FacebookTwitterLinkedIn

Realtà virtuale e aumentata nella produzione industriale

Originariamente sviluppate come tecnologie per il gioco e l’intrattenimento, la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) stanno rapidamente guadagnando terreno nel settore della produzione industriale. Jonathan Wilkins, direttore marketing presso il fornitore di componenti per l’automazione EU Automation, spiega come realtà virtuale e realtà aumentata possano essere utilizzate nella fabbrica per migliorare la sicurezza e aumentare la produttività.

Realtà virtuale e realtà aumentata
di Jonathan Wilkins*

Più di 200 anni fa, il filosofo tedesco Immanuel Kant descrisse la realtà virtuale come una realtà che esiste nella nostra mente ed è distinta dal mondo fisico esterno. Oggi usiamo questo termine in modo diverso, ma il concetto di realtà virtuale conserva ancora l’idea di Kant di un mondo che non è tangibile, ma che la nostra mente può percepire chiaramente.

Esistono diversi modi per manipolare digitalmente la percezione della realtà da parte di un individuo. Il più semplice consiste nel manipolare la percezione del mondo esterno da parte dell’utente aggiungendo elementi digitali, una tecnica chiamata realtà aumentata (AR). Ad esempio, i turisti possono vedere informazioni su edifici storici proiettate direttamente sulle facciate degli edifici grazie a speciali occhiali a realtà aumentata, come accade a Casa Battló a Barcellona. La realtà virtuale (VR) porta questa tecnologia a un livello successivo, sostituendo completamente la realtà dell’utente con una generata digitalmente.

Di recente, il settore manifatturiero ha scoperto il potenziale della realtà aumentata e virtuale in termini di riduzione dei costi e di aumento della sicurezza e della produttività. Ma quali sono, esattamente, le applicazioni di queste tecnologie rivoluzionarie nella fabbrica?

Velocizzare la produzione attraverso realtà virtuale

La realtà virtuale è attualmente utilizzata per migliorare il l’approccio all’analisi predittiva. Mentre la ricerca di difetti nella progettazione di un prodotto può richiedere settimane di analisi dei dati, interagire digitalmente con il prodotto consente di individuare un difetto di progettazione nel giro di pochi minuti. Lo stesso procedimento può essere applicato ad un’intera linea di produzione. Simulando il processo di produzione in un ambiente virtuale, i produttori sono in grado di rilevare strozzature e aree che richiedono miglioramenti.

La realtà virtuale elimina inoltre la necessità di costruire modelli reali su larga scala, il che risulta molto conveniente in settori come la produzione aerospaziale, dove la realizzazione di prototipi può essere estremamente costosa.

Aumentare la sicurezza

La sicurezza è un altro ambito in cui la realtà virtuale può essere applicata con successo. Simulando digitalmente i processi di produzione, è possibile individuare anticipatamente le manovre pericolose. Il gigante del settore automobilistico Ford, ad esempio, ha già ridotto gli infortuni dei dipendenti in misura del 70% grazie alla realtà virtuale.

Lo stesso procedimento può essere usato per migliorare la sicurezza dei consumatori simulando le circostanze reali in cui verrà utilizzato un prodotto. Ad esempio, i produttori automobilistici possono riprodurre varie condizioni meteo e di traffico per ottimizzare le caratteristiche di sicurezza dei loro veicoli.

Realtà aumentata per manutenzione e formazione

La realtà aumentata può agevolare la manutenzione. Ad esempio, le informazioni di cui i tecnici hanno bisogno durante il controllo o la riparazione di una macchina possono essere proiettate direttamente sul componente su cui stanno intervenendo. In questo modo si elimina la necessità di consultare grafici e manuali di istruzioni, accelerando il processo. Inoltre, le informazioni proiettate guidano l’operatore, in modo che anche un lavoratore relativamente inesperto possa eseguire le riparazioni necessarie.

Allo stesso modo, la realtà aumentata può essere utilizzata per fornire il supporto di esperti senza dover far volare gli specialisti da un capo all’altro del mondo. Qualsiasi dipendente dotato di occhiali a realtà aumentata può infatti essere guidato da remoto da uno specialista, che fornisce supporto semplicemente simulando le azioni che il dipendente deve eseguire. Questa tecnica può inoltre essere utilizzata per formare nuovi dipendenti. Inoltre, sia la realtà aumentata che quella virtuale possono fornire un eccellente supporto nella preparazione del personale per le procedure di emergenza.

Per Kant, la realtà virtuale era qualcosa che esisteva solo nella nostra mente, ma oggigiorno realtà aumentata e realtà virtuale hanno applicazioni pratiche che i produttori più lungimiranti stanno già sfruttando.

 

***

Jonathan Wilkins, direttore marketing di EU Automation

 

 

*Jonathan Wilkins è direttore marketing presso il fornitore di componenti per l’automazione EU Automation

 

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi