Istituzioni

La Commissione Ue raccomanda di effettuare valutazioni del rischio su intelligenza artificiale e quantistica



Indirizzo copiato

Le altre aree a rischio oggetto della raccomandazione sono quelle dei semiconduttori avanzati e delle biotecnologie. La misura fa parte di un approccio strategico globale alla sicurezza economica nell’UE che comprende in tutto dieci aree tecnologiche

Pubblicato il 6 ott 2023



AI PACT

La Commissione Ue ha adottato il 3 ottobre 2023 una raccomandazione sulle aree tecnologiche critiche per la sicurezza economica dell’UE, per un’ulteriore valutazione dei rischi con gli Stati membri. Questa raccomandazione deriva dalla comunicazione congiunta su una strategia europea di sicurezza economica, che ha messo in atto un approccio strategico globale alla sicurezza economica nell’UE.

La raccomandazione riguarda la valutazione di uno dei quattro tipi di rischio previsti da questo approccio globale, ossia il rischio tecnologico e la fuga di tecnologia. La valutazione del rischio avrà carattere oggettivo e in questa fase non è possibile anticiparne i risultati né le misure di follow-up. Nella raccomandazione, la Commissione presenta un elenco di dieci aree tecnologiche critiche. Queste aree tecnologiche sono state selezionate in base ai seguenti criteri:

  • Natura abilitante e trasformativa della tecnologia: il potenziale e la rilevanza delle tecnologie nel determinare un aumento significativo delle prestazioni e dell’efficienza e/o cambiamenti radicali per settori, capacità, ecc;
  • Il rischio di fusione civile e militare: la rilevanza delle tecnologie sia per il settore civile che per quello militare e il loro potenziale di avanzamento in entrambi i settori, nonché il rischio di utilizzo di alcune tecnologie per minare la pace e la sicurezza;
  • Il rischio che la tecnologia possa essere utilizzata in violazione dei diritti umani: il potenziale uso improprio delle tecnologie in violazione dei diritti umani, compresa la limitazione delle libertà fondamentali.

“Oggi lanciamo valutazioni collettive dei rischi, insieme ai nostri Stati membri, in quattro aree tecnologiche critiche per la nostra sicurezza economica”, ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Ue, Věra Jourová. “La tecnologia è attualmente al centro della competizione geopolitica e l’UE vuole essere un attore, non un campo da gioco. E per esserlo, abbiamo bisogno di una posizione unitaria dell’UE, basata su una valutazione comune dei rischi. Con questo approccio resteremo un partner globale aperto e prevedibile, ma che coltiva il proprio vantaggio tecnologico e affronta le proprie dipendenze. Il nostro mercato unico non potrà che rafforzarsi in tutte le sue parti”.

Valutazioni collettive del rischio con gli Stati membri

Tra le dieci aree tecnologiche critiche, le Raccomandazioni identificano quattro aree tecnologiche che sono considerate altamente suscettibili di presentare i rischi più sensibili e immediati legati alla sicurezza e alla fuga di tecnologia:

  • Tecnologie di intelligenza artificiale (calcolo ad alte prestazioni, cloud ed edge computing, analisi dei dati, computer vision, elaborazione del linguaggio, riconoscimento degli oggetti);
  • Tecnologie quantistiche (calcolo quantistico, crittografia quantistica, comunicazioni quantistiche, rilevamento quantistico e radar);
  • Tecnologie avanzate dei semiconduttori (microelettronica, fotonica, chip ad alta frequenza, attrezzature per la produzione di semiconduttori);
  • Biotecnologie (tecniche di modificazione genetica, nuove tecniche genomiche, gene-drive, biologia sintetica).

La Commissione raccomanda che gli Stati membri, insieme alla Commissione, effettuino inizialmente valutazioni collettive dei rischi in queste quattro aree entro la fine dell’anno. La raccomandazione include alcuni principi guida per strutturare le valutazioni collettive del rischio, tra cui la consultazione del settore privato e la tutela della riservatezza.

Nel decidere le proposte di ulteriori valutazioni collettive dei rischi con gli Stati membri su uno o più dei settori tecnologici supplementari elencati, o su sottoinsiemi di essi, la Commissione terrà conto delle azioni in corso o previste per promuovere o collaborare nel settore tecnologico in esame. Più in generale, la Commissione terrà presente che le misure adottate per rafforzare la competitività dell’UE nei settori pertinenti possono contribuire a ridurre alcuni rischi tecnologici.

“Oggi stiamo mantenendo la nostra promessa di ridurre i rischi per l’economia europea, identificando dieci aree tecnologiche critiche per la nostra sicurezza economica, soprattutto per il rischio di fusione civile-militare”, ha dichiarato Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno. “Si tratta di un passo importante per la nostra resilienza. Dobbiamo monitorare costantemente le nostre tecnologie critiche, valutare la nostra esposizione al rischio e, se e quando necessario, adottare misure per preservare i nostri interessi strategici e la nostra sicurezza. L’Europa si sta adattando alle nuove realtà geopolitiche, ponendo fine all’era dell’ingenuità e agendo come una vera potenza geopolitica”.

I prossimi passi della Commissione Ue

La Commissione si impegnerà con gli Stati membri, attraverso i forum di esperti appropriati, per avviare le valutazioni collettive dei rischi per le quattro aree tecnologiche sopra citate.

Inoltre, avvierà un dialogo aperto con gli Stati membri sul calendario e sulla portata appropriati delle ulteriori valutazioni del rischio, tenendo conto tra l’altro del contributo del fattore tempo all’evoluzione dei rischi. La Commissione potrà presentare ulteriori iniziative al riguardo entro la primavera del 2024, alla luce di tale dialogo e della prima esperienza con le prime valutazioni collettive dei rischi, nonché degli ulteriori contributi che potranno pervenire sui settori tecnologici elencati.

La raccomandazione non pregiudica l’esito della valutazione dei rischi. Solo l’esito della valutazione collettiva dettagliata del livello e della natura dei rischi presentati può servire come base per un’ulteriore discussione sulla necessità di misure precise e proporzionate per promuovere, associare o proteggere una qualsiasi di queste aree tecnologiche, o un loro sottoinsieme.

Lo scenario

Il 20 giugno 2023 la Commissione e l’Alto rappresentante hanno adottato la comunicazione congiunta sulla strategia europea di sicurezza economica. La Strategia europea di sicurezza economica si basa su un approccio a tre pilastri: promozione della base economica e della competitività dell’UE; protezione dai rischi; partenariato con la più ampia gamma possibile di Paesi per affrontare preoccupazioni e interessi comuni.

La Raccomandazione definisce una serie di azioni da intraprendere per affrontare i rischi per la resilienza delle catene di approvvigionamento, i rischi per la sicurezza fisica e informatica delle infrastrutture critiche, i rischi legati alla sicurezza tecnologica e alla fuga di tecnologia e i rischi di armamento delle dipendenze economiche o di coercizione economica. L’elenco presentato nella Raccomandazione fa parte della terza categoria di queste azioni.

Per maggiori informazioni: Comunicazione congiunta su una strategia europea di sicurezza economica

Articoli correlati

Articolo 1 di 2