report

World Quality Report: il 77% delle aziende sta investendo in soluzioni per potenziare l’AI



Indirizzo copiato

Secondo la 15esima edizione, pubblicata da Capgemini, Sogeti e OpenText, la trasformazione del testing tradizionale verso una gestione della qualità Agile sta accelerando, per supportare il value delivery ai clienti e agli utenti finali

Pubblicato il 16 nov 2023



kepleriA

Il 67% delle aziende ha integrato la quality engineering (QE) alla base delle operation aziendali per garantire che i progressi tecnologici rispettino gli standard di qualità. Lo afferma la 15esima edizione del World Quality Report, pubblicato da Capgemini, Sogeti[1] e OpenText. Il report evidenzia la crescente importanza della quality engineering (Quality Engineering, QE)[2] per migliorare sia la sostenibilità delle operation aziendali, sia la value delivery per clienti e utenti finali.

L’uso dell’AI è in aumento nell’ingegneria della qualità

I trend nell’uso dell’intelligenza artificiale per ottenere risultati di qualità sono in rapida evoluzione. Per la prima volta, infatti, le aziende citano l’aumento della produttività come il principale risultato dell’AI (65%). La generative AI aumenterà possibilmente produttività e velocità, portando a implementazioni più frequenti con una customer experience di qualità superiore.

“Il World Quality Report offre insight sulle tendenze e sui principali sviluppi dell’Ingegneria della Qualità”, commenta Mark Buenen, Global Leader, Quality Engineering and Testing del Gruppo Capgemini. “La ricerca fa luce sul ruolo, in continua evoluzione, della qualità nell’ambito dell’IT sostenibile e sulle opportunità di applicazione delle soluzioni di AI (e in particolare sull’enorme potenziale delle applicazioni di AI generativa). È interessante notare il ruolo che l’AI può svolgere, soprattutto nella generazione di casi di test e nell’automazione delle procedure di qualità, ma anche l’importanza delle pratiche di qualità per migliorare la value delivery per clienti e utenti finali. Tuttavia, per garantire l’affidabilità dell’AI nell’ambito della Quality Engineering a lungo termine, le aziende dovrebbero adottare un approccio graduale e incrementale”.

L’utilizzo dell’AI per migliorare l’affidabilità dei test e ridurre il numero di difetti non è più l’obiettivo principale

Gli intervistati hanno riferito che l’utilizzo dell’AI per migliorare l’affidabilità dei test (33%) e ridurre il numero di difetti (29%) non è più l’obiettivo principale: ciò indica un cambiamento nella filosofia del testing, con una maggiore tolleranza dei difetti, purché vengano risolti in modo rapido ed efficiente. Il continuous testing, tipico delle practice Agile e DevOps, ha accelerato questa tendenza.

Tuttavia, le preoccupazioni legate a sicurezza, privacy e risultati non obiettivi devono ancora essere affrontate: per questo, il 31% degli intervistati rimane scettico sul valore dell’AI nella Quality Assurance, sottolineando l’importanza di un approccio incrementale.

“L’ingegneria della qualità sta cambiando e l’AI è una delle forze trainanti di questa trasformazione. L’intelligenza artificiale offre infinite possibilità e apre le porte a un DevOps più intelligente, che comprende inoltre la Quality Assurance”, ha dichiarato Muhi Majzoub, Chief Product Officer di OpenText. “Come dimostrano i risultati del World Quality Report, il 77% delle aziende ne è consapevole e sta investendo per rendere l’AI una parte fondamentale della propria infrastruttura di Quality Engineering. L’impatto dell’AI si estenderà oltre investitori e clienti, offrendo anche importanti vantaggi economici, sociali e ambientali”.

“Nel Sud Europa assistiamo a un aumento dell’adozione della Generative AI per ridurre lo sforzo manuale. Osservando l’evoluzione dell’intelligenza artificiale, noi di OpenText siamo convinti che ogni ruolo richieda tipologie diverse di AI”, spiega Riccardo Sanna, DevOps PreSales Leader di OpenText Europe.

Metodologia del World Quality Report 2023

Il World Quality Report, al quale quest’anno hanno partecipato 1,750 dirigenti provenienti da 32 Paesi e 10 settori industriali, è l’unico report globale che analizza i trend relativi alla qualità e al testing delle applicazioni. Pubblicato con cadenza annuale dal 2009 e giunto alla quindicesima edizione, il report 2023 ha tracciato ed esaminato le tendenze e gli sviluppi più importanti nell’ambito dell’Ingegneria della Qualità e del Testing. I risultati sono integrati da commenti, esempi e best practice di Senior Executive di diverse aziende Fortune 500, che hanno partecipato a interviste per approfondire le tematiche.

Per maggiori informazioni e per accedere al report, cliccare qui.

  1. Parte del Gruppo Capgemini, Sogeti crea valore di business attraverso la tecnologia per le aziende che hanno bisogno di implementare l’innovazione in modo rapido e che cercano un partner locale su una scala globale. Grazie a una cultura orientata alla concretezza e alla vicinanza ai clienti, Sogeti implementa soluzioni che aiutano le aziende a lavorare più velocemente, meglio e in modo più intelligente. Combinando l’agilità e la velocità di implementazione con un approccio DevOps, Sogeti offre soluzioni innovative in ambito Quality Engineering, cloud e sviluppo di applicazioni, tutto guidato da AI, dati e automazione.
  2. L’Ingegneria della Qualità (QE) coinvolge l’intero ciclo di vita del prodotto, non solo il processo di sviluppo software.

Articoli correlati

Articolo 1 di 2