ANALISI

Lavoro: la Casa Bianca avverte, l’AI potrebbe aumentare le disuguaglianze



Indirizzo copiato

Secondo una recente analisi, il 10% dei lavoratori statunitensi potrebbe essere maggiormente toccato dalla rapida evoluzione dell’intelligenza artificiale. I lavori meno qualificati e a basso reddito sono quelli più a rischio, alimentando le preoccupazioni sulle possibili disuguaglianze amplificate dalla tecnologia

Pubblicato il 26 mar 2024



ufficio pubblico

Circa il 10% dei lavoratori statunitensi occupa posizioni molto esposte all’intelligenza artificiale, secondo quanto riportato in una recente analisi della Casa Bianca. Il rapporto rappresenta l’analisi più approfondita finora condotta da Washington sull’impatto dell’AI sulla forza lavoro statunitense.

I più esposti sono i lavoratori con un livello di istruzione inferiore

Da questo studio emergono dati preoccupanti: i lavoratori con un livello di istruzione inferiore e un reddito più basso sono particolarmente esposti all’AI, aumentando il rischio che la tecnologia possa amplificare le disuguaglianze. Un intero capitolo è dedicato all’AI e a come i responsabili delle politiche dovrebbero reagire.

Il rapporto mostra come alla Casa Bianca si stia riflettendo profondamente sull’AI e su ciò che può essere fatto ora per guidarne lo sviluppo in modo da beneficiare i lavoratori.

La Casa Bianca sta discutendo con i sindacati – soprattutto nel settore dei servizi, ma anche in quello manifatturiero – sulla preparazione all’AI. Come per ogni nuova tecnologia, gli esperti ritengono che l’AI completerà il lavoro di alcune persone rendendole più produttive. Altri lavori potrebbero invece essere eliminati. Il rapporto della Casa Bianca contiene numerose avvertenze, tra cui l’avvertimento che l’impatto finale dell’AI sui lavoratori potrebbe cambiare man mano che la tecnologia e le sue capacità evolvono.

L’AI generativa è già in grado di svolgere alcuni compiti che in passato solo gli esseri umani potevano fare, come scrivere storie, generare immagini realistiche e creare testi di canzoni.

Il 20% dei lavoratori occupa posizioni ad alta esposizione all’AI

Gli economisti della Casa Bianca hanno analizzato l’impatto sui lavoratori identificando 16 attività lavorative ad alta esposizione all’AI. I ricercatori hanno poi cercato di determinare quali occupazioni hanno attività esposte all’AI centrali per il lavoro stesso. Il rapporto ha scoperto che circa il 20% dei lavoratori occupa queste posizioni ad alta esposizione all’AI. Questo dato è simile a quello del Pew Research Center, che nel 2022 ha concluso che il 19% dei lavoratori americani occupava posizioni maggiormente esposte all’AI.

“I lavoratori in tali occupazioni sono plausibilmente i più probabili ad essere influenzati dall’AI, sia positivamente attraverso la complementarietà, sia negativamente attraverso la sostituzione o lo spostamento,” afferma il rapporto. Tuttavia, per capire meglio quali ruoli sono più vulnerabili alla sostituzione, i ricercatori hanno suddiviso i lavori in base alla difficoltà dei compiti. “La sostituzione del lavoro è più facile ed economica nelle situazioni in cui la complessità e la difficoltà sono basse,” afferma il rapporto. In altre parole, più è complesso il lavoro, più è sicuro. E viceversa.

Spostare versus completare i lavoratori

I ricercatori hanno scoperto che il 10% dei lavoratori ha un’alta esposizione all’AI e bassi requisiti di prestazione. Il rapporto afferma che questi lavoratori “svolgono i compiti più probabili da sostituire a causa dell’AI.” Non ha identificato specifiche occupazioni o settori che rientrano in questa categoria. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che ciò non significa che il 10% dei lavoratori “perderà inevitabilmente il proprio lavoro”, poiché le implicazioni per i lavoratori potrebbero essere “molto sfumate.”

“La maggior parte dei lavori rimane una raccolta di compiti di cui solo una parte può essere automatizzata,” dice il rapporto. “L’AI potrebbe permettere agli esseri umani di concentrarsi su altri compiti”.

Il rapporto fa notare che le compagnie aeree hanno ancora piloti, nonostante i sistemi di pilota automatico esistano da più di un secolo.

L’AI potrebbe aggravare le disuguaglianze

washington

Tuttavia, alcuni lavoratori sono più esposti all’AI rispetto ad altri. Il rapporto della Casa Bianca ha scoperto che il 14% dei diplomati delle scuole superiori privi di lauree quadriennali occupa posti di lavoro con alta esposizione all’AI ma con bassi requisiti di prestazione. In confronto, solo il 6% dei lavoratori con una laurea rientra in quella categoria di rischio più elevato. Allo stesso modo, le donne sono più propense ad avere un’alta esposizione all’AI con bassi requisiti di prestazione, dice il rapporto, “suggerendo che le donne potrebbero essere a rischio maggiore di spostamento.”

Anche i lavoratori a basso reddito potrebbero affrontare rischi maggiori dalla perturbazione dell’AI. Il rapporto ha scoperto che quasi il 40% dei lavoratori nel terzo decile di guadagni ha un’alta esposizione all’AI e bassi requisiti di prestazione. Anche i lavoratori ad alto reddito hanno un’elevata esposizione all’AI, ma i loro requisiti lavorativi sono più complessi. I risultati “suggeriscono che l’AI potrebbe essere una tecnologia sbilanciata verso le competenze, aumentando la domanda relativa per i lavoratori con alti livelli di istruzione in occupazioni ad alto reddito,” ha detto il rapporto.

Suggeriscono anche che “l’AI potrebbe esacerbare la disuguaglianza del reddito aggregato se sostituisce l’occupazione nei lavori a basso salario e complementari quelli a salario più elevato.” Il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito all’inizio di quest’anno che nella maggior parte degli scenari, l’AI “probabilmente peggiorerà complessivamente la disuguaglianza, una tendenza preoccupante che i responsabili delle politiche devono affrontare proattivamente per prevenire che la tecnologia alimenti ulteriormente le tensioni sociali.”

Tuttavia, il rapporto della Casa Bianca sottolinea che è troppo presto per affermare in modo definitivo che l’AI peggiorerà le disuguaglianze – in parte perché questo rischio potrebbe influenzare la politica. L’amministrazione Biden vuole attuare politiche che riducano il rischio che l’AI sposti i lavoratori: “Non lasceremo che gli sviluppi tecnologici determinino la disuguaglianza.”

Articoli correlati

Articolo 1 di 4