World economic forum

AI generativa: per i Ceo mondiali taglierà posti di lavoro nel 2024



Indirizzo copiato

I risultati di un sondaggio condotto da PwC in vista del World Economic Forum di Davos, dove l’impatto degli strumenti di AI sul lavoro e sulla società sarà al centro delle discussioni. Tra i partecipanti attesi ci sono anche Sam Altman di OpenAI e Satya Nadella di Microsoft

Pubblicato il 16 gen 2024



WEF

Un quarto dei direttori generali a livello mondiale prevede che la diffusione dell’intelligenza artificiale generativa porterà a una riduzione degli organici di almeno il 5% quest’anno. Lo prevede un sondaggio condotto da PwC presentato durante il meeting dei leader mondiali e aziendali a Davos, in Svizzera, in vista del World Economic Forum. Tra i dirigenti in prima linea nel campo dell’AI sono attesi a Davos Sam Altman, nuovamente a capo di OpenAI, e Satya Nadella di Microsoft, le due aziende maggiormente impegnate nello sviluppo di prodotti di AI generativa.

Il sondaggio evidenzia che i settori guidati da media e intrattenimento, banche, assicurazioni e logistica sono i più propensi a prevedere perdite di posti di lavoro a causa di strumenti di intelligenza artificiale generativa. Le aziende del settore ingegneristico ed edile sono le meno propense a prevedere tagli a causa dell’automazione, insieme alle aziende del settore tecnologico.

Domanda: in che misura l’AI generativa aumenterà o diminuirà il seguito nella tua azienda nei prossimi 12 mesi?

I risultati del sondaggio di PwC: per il 46% l’AI generativa aumenterà la redditività

Il 46% degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi che l’uso dell’AI generativa – sistemi in grado di produrre testi, immagini e codici simili a quelli umani in pochi secondi – aumenterà la redditività nei prossimi 12 mesi. Tuttavia, il 47% ha affermato che la tecnologia produrrà pochi o nessun cambiamento. I risultati, basati su interviste a 4.702 dirigenti d’azienda distribuiti in 105 Paesi, evidenziano l’impatto di vasta portata che i modelli di AI dovrebbero avere sulle economie e sulle società, un tema che avrà un ruolo di primo piano durante i meeting annuali.

Sebbene molti economisti si aspettino che l’AI porti a un aumento della produttività man mano che diventa più pervasiva, essa porterà anche a uno sconvolgimento della forza lavoro. L’indagine di PwC ha mostrato che una quota crescente di dirigenti prevede un rafforzamento della crescita economica nel 2024, ma allo stesso tempo si sente in dovere di rispondere a sviluppi rivoluzionari come l’AI generativa e il cambiamento climatico.

“I dirigenti aziendali si preoccupano sempre meno delle sfide macroeconomiche, ma si concentrano maggiormente sulle forze dirompenti all’interno dei loro settori”, ha dichiarato Bob Moritz, presidente globale di PwC. “Che si tratti di accelerare il lancio dell’IA generativa o di costruire le loro aziende per affrontare le sfide e le opportunità della transizione climatica, questo è un anno di trasformazione”.

Domanda: in che misura l’AI generativa avrà un impatto sull’organico della tua azienda nei prossimi 12 mesi?

Cresce l’implementazione dell’AI generativa nelle aziende

Secondo l’indagine, un numero crescente di dirigenti sta pianificando l’implementazione dell’AI generativa nei prossimi mesi, dopo che il 32% ha dichiarato di averla adottata nella propria azienda nell’ultimo anno. Il 58% ha dichiarato di aspettarsi un miglioramento della qualità dei prodotti o dei servizi nei prossimi 12 mesi, mentre il 69% ha affermato che i dipendenti dovranno apprendere nuove competenze. L’anno scorso Goldman Sachs ha previsto che le ultime innovazioni nel campo dell’AI potrebbero portare all’automazione di un quarto del lavoro svolto negli Stati Uniti e nell’area dell’euro, innescando un boom della produttività che finirà per aumentare il prodotto interno lordo annuale in tutto il mondo del 7% in un decennio.

