News

L’AI contro le frodi informatiche: Visa ha già investito 500 mln di dollari

L'operatore fintech ha investito molto negli ultimi cinque anni in capacità di rilevamento e prevenzione delle frodi basate sull'intelligenza artificiale, ottenendo una significativa riduzione dei danni. [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

  1. Home
  2. News
  3. L’AI contro le frodi informatiche: Visa ha già investito 500 mln di dollari

L’intelligenza artificiale è l’arma migliore quando si devono trovare modelli nascosti all’interno di set di dati di grandi dimensioni. Quindi, non c’è da meravigliarsi che una delle principali applicazioni dell’AI al momento sia rilevare le frodi che consistono nel nascondere i modelli all’interno di set di dati di grandi dimensioni. Combattere le frodi con qualsiasi mezzo necessario contribuisce agli obiettivi aziendali più di qualsiasi altra funzione, tranne le vendite e il marketing. Allo stesso tempo, aumenta la fiducia e la fedeltà al marchio e colpisce l’illegalità che ha caratterizzato la natura delle transazioni digitali per tanto tempo.

In una recente intervista con Datanami, Dustin White, Chief Risk Data Officer di Visa, ha affermato che le perdite dovute alle frodi sono scese a circa 7 centesimi per 100 dollari, nonostante oltre 2 milioni di tentativi di frode al giorno. Negli ultimi cinque anni, l’azienda ha investito 500 milioni di dollari in capacità di rilevamento e prevenzione basate sull’intelligenza artificiale, in particolare la sua piattaforma di punteggio Visa Advanced Authorization (VAA) che impiega l’apprendimento automatico (ML) e altri strumenti per valutare le transazioni in appena 300 millisecondi. Più recentemente, la società ha lanciato un motore di analisi comportamentale per contrastare il furto di account e gli attacchi bot.

Utilizzando più modelli di intelligenza artificiale, dalla definizione dei test e dalla pulizia dei dati all’estrazione e all’analisi dei dati, le organizzazioni possono aumentare l’accuratezza delle loro capacità di rilevamento e farlo a velocità più elevate e a livelli più precisi e granulari di attività dei dati.

La prevenzione delle frodi spinge l’adozione dell’AI nel fintech

Secondo lo sviluppatore di software di gestione del rischio, Provenir, la prevenzione delle frodi è in cima alla lista dei motivi per cui i principali fornitori di fintech in Europa hanno implementato l’intelligenza artificiale. Oltre il 90% dei dirigenti intervistati ha recentemente citato la prevenzione delle frodi come un fattore chiave nell’adozione del rilevamento dei rischi abilitato all’intelligenza artificiale nell’ultimo anno. Il vantaggio principale che l’AI porta al rilevamento delle frodi è la sua capacità di imparare mentre opera. Le frodi sono in costante evoluzione, quindi l’accesso ai dati in tempo reale e la loro applicazione alle più recenti misure difensive in modo completamente automatizzato è un importante passo avanti rispetto alle precedenti generazioni di software di sicurezza finanziaria.

Questo è probabilmente il motivo principale per cui i fornitori di servizi finanziari come Visa stanno assistendo a casi record di frode, nonostante il drammatico aumento dell’attività online durante la pandemia.

WHITEPAPER
Intelligenza Artificiale: 11 rivoluzioni per la Sanità
Intelligenza Artificiale
Sanità

 

frodi

La piattaforma Inscribe

Una nuova piattaforma chiamata Inscribe è specializzata in frodi a livello di documento con i suoi strumenti progettati per individuare le alterazioni dei moduli JPEG o PDF, nonché le incoerenze di formato che altrimenti potrebbero passare inosservate. Inoltre, identifica le tracce digitali che possono essere utilizzate per verificare utenti legittimi o rintracciare i trasgressori. La maggior parte dei documenti contiene anche numerosi punti di dati non identificativi, come reddito, entrate e attività, che possono essere utilizzati per separare i fatti dalla finzione. Automatizzando tutte queste analisi in un framework intelligente, Inscribe consente alle organizzazioni di incorporare più facilmente il rilevamento delle frodi nel processo di richiesta e approvazione, non solo per aumentare il tasso di rilevamento delle frodi, ma per accelerare l’adempimento dei prestiti e aumentare la redditività.

Probabilmente non si otterrà mai una protezione completa contro le frodi, ma il ricorso all’AI potrà almeno portare il costo della protezione e il tasso di fallimento a livelli accettabili.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn