Media Digital HUB: il centro risorse per l'Intelligent Data Management
10 dicembre 2018
FacebookTwitterLinkedIn

Media Digital HUB: il centro risorse per l’Intelligent Data Management, l’Intelligenza Artificiale e i Modern Analytics

Data Management - Media Hub

Sponsored by        Pure Storage LOGO 

 

 

Nasce in collaborazione con Pure Storage il Media Digital Hub che racchiude una serie di strumenti di informazione, analisi e formazione attraverso articoli, approfondimenti, interviste, ricerche, white paper, video, eventi e webinar per fare il punto su Intelligent Data Management, Intelligenza Artificiale e Modern Analytics e capire attraverso quali scelte infrastrutturali si possono oggi avviare concreti progetti di valore per il business

***

AREA INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Data Management: cosa significa mobilitare e rendere disponibile il dato per l’Intelligenza Artificiale

Data Management Media Hub - Area Intelligenza Artificiale

La maggior parte degli algoritmi di intelligenza artificiale necessita di enormi quantità di dati e di potenza di calcolo per funzionare al meglio. Dunque occorre avere delle infrastrutture di supporto adeguate.

Minimizzare lo spostamento del dato è uno degli obiettivi principali per avere infrastrutture realmente in grado di reggere operazioni come quelle di Machine Learning e, più in generale, di Intelligenza Artificiale

 

LE RISORSE DELL’INTELLIGENT DATA MANAGEMENT MEDIA HUB

 

RICERCHE E WHITE PAPER

MIT Technolgy Review Survey >> Intelligenza artificiale e Big Data: insieme per risolve le sfide complesse

Intelligenza artificiale e Big Data: lo studio realizzato dalla MIT Technology Review in collaborazione con Pure Storage rivela che ad apprezzare di più l’intelligenza artificiale sono gli executive che lavorano a stretto contatto con i Big Data: per l’86% è fondamentale per prendere le decisioni migliori

 

ARTICOLI E INTERVISTE

Serve una nuova Data-Centric Architecture per sostenere Intelligenza Artificiale e workload emergenti

Al Pure Acccelerate 2018 di San Francisco Pure Storage dice a clienti e partner che è giunto il momento di ridisegnare le infrastrutture data center modellando computing, networking e storage verso una architettura data centrica. È l’unico modo per accelerare i nuovi progetti di business incentrati su Intelligenza Artitificiale e nuovi workload

 

Intelligenza Artificiale e storage: “questo matrimonio s’ha da fare!”

Il binomio è tutt’altro che scontato e affiancare tematiche più “tradizionali” legate alle infrastrutture IT con quelle più di frontiera come Machine Learning e Intelligenza Artificiale non sempre è immediato e “sexy”. Ne abbiamo discusso con Alfredo Nulli, Emea Cloud Architect di Pure Storage, in un viaggio tra Intelligenza Artificiale e storage che non può non passare per il cloud e l’hybrid IT.

 

Intelligenza Artificiale: la progettualità parte dalla Data Quality

Il dato come asset adeguato per un determinato processo. Ecco cos’è la Data Quality in un progetto di Intelligenza Artificiale, ormai passata dalla fase della pura sperimentazione a quella della concretezza dei progetti e delle soluzioni. Tuttavia, le aziende faticano a governare tali progettualità, spesso perché manca la preliminare cura alla Data Quality e perché si trascura l’adeguamento infrastrutturale. Due passaggi che invece sono cruciali e persino discriminanti per il successo di un progetto di Intelligenza Artificiale

 

APPROFONDIMENTI TECNOLOGICI

Veritas-Pure Storage, alleanza per “blindare” Ai, big data e IoT

Aiutare i clienti a modernizzare la protezione dati e a massimizzarne il valore per ottenere un vantaggio competitivo. E’ l’obiettivo della partnership su scala globale siglata da Veritas Technologies, società specializzata nella protezione dei dati aziendali e nel mercato del software defined storage, e la piattaforma di storage all-flash Pure Storage. Questa collaborazione fa parte di una più ampia partnership tra Veritas e Pure Storage che include l’adozione congiunta di tecnologia, miglioramenti dei prodotti, vendite e supporto, fornendo ai clienti comuni un approccio semplice ed economico per affrontare le sfide nel data management.

 

Arriva AIRI: infrastruttura AI-Ready per il Deep Learning

Nata dalla sinergia tra Pure Storage e NVIDIA, AIRI si presenta come infrastruttura AI-Ready (pronta per supportare task e workload di Intelligenza Artificiale) per consentire ai data architect, ai data scientist e ai business leader di estendere le capacità di NVIDIA DGX-1 per progetti scalabili ed estesi di Artificial Intelligence (AI).

 

***

 

AREA MODERN ANALYTICS

Intelligent Data Management: cosa serve per rendere efficaci i Modern Analytics

Data Management Media Hub - Area Modern Analytics

Il tema dei dati e del loro valore per il business è tra le principali sfide che i leader aziendali dovranno affrontare nei prossimi anni. Per le aziende, è necessario disporre di un’infrastruttura storage e di un approccio alla Digital Transformation adeguati, allo scopo di cogliere i vantaggi delle tecnologie di Big Data Analytics, Machine Learning e di Intelligenza Artificiale per poter rendere davvero efficace le strategie di Modern Analytics non tanto dal punto di vista tecnologico (o meglio, non solo) ma soprattutto dalla prospettiva del valore di business.

 

 

LE RISORSE DELL’INTELLIGENT DATA MANAGEMENT MEDIA HUB

 

PILLAR E APPROFONDIMENTI

Dalla BI alle Advanced Analytics a supporto delle decisioni di business

Un percorso evolutivo quello che porta dalla Business Intelligence classica alle Modern e Advanced Analytics. Ma quali sono le caratteristiche, quali i requisiti e, soprattutto, come si distanziano dall’intelligenza artificiale?

 

Risk Management: le soluzioni Pure Storage per assicurare la continuità operativa

Un modello di distribuzione degli array storage, basati su tecnologia all-flash, che consente di unire in un unico cluster logico anche array che si trovano geograficamente separati, è la via che ha scelto Pure Storgae per dare una risposta efficace al tema della continuità operativa e del Risk Management

 

ARTICOLI E INTERVISTE

Il Data Hub di Pure Storage dà valore alla Big Data analysis

È inutile avere grandi quantità di dati in azienda se da loro non si possono trarre informazioni utili al business. Il concetto di storage mirato allo stoccaggio, per quanto intelligente, dei dati, è sorpassato per Pure Storage, azienda che in soli 8 anni di vita ha raggiunto il fatidico billion di fatturato, grazie agli oltre 5.000 clienti a livello mondiale. «Il mercato sta via via prendendo consapevolezza della necessità di trarre revenue dai dati presenti in azienda – spiega Mauro Bonfanti, Regional Director Italy di Pure Storage -. I clienti si stanno via via affrancando da modelli Hadoop, volti alla conservazione dei dati per evolvere verso progetti di Big Data Analytics, volti a identificare informazioni da sfruttare per l’ottimizzazione del business, con il coinvolgimento diretto dell’Intelligenza Artificiale e del machine learning, che di dati, tanti dati, si nutrono».

 

Revenue dai Big Data con il Data Hub di Pure Storage

L’approccio del vendor verso il tema dei big data si basa su una piattaforma adattativa e aperta in grado di gestire dati svincolandosi dai classici silos, per nutrire AI e machine learning a beneficio del business.

 

Big Data Analytics: le previsioni di Pure Storage

Big Data Analytics, Cloud, Intelligenza Artificiale e Machine Learning svolgono un ruolo sempre più rilevante per quanto riguarda i processi aziendali. Mauro Bonfanti, Regional Director Italia di Pure Storage, porta la visione di Pure Storage sulle principali tendenze in materia di dati.

 

CASE STUDY E AMBITI DI APPLICAZIONE

Automotive, Medicina, Finance: serve uno storage all-flash per sostenere il carico dei dati

Quando si parla di settori data intensive, sicuramente il mondo dell’automotive, e le sue ricerche nell’ambito delle auto a guida autonoma, è uno dei primi ai quali si è portati a pensare. Sensori, videocamere per la cattura delle immagini, sistemi di Machine Learning, reti neurali sono tutti in campo per mettere a punto veicoli in grado di muoversi in sicurezza nell’ambiente. E, come sempre, lo snodo è sempre lo stesso: per sostenere grandi quantità di dati eterogenei e per analizzarli in tempo reale, così come le nuove applicazioni richiedono, serve una infrastruttura abilitante.

