NEWS

Elon Musk rilascia il nuovo chatbot Grok



Indirizzo copiato

La start-up xAI presenta un modello di AI generativa che sfida OpenAI. Il chatbot ha “accesso in tempo reale” alle informazioni provenienti dalla piattaforma di social media X

Pubblicato il 6 nov 2023



Elon Musk
Grok

La start-up di Elon Musk che si occupa di intelligenza artificiale X AI ha rilasciato il suo primo modello di intelligenza artificiale: Grok. Il nuovo sistema di AI ha “accesso in tempo reale” alle informazioni di X – la piattaforma di social media che Musk ha acquistato per 44 miliardi di dollari un anno fa – cosa che gli attribuisce un “enorme vantaggio rispetto ad altri modelli”, basati in gran parte su vecchi archivi di dati internet.

Il chatbot “ama il sarcasmo” e risponde con “un po’ di umorismo”, ha dichiarato Musk, sperando che dare a Grok più personalità gli permetta di distinguersi in un mercato sempre più affollato. “Risponderà anche a domande piccanti che vengono rifiutate dalla maggior parte degli altri sistemi di AI”, ha dichiarato Musk, annunciando una versione di test “molto precoce” di Grok.

Grok è un neologismo della lingua inglese, nato ed usato prevalentemente negli anni Sessanta in relazione alla cultura hippie e ancora in uso nell’ambito informatico, che significa avere assimilato pienamente il concetto. In italiano viene adattato in groccare.

Grok, un’AI con un addestramento di appena 2 mesi

La capacità di xAI di rilasciare un modello capace con quelli che, a suo dire, sono stati appena 2 mesi di addestramento, dimostra come i nuovi arrivati stiano iniziando a intaccare l’enorme vantaggio stabilito da OpenAI, che ha rilasciato il suo rivoluzionario chatbot ChatGPT quasi un anno fa. Gli utenti di X possono richiedere di provare Grok, che sarà disponibile per gli abbonati al nuovo servizio “Premium+” dell’app, al costo di circa 16 dollari al mese, dopo aver completato un periodo di test non specificato.

Il lancio avviene nel momento in cui Musk sta cercando di aumentare il coinvolgimento e le vendite di X, che dall’acquisto di Twitter nel 2022 ha perso entrate dopo che molti inserzionisti hanno ritirato la spesa a causa delle sue preoccupazioni sulla moderazione dei contenuti. A settembre, la rivale Meta ha annunciato il lancio di quasi 30 chatbot AI sulle sue applicazioni Instagram, Facebook e WhatsApp, tra cui un assistente AI progettato per rispondere alle domande degli utenti e altri basati su personaggi e sembianze di celebrità come gioco di intrattenimento. Musk, che la scorsa settimana ha dichiarato che alla fine “l’AI sarà in grado di fare tutto” e di rendere obsoleto il lavoro umano, ha costituito xAI all’inizio di quest’anno.

Il suo team di ingegneri, che in passato ha lavorato presso Google DeepMind e Microsoft, è in corsa per raggiungere rivali più affermati come OpenAI, che Musk ha co-fondato nel 2015 ma che ha lasciato tre anni dopo. La start-up che fa capo guidata da Musk ha arruolato da ex dipendenti di DeepMind, OpenAI, Google Research, Microsoft Research, Tesla e dell’Università di Toronto. A condurre la sperimentazione su Grok è Dan Hendrycks, direttore del Center for AI Safety, un’organizzazione no-profit di ricerca sull’intelligenza artificiale che collabora con X.

Un chatbot politicamente scorretto

Gli esperti hanno avvertito che il chatbot può potenzialmente mostrare pregiudizi o diffondere materiale dannoso o informazioni false, note come “allucinazioni”. Altri operatori del settore hanno lottato contro questi problemi “anche dopo che vari team di fiducia e sicurezza di queste aziende hanno lavorato per renderli più sicuri”, ha dichiarato Reid Blackman, consulente di etica dell’AI presso Virtue Consultants.

“Elon Musk, invece, ha decimato il team di fiducia e sicurezza di [X] e intende rendere questo chatbot meno politicamente corretto, ovvero più maleducato e inappropriato”, ha aggiunto Blackman, secondo cui “il chatbot di Musk presenta rischi maggiori di quelli che abbiamo visto finora”. X non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Nonostante sia stato creato in pochi mesi, Musk sostiene che le capacità di Grok rivaleggiano con gli ultimi modelli di Meta, che ha rilasciato il suo modello LLaMA 2 a luglio, e di Inflection, la start-up di IA guidata dall’ex cofondatore di DeepMind Mustafa Suleyman, secondo i test di benchmark. xAI ha affermato che la capacità di Grok di rispondere a domande matematiche o di dimostrare un ragionamento è simile a GPT-3.5 di OpenAI, il modello che ha alimentato la versione iniziale di ChatGPT quando è stato lanciato lo scorso novembre. La start-up ha aggiunto che Grok ha superato l’esame di matematica finale di una scuola superiore ungherese con un voto C, corrispondendo al modello Claude di Anthropic.

Grok è indietro rispetto a GPT-4

Tuttavia, xAI ha anche ammesso di essere indietro rispetto a OpenAI, che a marzo ha rilasciato il suo ultimo modello GPT-4. Questo ha mostrato “prestazioni di livello umano”. Quest’ultimo ha dimostrato “prestazioni di livello umano” su benchmark professionali come l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense negli Stati Uniti ed è già stato incorporato in applicazioni da aziende partner. “[Grok] è superato solo da modelli che sono stati addestrati con una quantità significativamente maggiore di dati di addestramento e risorse di calcolo, come GPT-4”, ha dichiarato xAI. “Questo dimostra i rapidi progressi che stiamo facendo in xAI nell’addestramento di [modelli linguistici di grandi dimensioni] con un’efficienza eccezionale”.

Nathan Benaich, investitore in AI presso Air Street Capital e coautore di un Rapporto sullo Stato dell’AI, ha affermato che i benchmark suggeriscono che le prestazioni di Grok sono “impressionanti, date le sue dimensioni relativamente ridotte e il fatto che l’azienda sia riuscita a risollevarsi in pochi mesi”. “Ma considerando che l’azienda è di proprietà dell’uomo più ricco del mondo e che ha avuto accesso a decine di migliaia di GPU e ai migliori talenti, ci si aspetta qualcosa di buono”, ha aggiunto, riferendosi ai chip delle unità di elaborazione grafica (GPU) necessari per l’addestramento delle LLM.

Articoli correlati

Articolo 1 di 3