News

Microsoft sta realizzando propri chip Athena per addestrare i Large Language Model

I componenti sono attualmente utilizzata da dipendenti Microsoft e dal personale di OpenAI, che ha utilizzato i sistemi di supercalcolo del colosso di Redmond per addestrare i modelli linguistici che alimentano ChatGPT

Pubblicato il 20 Apr 2023

Microsoft

Microsoft sta sviluppando i propri chip AI per alimentare i suoi modelli linguistici di grandi dimensioni. Secondo indiscrezioni, il colosso del software starebbe lavorando sui chip – chiamati Athena – fin dal 2019.

L’hardware è attualmente utilizzato da alcuni dipendenti Microsoft e dal personale di OpenAI, il laboratorio di ricerca dietro ChatGPT in cui Microsoft ha stretto uno stretto rapporto di lavoro dopo aver investito nella startup.

Secondo le indiscrezioni, circa 300 dipendenti stanno lavorando sui chip, con fonti che affermano che Athena potrebbe vedere un uso più ampio sia da parte di Microsoft che di OpenAI il prossimo anno. Tuttavia, la società non è sicura se rendere i chip Athena accessibili ai clienti del cloud computing di Azure.

I nuovi chip Athena di Microsoft su processo a 5 nanometri

OpenAI ha utilizzato i sistemi di supercalcolo di Microsoft per addestrare i modelli linguistici che alimentano la sua applicazione ChatGPT. Tuttavia, questi computer funzionano su chip Nvidia.

Secondo quanto riferito, Microsoft sta pianificando di utilizzare il produttore TSMC per produrre i chip Athena. Saranno basati su un processo a 5 nanometri, che è una generazione precedente al processo a 3 nm introdotto alla fine dello scorso anno.

Microsoft si unisce ad altri grandi nomi della tecnologia che stanno lavorando sui propri chip AI. Solo un paio di settimane prima, Google ha annunciato i suoi chip TPU v4 che utilizza per addestrare circa il 90% dei modelli di intelligenza artificiale dell’azienda. Anche Meta ha lavorato sui propri chip di apprendimento automatico personalizzati, ma ha scelto Qualcomm per alimentare i suoi visori VR.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4