 

Popolare di Sondrio sceglie il cloud di Pure Storage per puntare su servizi innovativi

Banca Popolare di Sondrio sceglie Pure Storage per  gestire al meglio l’operatività IT in crescita e liberare tempo e risorse da destinare ad attività a maggiore valore aggiunto. «Oggi per affermarsi sul mercato e distinguersi dai competitor, ciò che conta è la qualità del prodotto insieme ai servizi ad esso correlati. Per questo crediamo fortemente che un sistema informatico aziendale efficiente ed efficace possa realmente fare la differenza nella definizione di una solida value-proposition», sono le parole diPiergiorgio Spagnolatti, responsabile Infrastrutture IT di Banca Popolare di Sondrio.

 

Il Comune di San Benedetto del Tronto sceglie le soluzioni Pure Storage

Il Comune di San Benedetto del Tronto si è affidato a Pure Storage per migliorare la gestione dei propri dati e  l’interazione con i propri cittadini. Sulla tecnologia 100% All-NVMe FlashArray del vendor girano server virtuali per funzionalità mission-critical legate alla posta elettronica, alla gestione documentale, agli application server e alla parte di anagrafe, tributi e flussi finanziari. I workload sono distribuiti su macchine diverse, che gestiscono 8 Terabyte di dati. Grazie all’implementazione della tecnologia Pure, il Comune è riuscito a ottenere una riduzione dei costi legati allo storage stimata intorno al 20%.

 

 

***

 

AREA TECH COMPANY / TRADE

Data Management e sistemi All-Flash a supporto di AI e Modern Analytics: tutto ciò che deve sapere il Canale ICT

Data Management Media Hub - Area Channel

Pure Storage è una realtà che oggi conta, a livello mondiale, oltre 4500 aziende clienti, principalmente in settori come Telco, Banche, Service Provider, ma anche Pubblica Amministrazione e mondo industriale.

In Italia l’azienda è strutturata con team di prevendita, sales e marketing ma l’approccio è totalmente indiretto e le aziende end user vengono raggiunte attraverso distributori, rivenditori, system integrator e partner tecnologici.

 

LE RISORSE DELL’INTELLIGENT DATA MANAGEMENT MEDIA HUB

 

ARTICOLI E APPROFONDIMENTI

Pure Storage apre ai servizi in cloud con AWS

Anche in Italia il cloud è realtà. Ce ne stiamo accorgendo, se ne sta accorgendo il canale e i cloud provider, al punto che Amazon Web Services ha deciso di investire nel prossimo futuro con l’apertura di un data center nel nostro Paese. Le opportunità derivanti dal mercato, compreso quello italiano, sono evidenti, quindi, e Pure Storageforte del suo focus sull’archiviazione dati e sulla gestione intelligente dei Big Data, ha deciso di appoggiarsi ad AWS per portare i propri servizi di storage e di backup e recovery in cloud a beneficio di una flessibilità estrema nel processo di migrazione delle aziende.

 

Pure Storage con StorReduce per la gestione dei dati non strutturati in cloud

È una acquisizione che le consente di guadagnare nuovo spazio nell’ambito della gestione dei dati non strutturati. E probabilmente è per questo motivo che la notizia dell’acquisizione, per una cifra non precisata, degli asset di StorReduce ha premiato sui mercati borsistici Pure Storage.

 

Pure Accelerate 2018: nuovo programma di canale e nuovo responsabile Emea, Pure Storage continua a crescere

Pure Storage ha scelto Pure Accelerate 2018, la sua convention annuale (l’ultima tenutasi a San Francisco a Maggio 2018), per gli annunci di canale: un nuovo programma per i partner che rinnova benefit, incentivi, certificazioni, formazione e servizi di supporto, tutto in funzione della vision aziendale, supportare le aziende nel raggiungimento di un “Intelligent Data Advantage”. In quell’occasione, Annunciata anche la nomina di Matthieu Brignone quale Head of EMEA Channel and Alliances.

 

Il mercato dà fiducia a Pure Storage che prosegue la corsa sull’all-flash

Una chiusura d’anno fiscale che conferma il successo del vendor che ha voluto focalizzarsi sullo storage all-flash fin dalla nascita: Pure Storage raggiunge il miliardo di euro di fatturato e conferma il modello 100% indiretto puntando su distributori, rivenditori e system integrator.

 

 

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn