ANALISI

Le banche centrali chiamate alla sfida dell’AI



Indirizzo copiato

Un rapporto della Banca dei Regolamenti Internazionali afferma che questa tecnologia avrà un profondo impatto sul sistema finanziario globale

Pubblicato il 26 giu 2024



prompt banking

Le banche centrali devono tenere il passo con l’AI, definita un “game changer”. La tecnologia avrà un impatto profondo sul sistema finanziario globale, afferma la Banca dei Regolamenti Internazionali. La BRI, oltre a evidenziare i benefici per le banche centrali nell’adottare l’AI, ha anche avvertito delle vulnerabilità della tecnologia. Secondo la Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), le banche centrali devono urgentemente “migliorare le proprie competenze” per affrontare le sfide e le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale, che sta trasformando economie e sistemi finanziari. Le conclusioni della BRI, delineate in un rapporto pubblicato il 25 giugno, sottolineano la consapevolezza delle autorità finanziarie globali di dover tenere il passo con l’ondata di innovazione generata dall’AI generativa, inclusi i modelli linguistici di grandi dimensioni come ChatGPT.

L’AI game changer che avrà un impatto profondo

L’organizzazione, che fornisce servizi bancari alle banche centrali mondiali, ha condotto diversi esperimenti utilizzando questa tecnologia. Ha affermato che l’AI potrebbe essere “un game changer per molte attività e avere un impatto profondo” sull’economia più ampia e sul sistema finanziario.

“C’è un bisogno urgente per le banche centrali di migliorare le proprie competenze”, ha aggiunto. “Prove recenti suggeriscono che l’AI aumenta direttamente la produttività nei compiti che richiedono abilità cognitive”, ha dichiarato la BRI, citando uno studio del gigante fintech cinese Ant Group, secondo cui i suoi programmatori erano il 55% più produttivi quando utilizzavano un modello linguistico di grandi dimensioni per aiutare nella codifica. Tuttavia, la BRI sembra meno sicura su cosa significhi l’AI per l’inflazione: potrebbe agire come una forza deflazionistica aumentando la produttività dei lavoratori — come molti hanno previsto — ma potrebbe anche aumentare i prezzi incrementando la domanda.

Pur evidenziando i benefici dell’utilizzo dell’AI nelle operazioni delle banche centrali, l’organizzazione con sede a Basilea ha anche segnalato diversi potenziali rischi legati alla tecnologia, come il rischio di fornire informazioni errate e la sua vulnerabilità agli attacchi informatici.

Le banche centrali sono caute nell’adozione dell’AI generativa

“L’AI influenzerà i sistemi finanziari così come la produttività, il consumo, gli investimenti e i mercati del lavoro, che a loro volta hanno effetti diretti sulla stabilità dei prezzi e finanziaria”, ha affermato. “Per affrontare queste nuove sfide, le banche centrali devono migliorare le proprie capacità sia come osservatori informati degli effetti dei progressi tecnologici sia come utenti della tecnologia stessa.” Addestrata su grandi set di dati, l’AI generativa è in grado di sostenere conversazioni simili a quelle umane e produrre contenuti unici. Molte aziende hanno colto al volo questa tecnologia per ottenere un vantaggio competitivo sin dalla sua comparsa lo scorso anno, incluso nel settore finanziario. Ma le banche centrali sono state più caute a causa delle preoccupazioni riguardanti affidabilità, rischi legali e trasparenza.

La Federal Reserve statunitense ha iniziato a esplorare come potrebbe utilizzare l’intelligenza artificiale nelle proprie operazioni interne; tuttavia gli ufficiali stanno procedendo con cautela senza considerarne ancora l’utilizzo nelle politiche operative. La Bank of England ha dichiarato quest’anno di utilizzare l’AI “per supportare e migliorare” le sue capacità in ambiti quali previsione della crescita economica, stress nel settore bancario e crisi finanziarie.

Limiti alla sostituzione degli esseri umani nelle banche centrali

Il Financial Times ha recentemente rivelato che la Banca Centrale Europea ha iniziato a utilizzare l’intelligenza artificiale per velocizzare molte delle sue attività più ordinarie: dalla redazione di briefing alla sintesi dei dati bancari fino alla scrittura del codice software e alla traduzione dei documenti. La BRI ha affermato che ci sono limiti a quanto questa tecnologia possa sostituire gli esseri umani nelle banche centrali: “Sebbene possa eseguire compiti che richiedono abilità cognitive moderate ed eventualmente sviluppare capacità ’emergenti’, non è ancora in grado di svolgere compiti che richiedono ragionamento logico e giudizio”, si legge nel rapporto. Ma la BRI ha identificato diverse aree in cui le banche centrali potrebbero trarre vantaggio dall’uso dell’AI: ad esempio nei sistemi di “nowcasting” per analizzare enormi quantità di dati in tempo reale al fine di individuare accumuli di rischi finanziari o prevedere recessioni economiche. Altri utilizzi includono il rilevamento del riciclaggio di denaro sporco.

Il Progetto Aurora contro il riciclaggio

La BRI ha dichiarato che il suo Progetto Aurora aveva testato la capacità dell’AI nel trovare denaro sporco nei dati sui pagamenti scoprendo che “modelli basati sull’apprendimento automatico superano i metodi tradizionali basati su regole prevalenti nella maggior parte delle giurisdizioni”. Tuttavia ha avvertito che questa tecnologia comporta anche rischi: ad esempio quando i modelli AI vengono corrotti da “attacchi ai dati”, rendendoli vulnerabili alla manipolazione. L’uso diffuso dell’AI potrebbe portare a bias discriminatori sollevando questioni sulla privacy dei dati ed una dipendenza da pochi grandi fornitori dei modelli stessi; inoltre potrebbero esserci rischi per la stabilità finanziaria se molte istituzioni finanziarie utilizzassero gli stessi algoritmi poiché ciò “potrebbe amplificare prociclicità e volatilità del mercato esacerbando fenomeni gregari , accaparramento della liquidità , corse agli sportelli ed incendi vendite ” , si legge nel rapporto .

Articoli correlati

Articolo 1 di 4