News

YouTube e Universal Music Group, una partnership per la musica AI

Music AI Incubator è un programma pensato per esplorare il potenziale dell’intelligenza artificiale, destinato a raccogliere la creatività e l’esperienza di alcuni degli artisti, autori e produttori più innovativi del settore. Intanto, Apple Music e Amazon Music ricevono critiche per aver ospitato sulle loro piattaforme musica generata dall’AI senza dare adeguata attribuzione o compensazione agli artisti originali

Pubblicato il 23 Ago 2023

musica elettronica

YouTube sta lanciando Music AI Incubator, un programma progettato per esplorare il potenziale dell’intelligenza artificiale nella musica. L’iniziativa è destinata a raccogliere la creatività e l’esperienza di alcuni degli artisti, autori e produttori più innovativi del settore. Come partner inaugurale è stato scelto Universal Music Group (UMG). La partnership consentirà a entrambi di studiare i potenziali vantaggi e svantaggi dell’applicazione dell’intelligenza artificiale nel settore musicale e segna un cambiamento significativo nel modo in cui la musica potrebbe essere creata e condivisa in futuro.

Una collezione di artisti e produttori

Music AI Incubator vuole essere un centro in cui musicisti, cantautori e produttori possano sperimentare la tecnologia AI. Tra i primi a essere coinvolti in questa iniziativa ci sono Anitta, Björn Ulvaeus degli ABBA e il compositore Max Richter. L’elenco comprende anche Juanes, Rosanne Cash, Ryan Tedder, Yo Gotti e l’eredità di Frank Sinatra.

Neal Mohan, CEO di YouTube, ha dichiarato che l’azienda è “incredibilmente entusiasta dell’opportunità offerta dall’AI di potenziare la creatività in tutto il mondo”, ma riconosce anche che “YouTube e la promessa dell’AI avranno successo solo se i nostri partner avranno successo”.

Rimodellare l’industria musicale nell’era dell’AI

L’annuncio arriva nel contesto di una crescente controversia sull’uso di musica generata dall’intelligenza artificiale sulle piattaforme di streaming. Nel maggio 2023, Spotify ha rimosso decine di migliaia di brani creati da una startup di intelligenza artificiale chiamata DistroKid dopo aver ricevuto le lamentele di UMG. L’etichetta ha accusato DistroKid di aver violato i suoi diritti d’autore utilizzando la musica dei suoi artisti per addestrare i suoi algoritmi di intelligenza artificiale e produrre canzoni che suonassero in modo simile a loro. DistroKid ha negato le accuse e ha affermato che la sua musica AI era originale e non violava i diritti di nessuno.

Anche altre piattaforme di streaming, come Apple Music e Amazon Music, sono state criticate per aver ospitato musica generata dall’intelligenza artificiale senza un’adeguata attribuzione o compensazione agli artisti originali. Alcuni esperti sostengono che la musica generata dall’intelligenza artificiale è una forma di plagio e di frode, mentre altri la difendono come una forma legittima e innovativa di espressione artistica. Le implicazioni legali ed etiche dell’AI music sono ancora poco chiare e irrisolte, poiché non esistono regolamenti o linee guida specifiche che disciplinino questo campo emergente.

Creazione di musica AI responsabile e collaborativa

L’iniziativa di YouTube con UMG potrebbe essere vista come un tentativo di affrontare alcune di queste preoccupazioni e di stabilire un quadro per la creazione responsabile e collaborativa di musica AI. Tuttavia, potrebbe anche incontrare l’opposizione di altre grandi case discografiche, come Sony Music Group e Warner Music Group, che potrebbero avere opinioni e interessi diversi sulla questione.

Queste due etichette, insieme a UMG sono conosciute come le Big Three e controllano circa il 69% del mercato musicale mondiale. Da sempre sono in competizione e in contrasto tra loro per varie questioni, come gli accordi di licenza, le royalties dello streaming e i contratti con gli artisti.

Anche le tre grandi hanno le loro iniziative e collaborazioni nel campo dell’intelligenza artificiale. Sony Music Group ha investito in diverse startup che si occupano di AI, come Amper MusicPopgun e Flow Machines. Warner Music Group ha acquisito un’azienda di musica AI chiamata Endel, che crea paesaggi sonori personalizzati per gli utenti in base al loro umore e all’ambiente. Entrambe le etichette hanno anche sperimentato l’uso dell’intelligenza artificiale per migliorare le loro strategie di marketing e distribuzione.

L’ascesa dell’AI musicale pone molte sfide e opportunità per l’industria musicale, oltre che per gli artisti e i fan. Nel momento in cui YouTube e UMG intraprendono la loro joint venture per esplorare il potenziale dell’AI per la musica, dovranno navigare in un panorama complesso e in evoluzione fatto di questioni legali, etiche e artistiche. Dovranno inoltre confrontarsi con le reazioni e le risposte di altri operatori del settore, che potrebbero avere programmi e visioni diverse per il futuro della musica.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3