Open-F@b Call4Ideas 2018: riparte la caccia all'innovazione sostenibile
20 ottobre 2018
FacebookTwitterLinkedIn

Open-F@b Call4Ideas 2018: riparte la caccia all’innovazione sostenibile

Al via Open-F@b Call4Ideas 2018. Quest'anno BNP Paribas Cardif premierà le tre soluzioni più innovative che hanno un impatto sociale positivo sulle persone e sulla società nel suo complesso

Open-F@b Call4Ideas 2018
Redazione - @AI4Business_it

 

Creare un ecosistema che abbia un impatto positivo sulle persone e sulla società. E’ questa la linea seguita da BNP Paribas Cardif per la quinta edizione di Open-F@b Call4Ideas 2018, il contest internazionale promosso dalla compagnia assicurativa italiana in collaborazione con InsuranceUp.it.

Quest’anno Open-F@b Call4Ideas premierà le tre soluzioni più innovative che hanno un impatto sociale positivo sulle persone e sulla società nel suo complesso, le startup e gli innovatori hanno tempo fino al 22 ottobre per proporre idee e soluzioni tecnologiche che vadano nell’ottica dell’innovazione sostenibile.

 

Open-F@b Call4Ideas, a chi è rivolta la call

Open-F@b Call4Ideas 2018 si rivolge a start-up, scale-up e imprese innovative, imprenditori, giovani studenti e chiunque proponga un’idea innovativa o una soluzione che possa incidere positivamente sui cittadini, sulle famiglie e sulla società, in diversi ambiti:

  • la tutela della salute delle persone per migliorare e semplificarne lo stile di vita;
  • l’educazione alla gestione del rischio attraverso tecnologie all’avanguardia che aiutino a conoscere meglio i rischi finanziari;
  • il supporto al welfare aziendale per contribuire a migliorare la vita dei dipendenti;
  • la protezione della persona e del suo benessere per aiutarla a sentirsi più sicura e proiettata verso un futuro migliore;
  • lo sviluppo di un’economia etica e sostenibile con attenzione alla protezione della persona, attraverso soluzioni che contribuiscano a migliorare la sua vita e la sua integrazione nella società;
  • la condivisione delle risorse per la mobilità a basso impatto energetico e ambientale e lo sviluppo di una città smartsempre più connessa, costruita a misura d’uomo;
  • la protezione dei soggetti più «indifesi» ed esposti ai pericoli come bimbi, donne, e anziani.

“Si va dalla protezione della persona e del suo benessere alla salute, dalle tecnologie per migliorare e semplificare la vita degli individui all’educazione alla gestione del rischio, ampliando allo sviluppo di un’economia etica e sostenibile, con strumenti economici a sostegno dei più deboli, alle soluzioni per favorire la condivisione delle risorse per la mobilità, riducendo così l’impatto sull’ambiente, al company welfare e a nuove idee per una città smart e sostenibile, sino alle tecnologie per proteggere i soggetti più indifesi ed esposti ai pericoli come bimbi, donne e anziani. La dinamicità di start-up, scale-up e imprese innovative, l’esperienza degli imprenditori, la freschezza dei giovani studenti e la creatività di chiunque abbia un’idea innovativa si metteranno così in gioco per creare un processo virtuoso di cambiamento che incida positivamente sui cittadini, sulle famiglie e sulla società”, si legge in una nota della società.

 

LE PROPOSTE DI PARTECIPAZIONE DEVONO ESSERE INVIATE ENTRO IL 22 OTTOBRE

INFO, REGOLAMENTO E FORM DI ADESIONE SUL SITO INSURANCEUP.IT

 

Open-F@b Call4Ideas: principi che valgono anche per le imprese consolidate

La tematica al centro di Open-F@b Call4Ideas 2018 è in linea con gli obiettivi strategici del Gruppo BNP Paribas. Sono, infatti, 155 i miliardi che la Banca, fra le prime 100 aziende mondiali in materia di sviluppo sostenibile, ha destinato nel 2017, a livello globale, al finanziamento di progetti e iniziative che contribuiscono direttamente al raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Anche per gli imprenditori a livello mondiale puntare su questi fattori non è più solo un “dovere”, ma anche una chiave di successo per le proprie aziende, come dimostra il report Global Elite Entrepreneurs Report di BNP Paribas[1]: il concetto di impatto positivo, che consiste nel garantire che le attività, gli  investimenti e le pratiche personali possano migliorare il mondo, ha cambiato alcune dinamiche negli interessi degli imprenditori, tanto che il 55% ha impegnato una parte della propria ricchezza per raggiungere risultati socialmente responsabili e otto su dieci credono che l’imprenditorialità sia il modo migliore per generare un impatto globale o locale, in particolare per quanto riguarda la salvaguardia dell’ambiente.

 

 

 

[1] Il Global Elite Entrepreneurs Report di BNP Paribas analizza le ragioni del successo dei creatori di ricchezza a livello mondiale. Le interviste sono state effettuate ad oltre 2.700 imprenditori multimilionari in 22 paesi che gestiscono un patrimonio complessivo di 36 miliardi di dollari.

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi