News

Forrester Research, 5 motivi per cui l’AI sarà indispensabile nel 2023

Dall’AI generativa ai “TuringBots”, alla governance e all’assistenza sanitaria, per finire con gli assistenti virtuali. Ecco perché il 74% dei decision maker vede un impatto positivo dall’uso dell’AI [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

  1. Home
  2. News
  3. Forrester Research, 5 motivi per cui l’AI sarà indispensabile nel 2023

Secondo il Data and Analytics Survey 2022 di Forrester, il 73% dei decision maker di dati e analisi sta costruendo tecnologie AI e il 74% vede un impatto positivo sulle proprie organizzazioni dall’uso dell’AI.

Stando al report, non ci sono settori verticali in cui non si riesca a trovare opportunità per implementare l’AI; le aziende, a tutti i livelli di maturità, stanno trasformando le funzioni fondamentali nell’organizzazione, così nel 2023 l’adozione dell’AI “continuerà a espandersi ed essere più creativa, affidabile e ottimizzata”.

Forrester ha presentato cinque previsioni basate sull’evidenza per l’uso dell’AI aziendale nel 2023.

1. Il 10% delle aziende Fortune 500 genererà contenuti con strumenti di intelligenza artificiale

Con l’evoluzione delle reti di trasformatori e dei modelli pre-addestrati (in particolare i modelli linguistici di grandi dimensioni come BERT e GPT-3), l’AI generativa è il protagonista odierno.

Il rapporto di previsione di Forrester menziona aziende come Baidu e Huawei, che hanno lanciato servizi di contenuti digitali basati sulla visione artificiale (CV); startup come Synthesia e HourOne.ai, che utilizzano l’intelligenza artificiale per accelerare la generazione di contenuti video; e Taichi Graphics, che ha raccolto 50 milioni di dollari per la creazione di contenuti digitali basati su CV. E, naturalmente, i popolari strumenti text-to-image come DALL-E e Stable Diffusion consentono ai creatori di contenuti di tutti i tipi (anche agli analisti del settore tecnologico) di generare rapidamente contenuti.

2. TuringBots scriverà il 10% del codice e dei test in tutto il mondo

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale che scrive codice – che Forrester ha coniato “TuringBots” nel 2020 – è stata un’enorme tendenza del 2022 che accelererà nel 2023.

Secondo il rapporto, l’apprendimento per rinforzo e i modelli linguistici di grandi dimensioni hanno accelerato lo sviluppo, l’accuratezza e l’implementazione di questi prodotti, che generano automaticamente codice pulito da requisiti espressi in linguaggio naturale. Nel 2023, Forrester si aspetta che strumenti come Amazon Code-Whisperer, Code Bot, GitHub Co-Pilot e Tabnine assumano più aspetti del ciclo di vita dello sviluppo del software.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

3. Un dirigente tecnologico su quattro riferirà sulla governance dell’AI al consiglio di amministrazione

Con l’aumento della regolamentazione dell’AI e l’aumento della domanda di fiducia, probabilmente non sorprende che un CIO o un CTO su quattro guiderà probabilmente la governance dell’AI nel 2023. Il rapporto Forrester prevede che la governance dell’AI diventerà un argomento a livello di consiglio di amministrazione, unendosi alla sicurezza informatica e alla conformità, il che dimostra la significativa necessità di mitigazione e supervisione del rischio.

Il report evidenzia i dati di Forrester che mostrano che il 46% dei responsabili delle decisioni aziendali e tecnologiche di data e analytics cerca partner per implementare l’intelligenza artificiale fondamentale per il business. Viene sottolineato come Accenture, BCG, Deloitte, EY e McKinsey offrano già auditing e formazione esecutiva sulla governance dell’AI.

4. L’intelligenza artificiale nell’assistenza sanitaria ridurrà il tempo di cura del 25%

Nel 2023, afferma il rapporto, l’AI “utilizzerà la copertura assicurativa, la diagnosi, la posizione, la disponibilità e i fattori di rischio di cancellazione per ottimizzare i flussi di lavoro di pianificazione. Le aziende innovative utilizzeranno questi dati per colmare le costose lacune derivanti dalle cancellazioni dell’ultimo minuto: i sistemi intelligenti raggiungeranno i pazienti in lista d’attesa in base alla probabilità prevista di rispondere. Risolvere questo problema ridurrà del 25% il tempo di attesa medio di 20,6 giorni per vedere un medico”.

5. Gli assistenti virtuali non dovranno sembrare umani

Man mano che i casi d’uso dell’AI conversazionale si espandono in tutta l’organizzazione, il rapporto Forrester prevede che le aziende abbandoneranno la pretesa umana per gli assistenti virtuali, al fine di migliorare la fiducia, in particolare nello spazio B2b.

Attualmente, Forrester ha rilevato che il 65% dei marketer B2b utilizza assistenti virtuali basati sull’intelligenza artificiale per interagire con clienti e dipendenti. A volte gli assistenti virtuali fingono di essere umani, cosa che le organizzazioni hanno scoperto fa sentire i clienti ingannati. Quindi le aziende abbracceranno la trasparenza nell’identificare gli assistenti AI come virtuali.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn