NEWS

Carenza di chip: un esperto di McKinsey spiega la situazione e quando finirà

La domanda è cresciuta più del previsto, spinta dalla transizione digitale. La carenza non riguarda solo la produzione di chipset ma anche quella di manodopera di progettisti qualificati [...]
chip
  1. Home
  2. News
  3. Carenza di chip: un esperto di McKinsey spiega la situazione e quando finirà

La carenza globale di chip si sta avvicinando al suo terzo anno, alimentata dall’aumento della domanda di semiconduttori in un mondo che si sta rapidamente trasformando digitalmente. Stati Uniti, UE, Cina e Corea del Sud sono tutti in competizione per il dominio del mercato.

Ondrej Burkacky, co-lead globale della practice semiconductors di McKinsey, in una intervista alla testata online AI Business ha delineato il panorama della carenza di chip in corso e ha spiegato in che misura sta influenzando le prestazioni dell’AI.

Ora le aziende e i governi si rendono conto che le interruzioni in quella catena di approvvigionamento hanno un enorme effetto a catena. Abbiamo analizzato che un wafer, in realtà si riferisce a sei posti di lavoro nell’industria automobilistica statunitense e quattro posti di lavoro nell’industria automobilistica europea. C’è un’enorme dipendenza anche per l’economia. E c’è molto più ritmo su questi programmi e anche più scala sul supporto dei semiconduttori, sia dal punto di vista della produzione, ma anche dal punto di vista della ricerca IP”, ha dichiarato Burkacky.

Quando guardiamo alla guida autonoma, sono necessari più semiconduttori per una maggiore assistenza alla guida. Elettrificazione delle automobili, sono necessari più semiconduttori in un propulsore elettrico rispetto a un propulsore a combustione. Quindi questo significa che ci sarà un aumento della domanda di semiconduttori per auto per veicolo a 2x da qui al 2030. Anche Industria 4.0 ha bisogno di più semiconduttori. Il 5G negli smartphone? Il 20% in più di silicio è necessario in un telefono 5G rispetto a un telefono 4G. E la crittografia è anche una cosa in cui hai bisogno di ASIC specifici per il mining di criptovalute”.

chip

La domanda di semiconduttori è quasi raddoppiata rispetto alle previsioni

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

Burkacky è certo che vi sia stato un aumento della domanda, ma non così significativo rispetto alle tendenze generali. “Abbiamo assistito a un balzo della crescita nel 2020 anno dopo anno… Si pensava che l’industria dei semiconduttori sarebbe cresciuta del 5% e alla fine è cresciuta del 9%. La crescita è quasi raddoppiata. Non puoi solo attribuirlo ad alcuni chipset di criptovaluta, la transizione tecnologica è andata molto più veloce del previsto”.

Dove abbiamo la minore carenza comparabilmente è sul lato all’avanguardia: tutti i chip di elaborazione dei data center e gli acceleratori AI di fascia alta, le schede grafiche… Lì la tendenza preoccupa meno per la carenza, riguarda le prestazioni. Alla fine, per qualsiasi applicazione AI ad alto carico, hai bisogno delle migliori prestazioni ottenibili, perché ciò riduce significativamente il tempo di elaborazione e il valore e tutto viene migliorato. La tendenza va dalle GPU generiche per fare AI, alla progettazione di chipset personalizzati progettati in modo molto specifico per un compito: mining di bitcoin, guida autonoma, riconoscimento vocale. E con questi progetti specifici, mi aspetterei che sia meno la situazione di capacità che limiterà il modo in cui le persone possono uscire con questi chipset. Ma molto probabilmente ci stiamo imbattendo in una carenza di manodopera di designer qualificati. Perché prima, mille aziende avrebbero utilizzato lo stesso chip per fare la programmazione AI. Se queste mille aziende non scelgono tutte un progetto di chipset OEM, hai bisogno di molti più progettisti di chip e potremmo essere a corto di questi. Quindi avrei meno paura di una carenza di fornitura in termini di produzione sul lato all’avanguardia, piuttosto che una carenza di progettisti per progettare tutti questi ASIC, specifici per le applicazioni AI”, aggiunge Burkacky.

Quando finirà la carenza di chip

Quando si prevede la fine della carenza di chip? “Dipende da cosa si guarda. La carenza di avanguardia non è in realtà una carenza. Anche se spesso non è possibile ottenere l’apparecchiatura più recente e migliore, non è possibile ottenerla perché non è disponibile l’alimentatore, non il processore grafico di fascia alta. E guardando a questo, in realtà non vedo la carenza procedere nella misura in cui potremmo dichiarare vittoria nei prossimi due o tre anni. Perché ci vuole tempo per costruire capacità aggiuntiva e costruire fabbriche aggiuntive per fornire i chipset, perché non vedo ancora le richieste – che scompaiono. Se dovesse arrivare una vera recessione economica, di sicuro allora potremmo avere un problema”, conclude Burkacky.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn