AI GENERATIVA

Nasce l’AI Alliance, l’intelligenza artificiale si apre al mondo



Indirizzo copiato

A un anno dalla nascita di ChatGPT, IBM e Meta radunano circa cinquanta aziende, tra cui AMD, Intel, ServiceNow e Oracle, e stringono un’intesa con il mondo accademico per promuovere scelte alternative al binomio OpenAI-Microsoft

Pubblicato il 5 dic 2023



AI Alliance

Meta Platforms e IBM lanciano una coalizione di oltre 50 aziende di intelligenza artificiale e istituti di ricerca per spingere verso un modello di AI “aperto”, nell’intento di guadagnare terreno in un mercato in rapida crescita. L’AI Alliance, i cui membri includono Intel, Oracle, la Cornell University e la National Science Foundation, dichiara di voler unire tutte le risorse disponibili per sostenere “l’innovazione e la scienza aperta” nell’AI. I suoi membri sostengono in larga misura l’open source, un approccio in cui la tecnologia è condivisa gratuitamente e si basa su una consuetudine di collaborazione tra Big tech, accademici e un fervente movimento di programmatori indipendenti.

Fanno parte di AI Alliance, oltre a Meta e IBM: AMD, Anyscale, CERN, Cerebras, Cleveland Clinic, Cornell University, Dartmouth, Dell Technologies, EPFL, ETH, Hugging Face, Imperial College London, INSAIT, Linux Foundation, MLCommons, MOC Alliance operated by Boston University and Harvard University, NASA, NSF, Partnership on AI, Red Hat, Roadzen, ServiceNow, Sony Group, Stability AI, University of California Berkeley, University of Illinois, University of Notre Dame, The University of Tokyo, Yale University e altri: Agency for Science, Technology and Research (A*STAR), Aitomatic, CERN, Ecole Polytechnique Federale de Lausanne, Fast.ai, Fenrir, Inc., FPT Software, Hebrew University of Jerusalem, Hugging Face, Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP), Imperial College London, Indian Institute of Technology Bombay. Institute for Computer Science, Artificial Intelligence, Keio University, LangChain, LlamaIndex, Mass Open Cloud Alliance, operated by Boston University and Harvard, Mohamed bin Zayed University of Artificial Intelligence, MLCommons, New York University, NumFOCUS, OpenTeams, Partnership on AI, Quansight, Red Hat, Rensselaer Polytechnic Institute, Sakana AI, SB Intuitions, Silo AI, Simons Foundation, Together AI, TU Munich, The University of Texas at Austin,

Gli obiettivi dell’AI Alliance

L’alleanza si sta concentrando su sei aree, tra cui la regolamentazione e la sicurezza, come iniziative a breve termine, e prevede di avviare o potenziare progetti che soddisfino i seguenti obiettivi:

  • Sviluppare e implementare benchmark e standard di valutazione, strumenti e altre risorse che consentano lo sviluppo e l’uso responsabile dei sistemi di AI su scala globale, inclusa la creazione di un catalogo di strumenti di sicurezza, protezione e fiducia controllati. Supportare la promozione e l’abilitazione di questi strumenti con la community di sviluppatori per lo sviluppo di modelli e applicazioni.
  • Far progredire in modo responsabile l’ecosistema dei modelli di fondazioni aperte con diverse modalità, tra cui modelli multilingue, multimodali e scientifici altamente capaci che possono aiutare ad affrontare le sfide a livello di società in materia di clima, istruzione e oltre.
  • Promuovere un vivace ecosistema di acceleratori hardware AI aumentando i contributi e l’adozione di tecnologie software abilitanti essenziali.
  • Sostenere lo sviluppo di competenze globali in materia di AI e la ricerca esplorativa. Coinvolgere la comunità accademica per supportare ricercatori e studenti nell’apprendimento e nel contribuire a progetti di ricerca su modelli e strumenti di AI essenziali.
  • Sviluppare contenuti e risorse educative per informare il dibattito pubblico e i responsabili politici su benefici, rischi, soluzioni e regolamentazione di precisione per l’AI.
  • Lanciare iniziative che incoraggino lo sviluppo aperto dell’AI in modo sicuro e vantaggioso e ospitare eventi per esplorare i casi d’uso dell’AI e mostrare come i membri dell’Alleanza stanno utilizzando la tecnologia aperta nell’AI in modo responsabile e positivo.

AI Alliance, perché non c’è solo OpenAI

IBM ha dichiarato di star lavorando da agosto con Meta per riunire le varie organizzazioni, secondo quanto affermato da Darío Gil, vicepresidente senior di IBM e direttore di IBM Research. “Francamente, siamo rimasti un po’ insoddisfatti del dibattito generale e delle discussioni sull’AI dell’ultimo anno”, ha dichiarato Gil. “Non ci è sembrato che riflettesse la diversità dell’ecosistema che sta rendendo possibile questo momento dell’AI”.

L’AI generativa ha conquistato la scena tecnologica dal lancio di ChatGPT di OpenAI un anno fa. OpenAI e i suoi rivali, come Anthropic e Cohere, hanno guidato lo sviluppo di modelli avanzati di AI costruiti come sistemi chiusi, o proprietari, gestiti dai loro creatori e che richiedono alle aziende di pagare per il loro utilizzo.

Molti dei membri dell’alleanza sono aziende che dispongono di propri prodotti di AI, ma che stanno lottando per raggiungere l’attenzione che OpenAI e il suo partner di investimento Microsoft hanno suscitato. Per molte di esse, i ricavi derivanti dalla tecnologia aziendale stanno guidando gran parte della loro crescita.

Nick Clegg, presidente, Global Affairs di Meta dichiara: “Crediamo che sia meglio quando l’IA viene sviluppata apertamente – più persone possono accedere ai benefici, costruire prodotti innovativi e lavorare sulla sicurezza. L’AI Alliance riunisce ricercatori, sviluppatori e aziende per condividere strumenti e conoscenze che possono aiutare tutti noi a fare progressi, indipendentemente dal fatto che i modelli siano condivisi apertamente o meno. Non vediamo l’ora di lavorare con i partner per far progredire lo stato dell’arte dell’AI e aiutare tutti a costruire in modo responsabile”.

Secondo una previsione della società di ricerca IDC – International Data Corp.- le imprese di tutto il mondo spenderanno quasi 16 miliardi di dollari solo per le soluzioni di AI generativa quest’anno, con una spesa che raggiungerà i 143 miliardi di dollari entro il 2027. Secondo IDC, il tasso di crescita annuale composto dell’AI generativa sarà quasi 13 volte superiore a quello della spesa IT mondiale nello stesso periodo di quattro anni, dal 2023 al 2027.

AI Alliance

Il desiderio di rimonta di IBM e Meta

Mentre la storia di IBM nell’AI è stata segnata dal fallimento del suo sistema Watson, Gil ha dichiarato che il suo nuovo sistema Watsonx è una piattaforma completamente nuova. Come IBM, Meta ha sviluppato i propri modelli di AI, ma negli ultimi anni è rimasta indietro. Il gigante tecnologico ha cercato di affermarsi sul mercato dell’AI come sistema di AI open-source attraverso il suo modello Llama 2.

Dopo lo sconvolgimento di OpenAI a fine novembre, le aziende vogliono avere più fornitori di prodotti di AI per diminuire il rischio di lavorare con un unico fornitore e stanno esplorando altri sistemi di AI come alternative valide.

La tempistica del lancio dell’AI Alliance sottolinea questo messaggio, ha detto Gil di IBM. “Questo è un approccio molto più distribuito, ma molto più resistente, perché nessuna istituzione può far deragliare il successo del motore aperto“, ha detto.

Secondo Ritu Jyoti, group vice president of worldwide AI di IDC, la proposta potrebbe essere convincente per le aziende, che cercano più fornitori con cui lavorare. Ma “tutto dipenderà dalla loro capacità di esecuzione”. Ad esempio, l’Alleanza per l’AI avrà bisogno di una soluzione composta da hardware, software e altri strumenti integrati per l’AI che rendano semplice l’utilizzo di più sistemi di AI.

La posizione di AMD e ServiceNow

AMD – Advanced Micro Devices, il produttore di chip che punta a scalzare Nvidia dal dominio dei chip per l’AI, ha dichiarato che sosterrà un ecosistema di AI aperto con il suo hardware e che, insieme ad altri membri dell’alleanza, costruirà il software che consente alle aziende di utilizzare i suoi chip, come ha affermato Forrest Norrod, vicepresidente esecutivo e direttore generale del gruppo data center di AMD. Questa settimana l’azienda presenterà dei chip acceleratori di intelligenza artificiale che, secondo Norrod, rappresenteranno una “forte” alternativa ai chip di intelligenza artificiale.

ServiceNow, che ha ambizioni in materia di AI, ha dichiarato che il suo team di ricerca sull’AI, composto da 50 persone, parteciperà all’Alleanza per l’AI lavorando al progresso scientifico aperto dei sistemi di AI e dimostrando ai clienti di avere una scelta, ha affermato Jeremy Barnes, vicepresidente del prodotto AI di ServiceNow.

“Se pensate che il futuro dell’AI sarà determinato da due, tre o cinque istituzioni, vi sbagliate”, ha dichiarato Gil di IBM. “Spero che questo dia maggiore chiarezza e fiducia sul fatto che il mondo dell’innovazione aperta sia un mondo in cui scommettere”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4