NEWS

Thomson Reuters punta sull’AI con un investimento da 8 miliardi di dollari



Indirizzo copiato

Il colosso dell’informazione e dei dati ha in programma investimenti e acquisizioni nel settore. L’amministratore delegato Steve Hasker prevede una rivoluzione nel business dell’informazione professionale

Pubblicato il 13 mar 2024



reuters

Thomson Reuters, il colosso dell’informazione e dei dati, intende devolvere 8 miliardi di dollari per investimenti e acquisizioni nel campo dell’intelligenza artificiale. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato Steve Hasker, scommettendo sul fatto che questa tecnologia rivoluzionerà piuttosto che minare il business di fornitura di informazioni a professionisti come avvocati e commercialisti.

Oltre 100 milioni di dollari all’anno per sviluppare la propria AI

In un’intervista rilasciata al Financial Times prima della giornata degli investitori, la prima dopo tre anni, Hasker ha affermato che il gruppo dispone di “un’enorme potenza finanziaria” per espandersi nei servizi professionali e nelle informazioni guidate dall’AI. Questo mentre si prepara a vendere il resto della sua partecipazione nel London Stock Exchange Group. “Abbiamo una riserva secca di circa 8 miliardi di dollari grazie alla capacità generatrice di cassa del nostro business esistente, un bilancio molto leggermente indebitato e la vendita della nostra quota in LSEG”, ha detto Hasker.

Thomson Reuters prevede anche di spendere più di 100 milioni di dollari all’anno per sviluppare la propria tecnologia AI al servizio dei clienti in settori come quello legale, fiscale e contabile. L’anno scorso, l’azienda ha completato un programma biennale progettato per trasformarla da fornitore di contenuti a società tecnologica guidata dai contenuti. Ma quasi immediatamente dopo, ha affermato Hasker, “è arrivata l’AI generativa”, che vede come una nuova trasformazione per il gruppo. Hasker ha dichiarato che le acquisizioni saranno principalmente concentrate su aziende con capacità di intelligenza artificiale.

Negli ultimi 18 mesi, ha speso circa 2 miliardi di dollari per l’acquisto di aziende come SurePrep, Casetext e Pagero, un’azienda globale di soluzioni fiscali e di fatturazione elettronica. Circa quattro quinti dei ricavi del gruppo provengono dagli Stati Uniti, ma l’obiettivo è “riequilibrare” questa percentuale nei prossimi tre-cinque anni. Per questo motivo, si sta guardando “abbastanza aggressivamente” alla crescita in aree che vanno dal Brasile e Messico al sud-est asiatico e Giappone.

Reuters stringe accordi con le società di AI per l’utilizzo delle proprie notizie

Hasker ha aggiunto che la società ha concluso “un certo numero” di accordi con gruppi AI che cercano di utilizzare le notizie Reuters per addestrare i loro grandi modelli linguistici. Ha rifiutato di commentare i termini commerciali, affermando che “sembra stia emergendo un prezzo di mercato”. L’amministratore delegato non ha voluto commentare nemmeno sulla causa per violazione del copyright pendente da Thomson Reuters contro Ross Intelligence, una società di ricerca legale guidata dall’AI, vista come un caso test per altri proprietari di contenuti multimediali. Thomson Reuters impiega attualmente circa 26.000 persone in tutto il mondo.

La famiglia Thomson possiede poco meno del 70% del gruppo, mentre il resto è quotato a Toronto e New York. Il presidente della società, David Thomson – l’uomo più ricco del Canada con un patrimonio di decine di miliardi di dollari – guida l’impero mediatico fondato dal nonno Roy Thomson. Hasker ha dichiarato che il gruppo ha esaminato la possibilità di creare un paywall per il servizio di notizie, ma per ora è concentrato sul servire LSEG, il suo cliente più grande, e i clienti delle agenzie. Ha aggiunto, tuttavia, che il gruppo sta valutando se esistono prodotti legati alle notizie e all’AI per professionisti che potrebbero esistere dietro un paywall.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4