News

McKinsey State of AI 2022: adozione dell’AI raddoppiata in cinque anni

Il report della società di consulenza segnala una preoccupazione la mancanza di progressi nella mitigazione dei rischi correlati all'AI, come pregiudizi, spiegabilità o sicurezza [...]
McKinsey State AI 2022
  1. Home
  2. News
  3. McKinsey State of AI 2022: adozione dell’AI raddoppiata in cinque anni

L’adozione dell’AI è più che raddoppiata dal 2017 (passando dal 20% al 50%), con il 63% delle aziende che prevede un aumento degli investimenti nei prossimi tre anni. Tuttavia, è stato raggiunto un plateau, con la percentuale di organizzazioni che adottano l’AI che si aggira tra il 50 e il 60% negli ultimi anni. Lo afferma il rapporto State of AI 2022 pubblicato lo scorso 6 dicembre dalla società di consulenza McKinsey. Il rapporto si basa sull’uso e l’adozione dell’AI a livello globale negli ultimi cinque anni.

Secondo il rapporto, l’adozione e gli investimenti dell’AI hanno subito un’accelerazione negli ultimi cinque anni, con le aziende che segnalano che l’AI sta diventando una priorità maggiore.

“Una delle cose che mi ha sorpreso è stato il plateau nell’adozione”, dichiara il partner di McKinsey Michael Chui a VentureBeat. “Vediamo il potenziale di questa tecnologia per creare valore aziendale praticamente in ogni settore e ogni funzione e si può pensare che l’adozione continui a crescere”.

McKinsey State AI 2022, i casi d’uso più frequenti

Tra coloro che stanno adottando l’AI, molti hanno aumentato l’ampiezza delle loro capacità. I risultati mostrano che questi leader fanno maggiori investimenti nell’AI, impegnandosi in pratiche sempre più avanzate note per consentire uno sviluppo più rapido dell’AI e mostrando segni di miglioramento nel mercato ristretto per i talenti. Gli intervistati di AI high performer sono anche quasi otto volte più propensi rispetto ai loro colleghi a dire che le loro organizzazioni spendono almeno il 20% dei loro budget per la tecnologia digitale in tecnologie correlate all’IA.

“Continuiamo a vedere questa divergenza tra quelle aziende che abbiamo descritto come AI high performer, che stanno davvero allungando il loro involucro competitivo, e tutti gli altri che hanno bisogno di recuperare”, afferma Chui.

Il problema è che non c’è nessuno che “sblocca” quando si tratta di generare valore AI nell’azienda, ha spiegato Chui. “Non è come se automatizzi le tue pipeline di dati, entra in gioco il valore”, ha affermato.  “In molti casi, queste non saranno soluzioni tecnologiche ma cose ‘umane’, sia che si tratti di avere la giusta strategia allineata con la tua strategia di intelligenza artificiale, o di far sì che l’organizzazione e le persone in essa agiscano in modo diverso sulle intuizioni”.

I casi d’uso più comunemente adottati, rileva il rapporto McKinsey, riguardano l’ottimizzazione dei servizi, la creazione di nuovi prodotti basati sull’intelligenza artificiale, l’analisi del servizio clienti e la segmentazione dei clienti.

State AI McKinsey McKinsey State of AI Report 2022

Le organizzazioni devono considerare i rischi dell’AI

Un risultato preoccupante del rapporto State of AI 2022 di McKinsey è la mancanza di progressi nella mitigazione segnalata dalle organizzazioni dei rischi correlati all’AI, come pregiudizi, spiegabilità o sicurezza.

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Intelligenza Artificiale
Sicurezza

“Se me lo avessero chiesto cinque anni fa, avrei immaginato che avremmo visto sempre più riconoscimento di questi rischi e quindi sempre più aziende che agivano per gestirli o mitigarli”, ha detto Chui. “I livelli non sono aumentati tanto quanto mi sarei aspettato.”

Ma, ha aggiunto, gli high performer dell’AI tendono a essere più avanti nei loro percorsi verso la comprensione e la gestione di questi rischi.

McKinsey State AI 2022 McKinsey State of AI Report 2022

Il potenziale dell’AI sta nel generare valore per l’azienda

I ruoli più caldi per i talenti dell’AI nel 2022 sono stati ingegneri del software, ingegneri dei dati e scienziati dei dati, rileva il rapporto McKinsey, un altro “chiaro segno che molte organizzazioni sono in gran parte passate da sperimentare l’intelligenza artificiale all’incorporarla attivamente nelle applicazioni aziendali”.

“Il potenziale dell’AI è in ciò che guida il valore nel business”, afferma Chui. “Per alcune aziende, è l’eccellenza operativa; in altre l’intimità con il cliente”.

Le aziende ad alte prestazioni, ha aggiunto, oggi lo stanno facendo: “stanno applicando i loro sforzi nell’intelligenza artificiale laddove essi creeranno maggior valore”, ha concluso.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn