Kasanova sceglie l’AI di Darktrace per proteggersi

Kasanova protegge centinaia di punti vendita sfruttando i sistemi di protezione di Darktrace alla base dei quali c'è un motore di Machine Learning per la protezione attiva dalle minacce informatiche [...]
cyber risk management
  1. Home
  2. News
  3. Kasanova sceglie l’AI di Darktrace per proteggersi

Darktrace annuncia che Kasanova ha implementato la tecnologia di Intelligenza Artificiale di Darktrace per difendere la rete di ben 500 negozi dalle minacce informatiche avanzate, garantendo sicurezza da attacchi non solo provenienti dall’esterno, ma anche interni.

Il primo player italiano nella vendita di casalinghi e articoli per la casa deve proteggere costantemente un ambiente digitale complesso composto da centinaia di punti vendita che, in un’ipotetico “buon fine” da parte di un attacco informatico, significherebbe garantire un danno notevole in termini sia economici che di reputazione.

Il pericolo non è dato solo dalle minacce provenienti dall’esterno, ma anche dalle crescenti vulnerabilità provenienti dall’interno, come ad esempio le connessioni anomale a siti sconosciuti e quindi poco sicuri e anche i tentativi privi di autorizzazione di installazione del software. A tal proposito il team di sicurezza di Kasanova ha scelto di implementare Darktrace in modo da proteggere la superficie di attacco che si sviluppa in maniera direttamente proporzionale alla crescita aziendale, offrendo una visibilità trasversale sugli ambienti SaaS, cloud e IoT.

«Abbiamo negozi praticamente in tutta Italia, per questo motivo individuare e rispondere alle criticità rispetto a ogni singolo negozio o dispositivo per noi era difficile e richiedeva tempo», commenta Luca Levati, IT Manager di Kasanova «Grazie a Darktrace la cyber IA oggi fa la maggior parte del lavoro oneroso e noi possiamo reagire a qualsiasi minaccia in corso in tempo reale».

WEBINAR
WEBINAR - Cloud: cogli tutte le opportunità! Meno costi, senza skill ad hoc e con dati in Italia
Cloud
Cloud Application

 

 

 

FacebookTwitterLinkedIn