Pensiero computazionale, cos’è, cosa permette di fare

Comprende un insieme di abilità e processi che permettono di affrontare problemi complessi, ad esempio sviluppare codice. Con il risultato di un algoritmo, il pensiero computazionale assicura che il processo possa essere replicato. [...]
sentiment
  1. Home
  2. Intelligenza Artificiale
  3. Cognitive Computing
  4. Pensiero computazionale, cos’è, cosa permette di fare

La storia del pensiero computazionale risale almeno agli anni ’50. Coinvolge idee come l’astrazione, la rappresentazione dei dati e l’organizzazione logica dei dati, che sono anche prevalenti in altri tipi di pensiero, come il pensiero scientifico, il pensiero ingegneristico, il pensiero dei sistemi, il pensiero progettuale, il pensiero basato su modelli e simili.

Ci permette di affrontare un problema complesso, capire qual è il problema e sviluppare possibili soluzioni. Possiamo poi presentare queste soluzioni in modo che un computer, un uomo o entrambi possano capire.

Cos’è il pensiero computazionale

Il pensiero computazionale comprende un insieme di abilità e processi che permettono di affrontare problemi complessi. Anche se viene spesso usato per sviluppare codice, può essere applicato molto più ampiamente.

Con il risultato di un algoritmo, il pensiero computazionale assicura che il processo possa essere replicato. In altre parole, riguarda il processo stesso di risoluzione dei problemi tanto quanto la soluzione del problema.

Inoltre, il pensiero computazionale costruisce abilità metacognitive che insegnano come pensare, il che è particolarmente importante quando l’educazione si sposta dall’acquisizione di contenuti alle abilità di pensiero di ordine superiore.

Esistono quattro tecniche chiave per il pensiero computazionale:

  1. decomposizione o scomposizione – scomporre un problema o un sistema complesso in parti più piccole e gestibili;
  2. riconoscimento di modelli – cercare somiglianze tra e all’interno dei problemi;
  3. astrazione – concentrarsi solo sulle informazioni importanti, ignorando i dettagli irrilevanti;
  4. algoritmi – sviluppare una soluzione passo dopo passo al problema, o le regole da seguire per risolvere il problema.

Ogni tecnica è importante quanto le altre. Applicare correttamente tutte e quattro le tecniche aiuta a programmare al meglio.

È essenziale ricordare che il pensiero algoritmico non si traduce necessariamente in codice. Invece, il pensiero algoritmico è una riflessione sul processo e le sue molteplici iterazioni, sfide e soluzioni. Può aiutare a facilitare sforzi come la ricerca, la pianificazione del progetto o l’analisi letteraria.

Cosa vuole dire “pensare computazionalmente”

La programmazione indica al computer cosa fare e come farlo mentre il pensiero computazionale permette di intendere esattamente cosa dire al computer di fare.

Pensare “computazionalmente” non equivale però a programmare.

Per esempio, se si decide di dover percorrere una strada dove non si è mai stati prima, probabilmente verrà pianificato il percorso prima di uscire di casa.

Si potrebbero considerare i percorsi disponibili e quale percorso è il ‘migliore’, questo potrebbe essere il percorso più breve o il più veloce. Poi bisognerà seguire le indicazioni passo dopo passo per arrivarci.

La parte di pianificazione è come il pensiero computazionale, e seguire le indicazioni è come la programmazione.

Pensiero computazionale e coding

Mentre il pensiero computazionale è il processo di risoluzione dei problemi che può portare al codice, il coding è il processo di programmazione di diversi strumenti digitali con algoritmi.

WEBINAR
FORUM PA 2021- Sanità: con i Big Data nuovo modello di salute connessa e predittiva
Big Data
Intelligenza Artificiale

È un mezzo per applicare soluzioni sviluppate attraverso i processi del pensiero computazionale. Gli algoritmi, in questo caso, sono una serie di passi basati sulla logica che comunicano con gli strumenti tecnologici e li aiutano ad eseguire diverse azioni.

Quando si codificano i programmi, ci sono algoritmi esistenti, come gli algoritmi di programmazione, di ricerca del percorso o di compressione, che i codificatori devono conoscere, ma c’è anche la necessità di creare nuovi algoritmi.

Iniziare a sviluppare l’abilità di codifica, tuttavia, non richiede una pratica formale con nessuno di questi o anche l’accesso alla tecnologia. Richiede di sviluppare un linguaggio codificato.

In qualsiasi modo venga affrontato, il coding incoraggia a comunicare chiaramente e logicamente attraverso un algoritmo. Per arrivare ad un algoritmo bisogna applicare il pensiero computazionale per risolvere i problemi e praticare la metacognizione.

Programmazione per avvocati

Mentre il dibattito di legge di lunga data sul fatto che gli avvocati dovrebbero imparare a codificare e se codificare debba essere insegnato nelle scuole continua, sta diventando sempre più chiaro che avere almeno qualche conoscenza di codifica è utile per gli avvocati e per gli studenti. Mentre non c’è bisogno di diventare un programmatore completo per essere un avvocato efficace, avere alcune competenze di codifica potrebbe dare un vantaggio competitivo.

Per di più, molti avvocati sono più adatti di quanto si rendano conto.

Imparare i fondamenti del codice è un’ottima idea per gli avvocati e per gli studenti.

In un’industria legale sempre più guidata dai dati e dalla tecnologia, abbracciare l’innovazione e la programmazione è la chiave per costruire una pratica più efficiente.

La tecnologia digitale ha cambiato e sta cambiando il diritto nello stesso modo in cui lo hanno fatto altre tecnologie, rendendo le cose più facili e trasformando la scalabilità del lavoro sotto certi aspetti.