I rischi dell’AI generativa

Per quanto riguarda i rischi derivanti dall’AI, l’indagine di PwC ha evidenziato che i dirigenti sono maggiormente preoccupati per la sicurezza informatica e la diffusione della disinformazione. A breve termine, lo studio ha evidenziato una diminuzione dell’ansia per le prospettive più ampie: meno di un quarto dei dirigenti ha dichiarato che la propria azienda è “altamente/estremamente” esposta alla minaccia dell’inflazione, con un forte calo rispetto al 40% dello scorso anno. Circa il 38% ritiene che l’economia globale godrà di migliori fortune quest’anno, il doppio rispetto al 18% che ha risposto in modo simile nel 2023. Si tratta di un dato ben al di sotto dell’ottimismo per la crescita che ha accompagnato la fine delle chiusure di Covid negli anni precedenti.

I tagli ai lavoratori sono già partiti

Duolingo, il produttore di software per l’apprendimento delle lingue, sta tagliando alcuni appaltatori mentre utilizza l’intelligenza artificiale generativa per creare più contenuti, segno che le aziende stanno spostando alcune attività tipicamente gestite dai lavoratori su strumenti di intelligenza artificiale.

Circa il 10% degli appaltatori sono stati “scaricati”, ha detto lunedì 15 gennaio un portavoce dell’azienda. “Non abbiamo più bisogno di così tante persone per fare il tipo di lavoro che facevano alcuni di questi appaltatori. Parte di ciò potrebbe essere attribuito all’intelligenza artificiale”, ha detto il portavoce.

L’amministratore delegato Luis von Ahn ha dichiarato in una lettera di novembre agli azionisti che la società sta utilizzando l’intelligenza artificiale generativa – una tecnologia che consente agli utenti di creare più rapidamente testo, voce e immagini – per produrre “nuovi contenuti molto più velocemente”, come i copioni degli spettacoli che aiutano a insegnare le lingue. L’azienda utilizza anche l’intelligenza artificiale per generare voci all’interno dell’app e ha introdotto un livello premium, Duolingo Max, con feedback generati dall’intelligenza artificiale e conversazioni in altre lingue.

Il portavoce ha affermato che la riduzione dei posti di lavoro non è una “sostituzione diretta” dei lavoratori con l’intelligenza artificiale, poiché molti dei suoi dipendenti e appaltatori a tempo pieno utilizzano la tecnologia nel loro lavoro. Duolingo aveva 600 lavoratori a tempo pieno alla fine del 2022, secondo i documenti aziendali. Il portavoce ha aggiunto che nessun dipendente a tempo pieno è stato colpito dal taglio.

Chegg, azienda che offre servizi di aiuto per i compiti online, ha dichiarato nel giugno scorso di voler tagliare il 4% della sua forza lavoro e voler incorporare meglio l’intelligenza artificiale nel suo tutoraggio man mano che gli studenti si sentiranno più a loro agio con i chatbot.

A maggio, l’amministratore delegato di IBM, Arvind Krishna, ha dichiarato che l’azienda prevede di sospendere le assunzioni per i ruoli che ritiene possano essere sostituiti dalla tecnologia AI nei prossimi anni. Ha affermato inoltre che il 30% dei posti di lavoro nelle funzioni di back-office, come le risorse umane, potrebbe essere automatizzato con strumenti di intelligenza artificiale per un periodo di cinque anni.

Microsoft e l’alleanza con i sindacati dei lavoratori

L’intenso interesse per l’AI generativa ha portato i gruppi di dipendenti e i sindacati a chiedersi se le aziende utilizzeranno la tecnologia come pretesto per ridurre la forza lavoro.

A dicembre 2023, Microsoft ha risposto a queste preoccupazioni e ha annunciato un’alleanza con l’American Federation of Labor e il Congress of Industrial Organizations, che è composto da 60 sindacati che rappresentano 12,5 milioni di lavoratori, per formare le persone sull’intelligenza artificiale e osservare come la tecnologia può influenzare l’occupazione.

In occasione di un evento che ha annunciato la partnership, il presidente di Microsoft, Brad Smith, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di portare l’industria e il lavoro al tavolo per “migliorare” il modo in cui le persone lavorano. “Non posso sedermi qui e dire che l’intelligenza artificiale non sostituirà mai un lavoro”, ha detto Smith durante l’evento. “Non credo che sarebbe onesto. L’intelligenza artificiale è ben progettata per accelerare ed eliminare alcune delle parti del lavoro delle persone che potresti considerare faticose”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4