quantum computng

Intel lancia la versione 1.1 del Quantum Software Development Kit



Indirizzo copiato

L’aggiornamento introduce nuove funzionalità e strumenti di programmazione all’avanguardia, rendendo l’ambiente di programmazione più intuitivo e accessibile

Pubblicato il 8 mar 2024



Intel Quantum SDK

Intel ha lanciato la versione1.1 del Quantum Software Development Kit (SDK), disponibile sia sulla IntelDDeveloper Cloud che su qBraid, arricchendo così le opzioni a disposizione degli sviluppatori con l’IntelQQuantum Compiler, il Quantum Runtime e la simulazione dell’hardware quantistico. L’aggiornamento del Quantum SDK di Intel amplia le potenzialità di questo ambiente di programmazione all’avanguardia, introducendo nuove funzionalità come un compilatore front-end open source, nuovi back-end per la simulazione dei qubit e modelli personalizzabili di rumore dei qubit, oltre a strumenti di programmazione più sofisticati per codificare secondo pattern familiari.

Il kit permette di sviluppare algoritmi quantistici

Nel ruolo di simulatore di calcolo quantistico, l’Intel Quantum SDK si prefigge come interfaccia per gli hardware quantistici Intel, tra cui il chip Horse Ridge II e il chip Tunnel Falls dedicato alla ricerca sui quantum dot spin. Il kit permette agli sviluppatori di programmare algoritmi quantistici in simulazione attraverso un’interfaccia intuitiva scritta in C++, utilizzando una toolchain standard per un compilatore LLVM. Ciò rende l’SDK Intel perfettamente compatibile con applicazioni C/C++ e Python, garantendo versatilità e personalizzazione.

“Le nuove funzionalità introdotte nella versione 1.1 rappresentano un ulteriore passo avanti negli sforzi di Intel per rendere il calcolo quantistico più intuitivo e accessibile a un pubblico sempre più ampio”, ha dichiarato Anne Matsuura, director of Quantum Applications and Architecture presso Intel Labs. “Dalla pubblicazione della versione beta dell’SDK Intel Quantum e della versione 1.0 nel 2022, abbiamo ricevuto feedback positivi da molti utenti. Intel ha inoltre assunto un ruolo di guida nell’espansione dell’ecosistema quantistico, promuovendo programmi di formazione quantistica finanziati e competizioni legate all’SDK Quantum di Intel”.

Le nuove funzionalità introdotte con l’Intel Quantum SDK 1.1 includono un compilatore front-end open source, due back-end per la simulazione dei qubit, nuovi modelli personalizzabili di rumore dei qubit e un maggior numero di strumenti per esprimere algoritmi quantistici. Inoltre, l’SDK offre già utili funzionalità come due potenziamenti dei back-end esistenti: l’Intel Quantum Simulator, disponibile in open source, e il Quantum Dot Simulator.

Nuovi centri di calcolo quantistico

Nel corso del 2022, Intel ha fornito finanziamenti a cinque università per sviluppare corsi di calcolo quantistico da condividere con altre istituzioni accademiche per promuovere l’utilizzo dell’SDK in ambito universitario. Questo ha portato alla creazione di centri di calcolo quantistico presso il Deggendorf Institute of Technology in Germania, la Ohio State University e la University of Pennsylvania negli Stati Uniti e la Keio University in Giappone. Inoltre, la Pennsylvania State University ha sviluppato un corso basato sull’Intel Quantum SDK.

Intel Quantum SDK Challenge

Oltre a contribuire alla formazione della futura forza lavoro nel campo del calcolo quantistico, Intel sostiene un concorso annuale per incentivare gli utenti a esplorare nuove applicazioni. La Intel Quantum SDK Challenge, ospitata dal Deggendorf Institute of Technology, è aperta a scienziati, ricercatori e professionisti di ogni provenienza. Nella seconda edizione annuale della Challenge, i partecipanti sono stati incaricati di identificare e risolvere un problema reale utilizzando l’Intel Quantum SDK 1.0 come strumento principale.

Per testare la nuova versione dell’Intel Quantum SDK, è possibile visitare Intel Developer Zone o qBraid per ottenere accesso, documentazione, ricerche e risorse di formazione.

È inoltre possibile porre domande sull’utilizzo dell’SDK visitando il Community Developer Forum.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4