Sviluppando una comprensione di base della programmazione, è più probabile che si sia in grado di utilizzare la tecnologia legale in modo più completo.

Alfabetizzati alla codifica

Tuttavia, imparare a codificare come avvocato non significa abbandonare la pratica per dedicarsi a tempo pieno alla costruzione di prodotti di programmazione personalizzati. Non dovrebbe essere un focus tutto-o-nulla. La maggior parte degli avvocati dovrebbe avvicinarsi alla programmazione con l’obiettivo di diventare “alfabetizzati alla codifica” – diventando fluenti nel linguaggio della codifica, nella misura che meglio li serve.

Imparare a programmare può aiutare gli avvocati e gli studenti a capire meglio il campo del possibile quando si tratta di strumenti che possono aiutare la loro pratica. Sapendo cosa si può fare con gli strumenti che si hanno e sapendo che tipo di strumenti sono disponibili.

Il potere di imparare il coding è davvero nella comprensione. A tal fine l’idea è che facendo costruire agli studenti alcuni strumenti, essi acquisiscano una comprensione del mondo informatico, in modo da poter lavorare con esso.

Il concetto di “codifica” è vasto. Gli avvocati non devono diventare esperti di programmazione di computer. Tuttavia, può aiutare a salire di livello nel continuum delle competenze tecnologiche in un modo che aiuta il legal così come l’education.

pensiero computazionale

Pensiero computazionale: perché gli avvocati potrebbero essere anche programmatori

Questi ruoli potrebbero sembrare, a prima vista, abbastanza diversi. Ma il concetto di essere un avvocato è in realtà molto simile a quello di essere un programmatore.

  • Gli avvocati sono risolutori di problemi, così come i programmatori: essere un avvocato ruota intorno all’elaborazione delle informazioni, all’uso dei dati per fare previsioni e prendere decisioni informate, e al problem solving, sia che si tratti di interpretare le leggi, scrivere i documenti, o condurre ricerche legali per assistere i vostri clienti. Se si guarda al coding da un’angolazione ampia, si tratta anche di elaborare informazioni, cercare problemi e risolvere problemi. Ogni volta che si usa qualche tipo di logica condizionale o di ragionamento, si tratta di codifica. Quando dici a un computer di fare qualcosa, questa è programmazione.
  • Gli avvocati usano il linguaggio e la logica, così come i programmatori. La legge è incentrata sul linguaggio, proprio come i programmi per computer. Allo stesso modo, alla scuola di legge gli avvocati imparano a pensare come un avvocato e a usare il pensiero logico e questo modo di pensare è simile alla codifica.
  • Gli avvocati usano materie come matematica, scienza e capacità di pensiero logico nella loro pratica, le stesse abilità dei programmatori.

Cosa imparare quando si impara a codificare come avvocato o come studente

La cosa migliore è individuare le competenze di programmazione del computer che si concentrano su un contesto legale o di education. Le competenze informatiche che potrebbero essere particolarmente preziose includono:

  • linguaggi di codifica per aiutare a estrarre i dati, come Python o SQL;
  • algoritmi per la risoluzione dei problemi;
  • privacy e sicurezza informatica;
  • cloud computing per capire meglio il cloud e come può aiutare la pratica;
  • scalabilità per consentire alle soluzioni di gestire diversi carichi di lavoro;
  • progettazione di database per l’organizzazione delle informazioni.

Esempi di programmazione informatica per avvocati nella pratica

Oltre a capire meglio la programmazione, la programmazione del computer può praticamente aiutare il lavoro o lo studio a essere più efficiente, efficace e innovativo.

  • Automatizzare i compiti manuali

Automatizzando le attività manuali – utilizzando un software di tecnologia legale, la programmazione del computer o una combinazione di entrambi – è possibile semplificare i flussi di lavoro, risparmiare tempo e rendere il lavoro più efficiente.

  • Comprensione dei dati

Ottenere una migliore comprensione dei dati con cui si sta lavorando è essenziale per il successo del proprio studio, sia che ciò significhi utilizzare insights dashboard per esaminare i dati del proprio studio, o guardare ai dati legali in un modo diverso in un caso.

Utilizzare quindi i dati per rendere le informazioni di studio più efficienti.

Strumenti per aiutare gli avvocati a imparare il codice

Esistono strumenti che possono aiutare a rendere il processo lavorativo più facile e più efficace:

  • piattaforme per l’automazione dei documenti
  • piattaforme per la gestione dei dati
  • piattaforme per la gestione di portali dei clienti che permettono di costruire rapidamente prese in carico personalizzate dei clienti e automazioni dei documenti. Una scelta intelligente per i principianti che vogliono iniziare a personalizzare i flussi di lavoro nella loro azienda può essere quella di utilizzare piattaforme ove non è necessario conoscere il coding
  • corsi di informatica, che possono aiutare a incanalare la vasta gamma di competenze di programmazione in quelle che sono più direttamente rilevanti per praticare la legge o lo studio.

Conclusioni

Anche se non bisogna diventare un programmatore informatico avvocato a tutti gli effetti, la codifica e l’informatica sono aree che vale la pena esplorare in modo da poter abbracciare meglio l’innovazione e posizionarsi all’interno dell’industria legale in rapida evoluzione.

Non è necessario essere un esperto per raccogliere i benefici. Imparare le basi della programmazione del computer approfittando degli strumenti e della tecnologia può essere sufficiente per fare un passo avanti nel campo lavorativo e nell’education.

“Quello che non riesco a creare, non lo saprò mai capire”, Richard Feynman.

WHITEPAPER
Computer quantistico: i player principali e la supremazia quantistica
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

 

FacebookTwitterLinkedIn