Mercato

L’AI generativa guida la domanda di chip: Nvidia prevede ricavi boom

Il chipmaker statunitense ha dichiarato di aspettarsi un fatturato di 11 miliardi di dollari nei tre mesi fino alla fine di luglio, oltre il 50% in più rispetto ai 7,2 miliardi di dollari attesi dagli analisti

Pubblicato il 25 Mag 2023

Nvidia

L’aumento della domanda di chip necessari per addestrare l’ultima ondata di sistemi di intelligenza artificiale generativa, come ChatGPT, ha portato Nvidia a formulare una previsione di ricavi di gran lunga superiore alle aspettative di Wall Street, provocando un’impennata del prezzo delle sue azioni nelle contrattazioni post-mercato.

Mercoledì 24 maggio il chipmaker statunitense ha dichiarato di aspettarsi un fatturato di 11 miliardi di dollari nei tre mesi fino alla fine di luglio, oltre il 50% in più rispetto ai 7,2 miliardi di dollari attesi dagli analisti, confermando la sua posizione di maggiore beneficiario a breve termine della corsa all’intelligenza artificiale che si è scatenata nel settore tecnologico.

La previsione ha alimentato un balzo del 27% delle azioni di Nvidia, che erano già più che raddoppiate dall’inizio dell’anno, e ha fatto salire il valore di borsa alla cifra record di 960 miliardi di dollari.

Jensen Huang, amministratore delegato, ha dichiarato che l’azienda sta “aumentando in modo significativo l’offerta per soddisfare l’aumento della domanda” per l’intera famiglia di chip per data center, tra cui l’H100, un prodotto lanciato quest’anno e progettato per gestire le esigenze dei cosiddetti modelli di linguaggio di grandi dimensioni, come il GPT-4 di OpenAI.

La corsa del settore tecnologico allo sviluppo di modelli di AI più grandi ha portato alcuni clienti a preoccuparsi privatamente di una carenza di chip H100, che sono stati messi in vendita solo all’inizio dell’anno. Tuttavia, i 4,28 miliardi di dollari di vendite di Nvidia ai clienti dei data center nell’ultimo trimestre hanno superato anche le previsioni più ottimistiche degli analisti e l’azienda ha dichiarato che sono state registrate forti vendite sia dei chip H100 sia di quelli A100, basati sulla precedente architettura.

Colette Kress, direttore finanziario, ha sottolineato un’ulteriore impennata della domanda che si estenderà ben oltre il trimestre in corso, pur affermando che è troppo presto per l’azienda per fornire indicazioni finanziarie a più lungo termine. La visibilità sulla domanda futura si è “estesa per alcuni trimestri” e ha indotto Nvidia a procurarsi “una fornitura sostanzialmente superiore per la seconda metà dell’anno [fiscale]”, ha dichiarato.

The Nvidia H100 NVL GPU/Image credit: Nvidia
La GPU Nvidia H100 NVL

Raddoppio delle vendite per i data center

Le previsioni di Nvidia indicano un potenziale raddoppio delle vendite ai clienti dei data center in tre mesi, anche se nel primo trimestre di quest’anno le vendite di data center hanno raggiunto un tasso annualizzato di 17 miliardi di dollari. Kress ha dichiarato che la crescita proviene da clienti di ogni tipo: aziende internet consumer, fornitori di cloud computing e clienti aziendali si stanno affrettando ad applicare l’intelligenza artificiale generativa alle loro attività.

Le previsioni rialziste sono arrivate dopo che Nvidia ha reso noto che anche i ricavi e gli utili dell’ultimo trimestre, fino alla fine di aprile, hanno superato le previsioni, grazie al balzo delle vendite ai clienti dei data center in seguito al decollo della domanda di intelligenza artificiale. Il fatturato ha raggiunto i 7,19 miliardi di dollari, con un aumento del 19% rispetto ai tre mesi precedenti, ma con un calo del 13% rispetto all’anno precedente, a causa del calo delle vendite di chip per il gaming.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3