News

IBM Watson: nuove opportunità per i fornitori di software con le librerie integrabili

Annunciata la disponibilità di tre nuove librerie software AI che possono essere integrate direttamente nelle applicazioni. I servizi includono NLP e sintesi vocale [...]
Pierluigi Sandonnini

giornalista

IBM Watson
  1. Home
  2. News
  3. IBM Watson: nuove opportunità per i fornitori di software con le librerie integrabili

IBM Watson oggi non è più un singolo sistema o un singolo servizio, ma è il marchio del prodotto per un set crescente di funzionalità di intelligenza artificiale (AI) IBM. Tali funzionalità includono l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP), la sintesi vocale e la funzionalità di sintesi vocale. Per supportare ISV e partner, IBM ha annunciato la disponibilità di tre nuove librerie software AI che possono essere integrate direttamente nelle applicazioni. I servizi includono NLP e sintesi vocale.

Integrare il codice dei servizi AI nelle applicazioni

Negli ultimi anni, IBM ha costantemente ampliato il proprio portafoglio di servizi AI che vengono eseguiti sia sul cloud IBM che sulle piattaforme cloud pubbliche di Google, Microsoft e Amazon. I servizi AI basati su IBM Watson sono accessibili anche tramite un’interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) che consente agli sviluppatori di utilizzare in remoto le funzionalità AI all’interno delle applicazioni.

Ciò che mancava al portafoglio Watson di IBM, tuttavia, era la capacità di integrare direttamente il codice dei servizi AI core nelle applicazioni in esecuzione localmente on-premise – o nella distribuzione cloud di un’organizzazione – senza dover attivare una chiamata API a IBM.

“C’è un intero esercito di fornitori di software indipendenti (ISV) e partner che stanno cercando di incorporare l’intelligenza artificiale nei loro prodotti e offerte software”, dichiara Sriram Raghavan, vice presidente della ricerca AI di IBM. “Abbiamo l’opportunità di essere il fornitore di funzionalità di base dell’AI aziendale che possono utilizzare per concentrarsi sull’innovazione”.

Cosa consentono le librerie software AI direttamente integrate di IBM Watson

Il fattore di forma della libreria software aggiunge un ulteriore livello di flessibilità per gli sviluppatori di software che desiderano utilizzare l’intelligenza artificiale.

Trattandosi di una libreria software direttamente incorporata in un’applicazione, non è necessario che l’applicazione si connetta a una risorsa IBM esterna. Per le applicazioni che devono risiedere localmente o che potrebbero gestire informazioni riservate in cui non sono consentite chiamate esterne, la presenza di codice che fa parte di un’applicazione è essenziale per le operazioni.

Incorporare le librerie AI direttamente nelle applicazioni software è qualcosa che IBM ha fatto per il proprio software per diversi anni.

WHITEPAPER
Sai come implementare una rivoluzione dell’IT?
Digital Transformation
Software

NLP, ad esempio, può potenzialmente essere una base di codice molto ampia data la complessità e la varietà di casi d’uso che potrebbe servire. Con la libreria software incorporabile, IBM ha ottimizzato l’offerta per aiutare gli ISV a utilizzare il codice necessario per le funzioni che desiderano offrire.

In che modo gli ISV possono incorporare direttamente le librerie IBM AI con i container

IBM ha sviluppato una serie di architetture di riferimento per le implementazioni che utilizzano le sue librerie software AI. È un modello che non è poi così diverso da qualsiasi altra distribuzione di applicazioni aziendali moderne.

L’intera offerta per NLP può essere implementata da tre a sei container, in esecuzione su un sistema di orchestrazione dei container Kubernetes, come la piattaforma OpenShift di IBM Red Hat. IBM non impone l’uso di alcuna specifica tecnologia di accelerazione o inferenza AI.

Raghavan ha spiegato che, ad esempio, se un ISV desidera utilizzare la libreria NLP per eseguire l’analisi del sentiment su una parte di testo, ciò che sta invocando in quel momento è un modello pre-addestrato che sta effettivamente facendo inferenza.

Altre novità in arrivo da IBM Watson

Facendo un ulteriore passo avanti, IBM Watson mira a rendere più facile per gli ISV personalizzare i modelli pre-addestrati senza la necessità di ripetere completamente il training dei modelli, il che può essere un processo lungo e complicato. Raghavan ha sottolineato che le prime tre librerie software AI che IBM sta rilasciando sono solo l’inizio, con il potenziale per ulteriori librerie nei mesi e negli anni a venire.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn