[SURVEY] I giovani preferiscono lavorare nelle startup
FacebookTwitterLinkedIn

[SURVEY] Lavoro: i giovani preferiscono le startup alle blasonate multinazionali

Come cambia il mondo del lavoro: benefit, smart working e utilizzo di avanzate tecnologie come quelle basate sull'intelligenza artificiale spingono i giovani millennial a preferire un lavoro in una startup anziché in una solida multinazionale. E' quanto emerge dall'ultima indagine di ForceManager

ForceManager - i Millennial
credit: ForceManager
Redazione - @AI4Business_it

 

Le startup esercitano un certo fascino sui giovani millennial (i ragazzi nati tra i primi anni Ottanta e la fine degli anni Novanta, prima del 2000), ragazzi propensi al “rischio d’impresa” e al “nomadismo digitale”, attratti più dal lavoro agile, dallo smart working e dall’utilizzo delle tecnologie avanzate (come l’intelligenza artificiale) che dallo stipendio e da un lavoro fisso in una multinazionale.

E’ una fotografia interessante quella scattata da ForceManager che, attraverso una recente indagine condotta sui giovani tra i 22 ed i 37 anni [su un panel di 300 ragazzi intervistati], mette in luce le esigenze di una generazione di lavoratori che impatterà senz’altro sul mercato del lavoro stesso e le sue dinamiche.

Di seguito riportiamo alcune delle principali evidenze emerse in questa survey.

 

ForceManager - Principali evidenze indagine Millennial
ForceManager: le principali evidenze emerse dall’indagine condotta nel 2018 sui millennial

 

Startup, benefit e smart working: ecco cosa vogliono i millennial

Il 35% dei millennial intervistati ha dichiarato che, se potesse, preferirebbe lavorare in una startup anziché in una più blasonata azienda multinazionale (preferita comunque ancora dal 47%).

La startup offre l’idea ai giovani di poter contare su una più reale e grande opportunità di crescita, anche personale (40%); tra le altre motivazioni, i giovani indicano la possibilità di misurarsi con ruoli differenti (30%) e la possibilità di accedere alle stock option (17%) condividendo fin da subito al rischio d’impresa.

Quest’ultimo aspetto apre un importante chiave di lettura rispetto anche alle aspettative dei millennial circa stipendi e benefit.

Dalla ricerca di ForceManager emerge che per il 52% dei giovani italiani tra i 22 e i 37 anni, benefit e lavoro agile contano di più della cifra indicata nell’ultima riga della busta paga. Si dicono addirittura disposti a rinunciare a una quota di remunerazione pur di poter sfruttare programmi di smart working e fare parte di progetti di nomadismo digitale (cioè avere la possibilità di lavorare viaggiando, spostandosi da una città all’altra, sfruttando le potenzialità del digitale), il tutto per gestirsi autonomamente i tempi del lavoro e della vita privata.

ForceManager - SmartWorking
credit: ForceManager

 

Non solo, il 42% dei millennial italiani rinuncerebbe a un normale stipendio “competitivo” se venisse offerto loro un pacchetto retributivo variabile dove, accanto a una parte fissa, ci fossero bonus e stock option, collegati direttamente al rendimento dell’azienda. Una tendenza, quest’ultima che, nel Paese del posto-fisso, rappresenta un forte fattore di discontinuità.

 

Abitudini che cambiano, esigenze che crescono

E in perfetto stile startup anche le abitudini (collegate alle nuove esigenze) dell’approccio al lavoro mutano con le nuove generazioni. Ciò che emerge dallo studio di ForceManager è che i millennial desiderano sentirsi coinvolti nel progetto aziendale per il quale lavorano (lo afferma il 75%).

Inoltre, diventano importanti nella scelta del lavoro anche programmi di wellness, come per esempio corsi di yoga o mindfulness, iniziative attive di beneficienza, come la partecipazione collettiva a gare di running, o a momenti di socializzazione come, per esempio, un corso di cucina. Al momento, non più del 18% vive quotidianamente questa realtà, all’interno dell’azienda per cui lavora; ma ben il 65% l’apprezzerebbe.

Da segnalare, poi, il fatto che il 53% preferirebbe un orario di lavoro tarato sui ritmi nord-europei. Ossia: ingresso in ufficio presto e pausa pranzo ridotta allo stretto necessario, con l’obiettivo di tornare a casa non più tardi delle 17.30.

 

ForceManager - Principali evidenze indagine Millennial 2
ForceManager: le nuove abitudini (ed esigenze) dei millennial rispetto al lavoro

 

L’intelligenza artificiale a supporto di nuove abitudini lavorative

Infine, il quadro che illustra ForceManager tocca anche le nuove tecnologie. Il 78% dei millennial italiani, oggi, controlla le email praticamente sempre, senza alcuna soluzione di continuità tra lavoro e vita privata. Nel 62% dei casi lo fa attraverso l’uso dello smartphone personale. Abitudini però destinate a cambiare presto: il 35% degli interpellati è fiducioso che nel 2019 l’intelligenza artificiale e gli assistenti vocali renderanno più semplice la convivenza con il lavoro, semplificando la gestione della comunicazione lontano dall’ufficio.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi