EHEALTH

Moderna punta sul potenziale dell’AI per curare il cancro



Indirizzo copiato

Il Ceo Stephane Bancel ritiene che l’applicazione dell’apprendimento automatico allo sviluppo di farmaci potrebbe, in futuro, trattare con successo il cancro andando a colpire le cellule del DNA mutate. Ecco come l’azienda biotech sta utilizzando il machine learning

Pubblicato il 15 set 2023




Bancel Moderna

In un’intervista, il Ceo di Moderna, Stephane Bancel, ha descritto come l’applicazione dell’apprendimento automatico allo sviluppo di farmaci potrebbe, in futuro, trattare con successo il cancro.

Secondo Bancel, il cancro è una malattia del DNA quando muta. Il sistema immunitario dell’organismo è concepito per attaccare le cellule cancerose. Dopo aver individuato le cellule mutate, Moderna utilizzerà il suo algoritmo per identificare le mutazioni genetiche del tumore e colpire solo le cellule cancerose e non quelle sane.

“Se si guarda alla terapia individualizzata con nuovi antigeni per il cancro, selezioneremo da un paziente quale mutazione del DNA di una cellula tumorale scegliere per codificare l’mRNA (che sarà il farmaco). È facile da fare con un sistema di apprendimento automatico”.

“Abbiamo bisogno di codificare l’mRNA e poi viene introdotto come vaccino”, ha dichiarato Bancel. In questo modo il sistema immunitario riconosce la cellula tumorale e la attacca.

Il cancro è una malattia che nasce da una mutazione del DNA. Il sistema immunitario di solito attacca queste cellule, ma nei casi in cui il cancro è proliferato, le difese naturali dell’organismo vengono sopraffatte.

L’mRNA di Moderna mira a reimpostare il sistema immunitario per attaccare il cancro.

“È la capacità di insegnare al sistema immunitario ciò che gli è sfuggito”, ha detto Bancel. “Se il cancro diventa una, poi due cellule, e si arriva a un tumore, il sistema immunitario, a causa dello stress, perché non si è in salute in quel momento, lo lascia crescere e il sistema immunitario diventa cieco nei suoi confronti”.

“Non lo vedi e ti ammali davvero”, ha proseguito. “Pensiamo che dentro di noi abbiamo la capacità di curare il cancro. Dobbiamo solo rieducare il sistema immunitario a farlo. Ed è quello che stiamo facendo con l’mRNA”.

Moderna ha creato un’accademia per l’intelligenza artificiale

Sebbene l’mRNA funzioni su base individuale, Bancel ha affermato che può essere esteso a gruppi di pazienti che possono beneficiare dello stesso algoritmo.

Bancel ha anche affermato che l’azienda ha sviluppato una propria versione di ChatGPT, chiamata M Chat, per mantenere i propri dati proprietari.

M Chat aiuta i dipendenti di Moderna a diventare più produttivi, leggendo i documenti caricati rispetto ai quali possono porre domande e richiedere sintesi. Il chatbot può anche spiegare contratti legali e altro materiale tecnico.

Due anni fa, l’azienda ha creato un’accademia di intelligenza artificiale per insegnare a tutti, dall’amministratore delegato in giù, la scienza dei dati e gli algoritmi per diversi compiti. Ora sta sviluppando corsi per la scrittura di testi.

“Pensate ai guadagni di produttività e a come tutti, me compreso, dovranno reinventare il proprio lavoro”, ha detto Bancel.

Articoli correlati

Articolo 1 di 2