NEWS

Atos e OVHcloud collaborano per accelerare lo sviluppo del quantum computing

In vista della conferenza France Quantum del 14 giugno, le due aziende uniscono le forze per rendere disponibile il simulatore quantistico di Atos attraverso l’offerta "as a service" di OVHcloud [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

Quantum Machine Learning
  1. Home
  2. News
  3. Atos e OVHcloud collaborano per accelerare lo sviluppo del quantum computing

Atos e OVHcloud hanno annunciato una partnership nel campo del quantum computing per rendere disponibile il simulatore quantistico di Atos attraverso l’offerta “as a service” di OVHcloud. Questa assoluta novità a livello europeo mira a rendere le applicazioni di simulazione quantistica più accessibili, ampliando in tal modo l’ecosistema incentrato sulle tecnologie del quantum computing. I centri di ricerca, le università, le startup e le grandi aziende beneficeranno così dell’opportunità di progettare software quantistico ed esplorare applicazioni pioneristiche con largo anticipo rispetto alla loro commercializzazione.

Promuovendo la progressiva affermazione dei campioni di domani nell’ambito del quantum, e sostenendo la loro diffusione a livello internazionale, Atos e OVHcloud si prefiggono di contribuire allo sviluppo di un ecosistema pronto per l’avvento delle tecnologie di quantum computing. Grazie a entrambi i player, gli attori pubblici e privati di questo nascente ecosistema avranno accesso a un ambiente di sviluppo disponibile ovunque si trovino, per testare componenti software “as a service”, prima del lancio effettivo dei primi computer quantistici.

Emulazione di fino a 38 qubit in doppia precisione

Attraverso la simulazione di un ambiente quantistico reale, questa tecnologia mira a riprodurre i vari approcci alla computazione quantistica. Grazie alla potenza del server BullSequana X800, QLM di Atos raggiunge capacità di simulazione senza pari sul mercato, permettendo di coprire fino a tre diverse modalità di programmazione quantistica (il modello gate, il modello annealing e il modello analogico). Una volta implementato all’interno di OVHcloud, gli utenti saranno in grado di emulare circuiti fino a 38 qubit in doppia precisione e di risolvere problemi di annealing quantistico fino a oltre 5.000 qubit.

Scalabile e interoperabile, il QLM di Atos consente lo sviluppo di livelli software quantistici indipendenti dall’hardware in modalità programmatica, annealing e analogica, grazie alla sua tecnologia di compilazione quantistica unica e brevettata. Questa tecnologia aprirà la strada alle prime applicazioni ottimizzate per i processori di prima generazione, note come NISQ (Noisy Intermediate Scale Quantum).

Scegliendo la tecnologia Atos come punto di riferimento per i suoi sviluppi futuri, OVHcloud sarà in grado di offrire soluzioni di calcolo quantistico attraverso i Jupyter Notebook, garantendo agli sviluppatori un facile accesso. Progettato secondo standard liberi e aperti, Notebook offrirà un livello di prestazioni variabile a seconda dell’infrastruttura, la quale beneficerà del lavoro già svolto in precedenza dai team di intelligenza artificiale di OVHcloud.

Con l’intento di rafforzare l’ecosistema digitale europeo attraverso l’implementazione dei futuri progressi tecnologici, Atos e OVHcloud si impegnano a incoraggiare l’adozione di questo nuovo paradigma per contribuire alla sovranità tecnologica dell’Europa e favorire la nascita di nuove eccellenze in questo ambito.

 

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

Atos OVHCloud quantum computing“La rivoluzione quantistica e la diffusione dei primi casi d’uso non possono essere realizzate senza il Cloud, la cui modalità di consumo e la libertà d’utilizzo sono in grado di unire in modo unico le comunità di esperti “, ha dichiarato Thierry Souche, CTO, OVHcloud.

 

 

Per Emmanuel Le Roux, SVP, Director of HPC, AI and Quantum, Atos,Grazie a OVHcloud possiamo offrire una versione cloud “as a service” per democratizzare e condividere maggiormente le nostre tecnologie di emulazione quantistica, così da prepararci al futuro. Siamo convinti che il futuro del calcolo ad alte prestazioni risieda nell’ibridazione delle nostre tecnologie, tra il calcolo tradizionale e l’integrazione di co-processori, acceleratori, tecnologie quantistiche e cloud”.

 

 

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn