addebita agli sviluppatori la licenza della sua tecnologia circa un centesimo o poco più per generare 20.000 parole di testo e circa 2 centesimi per creare un’immagine da un prompt scritto, spendendo pochi centesimi in potenza di calcolo ogni volta che qualcuno usa il suo chatbot, come ha recentemente spiegato Altman in un tweet che ha sollevato preoccupazioni sulla stabilità economica di OpenAI.

Tutto ha inizio con DALL-E

Le aziende hanno sviluppato l’AI generativa per anni, compresi i giganti della tecnologia come Google e Meta, nonché start-up ambiziose come OpenAI. Ma non sono riuscite a catturare l’attenzione del pubblico fino alla scorsa primavera, quando OpenAI ha presentato DALL-E, che consente alle persone di generare immagini fotorealistiche semplicemente descrivendo ciò che volevano vedere. Ciò ha ispirato gli imprenditori a tuffarsi con nuove idee e ha acceso l’interesse degli investitori. Il loro entusiasmo ha raggiunto nuove vette a dicembre, dopo che OpenAI ha rilasciato ChatGPT, con i fan che hanno sfruttato la tecnologia per generare di tutto, dalle lettere d’amore ai piani aziendali.

Ai generativa

L’irresistibile ascesa di OpenAI

L’azienda di San Francisco è uno dei laboratori di intelligenza artificiale più ambiziosi al mondo. Ricordiamo le sue soluzioni più recenti: ChatGPT, DALL-E 2, GPT-3. ”È il nuovo tipo di cambio di paradigma ’mobile’ che tutti stavamo aspettando”, ha dichiarato Niko Bonatsos, investitore presso la società di venture capital General Catalyst.

Gli investitori di Sequoia Capital scrivono che l’AI generativa avrebbe ”il potenziale per generare trilioni di dollari di valore economico”.

Google, Meta e altri giganti della tecnologia finora sono stati riluttanti a rilasciare tecnologie generative al grande pubblico, perché questi sistemi spesso producono contenuti tossici, tra cui disinformazione, incitamento all’odio e immagini prevenute contro le donne e le persone di colore. Ma le aziende più giovani e più piccole come OpenAI – meno preoccupate di proteggere un marchio aziendale consolidato – sono state più disposte a diffondere la tecnologia pubblicamente.

Le tecniche per l’AI generativa

Le tecniche necessarie per costruire l’AI generativa sono ampiamente conosciute e liberamente disponibili attraverso documenti di ricerca accademica e software open source. Google e OpenAI hanno un vantaggio perché hanno accesso a cospicui fondi e potenza di calcolo, che sono elementi costitutivi della tecnologia.

Molti dei migliori ricercatori di Google, OpenAI e altri importanti laboratori di intelligenza artificiale si sono messi in proprio negli ultimi mesi per fondare nuove start-up nel campo. Queste start-up hanno ricevuto alcuni dei più grandi round di finanziamento, con l’entusiasmo che circonda ChatGPT e DALL-E.

Più di 450 start-up lavorano attualmente all’AI generativa, secondo il conteggio di una società di venture capital.

Michael Dempsey, un investitore presso la società di venture capital Compound, ha affermato che la crisi tecnologica – che l’anno scorso ha incluso un crollo delle criptovalute, azioni con scarso rendimento e licenziamenti in molte società – ha creato una pausa tra gli investitori.

Poi ”tutti si sono entusiasmati per l’AI”, ha detto. Alcuni temono però che l’hype intorno all’AI generativa abbia superato la realtà. La tecnologia ha sollevato spinose questioni etiche, ad esempio su come l’AI generativa possa influenzare i diritti d’autore e se le aziende debbano ottenere il permesso di utilizzare i dati che addestrano i loro algoritmi. Altri credono che le grandi aziende tecnologiche come Google sconfiggeranno rapidamente le startup emergenti e che alcune delle nuove aziende abbiano uno scarso vantaggio competitivo.

”Ci sono molti team che non hanno alcuna competenza AI che si stanno presentando come aziende AI”, fa notare Dempsey. Queste preoccupazioni non hanno rallentato l’ondata di eccitazione, soprattutto dopo l’arrivo di Stability AI in ottobre.

Ai generativa

Le start-up dell’AI generativa

La start-up aveva contribuito a finanziare un progetto software open source che ha rapidamente costruito una tecnologia di generazione di immagini che funzionava in modo molto simile a DALL-E. La differenza era che mentre OpenAI aveva condiviso DALL-E solo con un piccolo numero di tester, la versione open source di Stability AI – Stable Diffusion – poteva essere utilizzata da chiunque. Le persone hanno rapidamente utilizzato lo strumento per creare immagini fotorealistiche di tutto.

Ai generativa

Eugenia Kuyda, fondatrice e amministratore delegato della start-up di chatbot Replika, ha dichiarato in un’intervista di essere stata contattata da ”ogni azienda V.C. nella Silicon Valley”. Ha risposto alle loro chiamate, ma ha deciso di non concedere ulteriori finanziamenti perché la sua azienda, fondata nel 2014, è redditizia.

Anche Character.AI, un’altra società di chatbot, e You.com, che sta aggiungendo la tecnologia di chat al suo motore di ricerca su Internet, sono state sommerse dall’interesse dei venture capitalist.

Sharif Shameem, un imprenditore che ha creato un database ricercabile per le immagini basato su Stable Diffusion chiamato Lexica, ha detto che il suo strumento ha rapidamente raggiunto un milione di utenti. Nel giro di poche settimane, ha raccolto 5 milioni di dollari in finanziamenti per il progetto.

Shameem paragona il momento dell’AI generativa all’avvento dell’iPhone e delle app mobili. ”Sembra una di quelle rare opportunità”, dice.

Jaffe di Insight Partners afferma che la sua azienda ha incoraggiato la maggior parte delle società in portafoglio a prendere in considerazione l’integrazione della tecnologia generativa di intelligenza artificiale nelle loro offerte. ”È difficile pensare a un’azienda che non possa usarlo in qualche modo”, sostiene.

INFOGRAFICA
Guida per CFO: monetizzazione dei dati di produzione, scopri i vantaggi anticrisi
Big Data
Manifatturiero/Produzione

Radical Ventures, una società di venture capital di Toronto, uno dei centri globali di ricerca sull’intelligenza artificiale, è stata creata cinque anni fa appositamente per investire in questo tipo di tecnologia. Recentemente ha lanciato un nuovo fondo da 550 milioni di dollari dedicato all’AI, con oltre la metà dei suoi investimenti in società di AI generative. ”Per quattro anni e mezzo la gente ha pensato che fossimo dei pazzi”, afferma Jordan Jacobs, partner di Radical. ”Negli ultimi sei mesi stanno pensando che siamo dei geni”.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn