INDAGINE

LinkedIn: per il 72% dei leader aziendali italiani, l’AI generativa porterà benefici ai dipendenti



Indirizzo copiato

A livello europeo, in Germania sono più ottimisti sui vantaggi (93%); in Italia, l’ottimismo si attesta al 72%. Più di un terzo (34%) degli executive italiani ritiene che l’AI generativa porterà alla creazione di nuovi ruoli all’interno della propria organizzazione

Pubblicato il 23 nov 2023



linkedin

Il 72% dei leader aziendali in Italia afferma che l’AI generativa sarà vantaggiosa per i dipendenti: è quanto emerge dalla nuova indagine di LinkedIn, la rete professionale più grande al mondo che ha recentemente raggiunto 1 miliardo di utenti.

Lo studio – condotto su oltre 1.000 leader d’azienda presenti su LinkedIn in sei paesi europei – rivela che gli executive italiani ritengono che l’eliminazione di attività noiose e ripetitive (49%), l’aumento della produttività (45%) e la maggiore disponibilità di tempo da dedicare al pensiero creativo (40%) rappresentino i maggiori benefici che l’AI generativa porterà ai dipendenti; oltre un terzo (34%) ritiene inoltre che l’ascesa dell’AI generativa creerà nuovi ruoli all’interno della propria organizzazione. Ma sono gli executive in Germania i più ottimisti (93%), seguiti da Regno Unito (81%) e Francia (80%).

Nuovi dati diffusi dal Work Trend Index di Microsoft confermano il guadagno in termini di produttività derivante dagli strumenti di AI generativa come Microsoft Copilot. Il 77% tra i primi utenti che hanno provato il nuovo Copilot per Microsoft 365 per svolgere il proprio lavoro ha dichiarato di non volervi rinunciare. Un altro studio ha dimostrato che, complessivamente, gli utenti di Copilot risultano in grado di eseguire attività come la ricerca, la scrittura e la sintesi di testi il 29% più velocemente.

L’AI sta ridisegnando il mondo del lavoro

I dati dell’ultimo report Future of Work: AI at Work di LinkedIn mostrano che l’AI sta già ridisegnando il mondo del lavoro, in quanto le aziende cercano di massimizzare il potenziale della tecnologia. Le posizioni di “Head of AI” sono triplicate a livello globale negli ultimi cinque anni e, in Italia, gli annunci di lavoro che menzionano l’AI sono quasi quintuplicati (4,7 volte) negli ultimi due anni.

I professionisti appaiono desiderosi di migliorare le proprie competenze in materia di AI. Negli ultimi tre mesi, LinkedIn ha registrato un aumento dell’80% dei propri utenti che hanno seguito corsi di apprendimento relativi all’AI su LinkedIn, nonché un aumento del 60%, mese dopo mese, delle competenze di AI generativa – come “Chat GPT”, “prompt crafting” e “Copilot for Microsoft 365” – aggiunte ai profili dei membri da gennaio 2023.

Nonostante la crescita e la diffusione dell’intelligenza artificiale, leader aziendali e professionisti concordano sul fatto che le competenze umane diventeranno ancora più preziose e fondamentali per il successo futuro. In Italia, 9 executive su 10 (93%) sostengono che le soft skills sono più importanti che mai e i dipendenti ritengono che competenze come la comunicazione (45%), la flessibilità (53%) e il problem-solving (58%) diventeranno ancora più importanti con l’evoluzione del mercato del lavoro.

Marcello Albergoni, Country manager di LinkedIn Italia, ha commentato: “Un futuro all’insegna dell’intelligenza artificiale è possibile, ma sarà fondamentale che i leader aziendali in tutto il mondo comprendano come preparare la forza lavoro. Sono certo che l’AI abbia un enorme potenziale, possa migliorare il nostro modo di lavorare, ridisegnando posti di lavoro, aziende e settori. Grazie al confronto continuo con i nostri clienti sulle opportunità offerte dall’AI, posso dire che c’è un vero e proprio entusiasmo per la possibilità di eliminare la pesantezza delle attività quotidiane e ripetitive. I team, in questo modo, potranno concentrarsi più sulle persone, con una maggiore soddisfazione da parte dei dipendenti e un valore maggiore per le stesse aziende.”

Come le aziende possono preparare la forza lavoro

Le aziende possono preparare la propria forza lavoro ai cambiamenti futuri attraverso:

  • La mobilitazione dei dipendenti sull’AI – Si prevede che le competenze richieste ai lavoratori cambieranno almeno del 65% entro il 2030, accelerate dai rapidi sviluppi dell’intelligenza artificiale. L’AI avrà un impatto su quasi tutti i lavori, quindi è il momento di iniziare a mobilitare la vostra forza lavoro e di formare i dipendenti con le competenze necessarie per il futuro. Per questo, LinkedIn Learning ha sbloccato i corsi di apprendimento dell’AI più popolari, disponibili gratuitamente fino al 15 dicembre 2023.
  • L’investimento nelle soft skills – Man mano che i dipendenti iniziano a sviluppare skills in materia di AI e a utilizzare la tecnologia nel loro lavoro quotidiano, potranno dedicarsi agli aspetti più umani del loro lavoro, come la risoluzione dei problemi e il pensiero strategico. Promuovendo una cultura dell’apprendimento, non solo per favorire l’alfabetizzazione all’AI, ma anche per sviluppare grandi competenze trasversali come la leadership e il problem-solving, le aziende possono contribuire a creare una forza lavoro resiliente e agile.
  • L’implementazione di strumenti di AI – è necessario pensare a compiti specifici per i quali l’AI generativa può essere utilizzata, piuttosto che cercare di trasformare l’intero processo, e utilizzare metriche e KPI chiari per valutarne le prestazioni. Ad esempio, le aziende che sfruttano l’AI per supportare i candidati nel processo di assunzione, possono misurare se è stato registrato un aumento del coinvolgimento dei candidati o se il tempo necessario per l’assunzione è stato ridotto.

Per aiutare i suoi clienti e membri ad orientarsi in un mondo del lavoro in continua evoluzione, LinkedIn ha introdotto un’innovazione come mai prima. Dopo aver recentemente annunciato il progetto pilota di nuovi strumenti basati sull’intelligenza artificiale per le aziende, LinkedIn sta anche lanciando una nuova esperienza Premium basata sull’AI, rivolta ad un gruppo selezionato di abbonati Premium, che li aiuterà a sbloccare opportunità nascoste, a informarsi meglio su argomenti di rilievo e a beneficiare di percorsi di carriera personalizzati.

Metodologia della ricerca

L’Executive Confidence Index (ECI) di LinkedIn è un sondaggio online condotto su base trimestrale dai membri di LinkedIn (a livello VP o superiore). L’ultima edizione si è svolta dal 6 al 18 settembre 2023 e ha coinvolto 1.069 membri di LinkedIn (VP+) in Europa (Regno Unito, Francia, Germania, Paesi Bassi, Italia e Spagna). I membri sono campionati in modo aleatorio e per partecipare alla ricerca devono avervi aderito. I dati vengono analizzati in forma aggregata, sempre nel rispetto della privacy dei membri. I dati sono ponderati in base all’anzianità e al settore per garantire un’equa rappresentazione dei dirigenti sulla piattaforma. I risultati rappresentano il mondo visto attraverso la lente dei membri di LinkedIn; le variazioni tra i membri di LinkedIn e la popolazione generale del mercato non sono prese in considerazione.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4